HOME - Cronaca
 
 
22 Febbraio 2018

Linee guida anti contenziosi, decreto vara comitato organizzativo che le pubblicherà


L'Italia si dota di un sistema nazionale di linee guida, con un organismo per accettarle nell'"empireo" delle regole che tolgono il medico dai guai in caso di contenzioso, e un sito per accoglierle con il contributo di società scientifiche accreditate. L'ok sul decreto del Ministero della Salute non c'è ancora, la conferenza delle regioni vorrebbe più rappresentanti e non uno solo - il coordinatore degli assessori salute - nel comitato strategico preposto a gestire il sistema, ma per il resto la strada tracciata nel 2004 con l'accenno a un sistema linee guida nazionale e lo scorso anno con la legge sulla sicurezza delle cure, è ora percorribile.

La legge 24 agli articoli 5 e 6 prevede la non perseguibilità penale del medico o del sanitario che si attengano alle raccomandazioni previste dalle linee guida elaborate da enti ed istituzioni pubbliche e private e da Società scientifiche o associazioni tecnico scientifiche iscritte ad un apposito elenco istituito con decreto dello scorso agosto. Peraltro, il sanitario non è perseguibile solo in caso di imperizia e fatte salve le specificità del caso concreto. Inoltre, il decreto che detta i criteri d'ammissione delle società scientifiche nell'elenco non è conclusivo, solo in autunno si è ad esempio sostituita la soglia minima del 30% di rappresentatività indispensabile per entrare in elenco con una più generica "adeguata rappresentativitaÌ nella disciplina o specializzazione o area o settore di riferimento". Le società scientifiche "rappresentative" inseriranno nella piattaforma "Sistema nazionale linee guida" gestita dall'Istituto superiore di sanità la proposta che intendono avanzare od eventuali aggiornamenti, indicando titolo, argomento, contenuti e destinatari; entro 30 giorni l'ISS deciderà se ammettere o no la proposta ad un percorso di valutazione. L'ammissione avverrà tenendo conto di quanto quella specifica area è già coperta da linee guida, di quanto non si disponga di linee guida concomitanti e di altre sette priorità di cui dovrà tenere conto il comitato strategico che gestirà il sistema e cioè: l'impatto epidemiologico delle patologie sulla salute degli italiani; la variabilità delle pratiche professionali non giustificate da evidenze disponibili; la diseguaglianza di processi ed esiti assistenziali; i benefici potenziali traibili in funzione dell'introduzione della linea guida; il tipo e la qualità delle evidenze disponibili; il rischio clinico elevato; infine, le istanze sociali e i bisogni percepiti dalla popolazione.

Il comitato strategico a sua volta sarà guidato dal Presidente ISS e avrà per componenti il direttore generale del Centro nazionale per l'eccellenza clinica dell'ISS, quattro direttori di dipartimento del ministero della Salute (Programmazione, Prevenzione, Ricerca, Professioni), i direttori generali di Agenas ed Aifa e il coordinatore degli assessori, ma qui le Regioni chiedono altri rappresentanti. Di volta in volta questo comitato potrà consultare esperti e associazioni dei cittadini, federazioni ordinistiche dei sanitari, persino società scientifiche fuori dall'elenco. Ma torniamo all'iter delle "nostre" linee guida: entro 15 giorni l'Iss, dopo aver deciso, comunicherà l'ammissione o meno al percorso di valutazione. La pubblicazione sul sito sarà possibile previa verifica della conformità della metodologia adottata a standard definiti e resi pubblici dallo stesso ISS e della rilevanza delle evidenze scientifiche dichiarate a supporto delle raccomandazioni. Una volta consultabili nel punto d'accesso ISS, le linee guida verranno.

Articoli correlati

Con la dott.ssa Ricci abbiamo approfondito il tema cercando di capire le regole, chi controlla, perché devono essere applicate anche in un settore dove il rischio è basso


Replica dell’Istituto Superiore di Sanità alle critiche verso le Indicazioni per la prevenzione del rischio legionellosi nello studio odontoiatrico


Il commento del dott. Mele alle nuove regole in tema di prevenzione della Legionellosi nello studio odontoiatrico


Secondo i dati del 2018, nessun caso certo di contagio è avvenuto nello studio odontoiatrico. Lo 0,8% dei casi notificati si erano, anche, sottoposti a cure odontoiatriche nei 10 giorni precedenti 


L’obiettivo è contenere il rischio di infezione. Il documento è rivolto a tutti coloro che sono coinvolti nell’erogazione, in ambito pubblico e privato, di prestazioni odontostomatologiche 


Altri Articoli

Cohen (DentalPro): anche le nostre aziende sono penalizzate nonostante le nostre cliniche siano aperte e sicure 


Collaborazione che ha l’obiettivo di preparare gli studenti ad entrare nel mondo del lavoro usufruendo di servizi e attività


Potranno ottenere il 200% di quanto ricevuto con il decreto Rilancio. Stanziati anche 30 milioni per medici e pediatri che si renderanno disponibili a fare i tamponi


Il caso del dentista di Monreale positivo, riapre i dubbi sugli obblighi nei confronti del personale di studio e dei pazienti, ecco una mini guida. I dubbi sulle Aso e personale di segreteria


La CAO La Spezia manifesta la disponibilità a Regione, ASL e Provincia affinché la rete dei medici odontoiatri della provincia sia inserita nel sistema di screening attraverso l’utilizzo dei...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


14 Ottobre 2020
Vedo moderno ed avviato studio a Milano

Moderno e avviato studio dentistico, regolarmente autorizzato, mq 80, predisposto per due unità operative, stanza sterilizzazione, radiografico opt e dotato di strumentazione per esercitare le principali branche odontoiatriche, spogliatoio e bagno per il personale, bagno per pazienti. Possibilità di subentro graduale con varie soluzioni. Milano, zona Bicocca-Niguarda. Trattativa riservata. 345 9776587. mail: aumas001@gmail.com

 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Emergenza Covid ed odontoiatria: il punto con il presidente Iandolo