HOME - Cronaca
 
 
14 Febbraio 2018

Tassa radiografici, ancora poche ore per pagare


È fissata per venerdì 16 febbraio 2018 la scadenza per il pagamento dei premi INAIL "speciali anticipati" per la detenzione degli apparecchi RX.

In una nota ANDI ricorda che "l'importo del premio speciale per gli apparecchi radiologici è impostato su un sistema tabellare che comprende premi speciali annui per singolo apparecchio, fissati con Decreto Ministeriale, diversificati in relazione alla tipologia degli apparecchi ed al luogo dove sono installati".

L'importo da versare è comunicato direttamente dall'INAIL tramite PEC o invio cartaceo "qualora non abbiate ricevuto i conteggi per eseguire il pagamento nei termini", ricorda ANDI, "potrete rivolgervi alla sede INAIL competente per territorio e sollecitare l'invio oppure contattare il vostro Consulente del lavoro che a mezzo della procedura "di messa in delega" ha la possibilità di consultare i dati del proprio cliente online sul sito INAIL".Il pagamento dell'importo indicato dovrà essere effettuato compilando la sezione INAIL del Modello F24, il mancato o tardato pagamento del premio dovuto comporta l'applicazione di sanzioni civili ed interessi di mora.

Altri Articoli

Sarà possibile scaricarlo già dopo la prima dose, l’alternativa è il tampone. Ecco per cosa servirà e come ottenerlo


Chiarello: posticipare per consentire ai nostri consulenti di completare il conteggio delle nostre dichiarazioni


L’obiettivo dell’auto check-up è quello di sensibilizzarli sull’importanza di mantenere comportamenti sani per la tutela della salute, cominciando da bocca e denti


Alleanza per la Professione Medica presenta mercoledì 28 luglio il suo “Manifesto per il rilancio della sanità italiana”


Nuove scadenze per i versamenti delle tasse e degli acconti, contributi per chi acquista e sulla commissione del POS e bonus sanificazione


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I rischi dell’implantologia “fai da te”