HOME - Cronaca
 
 
27 Febbraio 2018

Nomenclatore delle prestazioni odontoiatriche e tariffario indicativo

La CAO convocherà un tavolo tecnico per realizzarli

Norberto Maccagno

Un nomenclatore con le caratteristiche delle prestazioni odontoiatriche ed un tariffario indicativo riconosciuto dalla professione e pubblicato dal Ministero della Salute potrebbero vedere la luce a breve. Ad annunciarlo il presidente della CAO Nazionale Raffaele Iandolo (nella foto) sabato scorso durante la tavola rotonda organizzata dal CIC sull’equo compenso durante la V Conferenza Permanente dei Presidenti a Roma.  

“Sono due iniziative separate”, spiega ad Odontoiatria33 il presidente Iandolo. “Già nel 2008 e nel 2013 la CAO nazionale con il CIC aveva elaborato un nomenclatore delle prestazioni odontoiatriche. Partiremo da quanto già elaborato per aggiornare il lavoro e completarlo anche alla luce delle raccomandazioni cliniche ministeriali”.  

L’iniziativa annunciata dal presidente Iandolo prevede la convocazione, al più presto, di un tavolo per l’elaborazione del nomenclatore: tavolo composto dai due principali sindacati di categoria, ANDI ed AIO, dall’Università, dalle Società Scientifiche ed in un secondo tempo anche dai rappresentanti dei consumatori.

Un nomenclatore delle prestazioni odontoiatriche che diventa indispensabile anche per l’odontoiatria pubblica, per i terzi paganti, per l’odontoiatria forense, ogni volta che si deve elencare le prestazioni odontoiatriche e le loro caratteristiche”.   Una volta licenziato il nomenclatore, ed individuate le prestazioni odontoiatriche e le loro caratteristiche, la CAO vuole elaborare un tariffario indicativo delle prestazioni, come peraltro previsto dalla Legge 27/2012.  

“La questione è meno immediata di quanto possa sembrare”, ammette Iandolo. “Dovremo riprendere i contatti con il Ministero sulla questione e poi attivare un tavolo che coinvolga gli stessi soggetti coinvolti per il nomenclatore. L’obiettivo è quello di realizzare un tariffario indicativo delle prestazioni odontoiatriche sulla base del nomenclatore, un tariffario indicativo che sia il più condiviso possibile, che sia la vera fotografia della professione”.  

“Il tariffario indicativo –conclude Iandolo- è oggi estremamente necessario anche in funzione della Legge sull’equo compenso pur toccando la nostra professione per i rapporti tra professionisti e strutture, ma soprattutto per poter dare indicazioni agli organi giurisdizionali quando devono stabilire un onorario professionale anche per la liquidazione del danno e possa dare al paziente delle indicazioni corrette”.    

Articoli correlati

Credo che nessuno possa, oggi, ipotizzare se il Ddl Lorenzin diventerà mai legge. La Commissione Sanità del Senato, decidendo di approvare il documento senza modifiche rispetto al testo...


Mentre arriva l'approvazione del Decreto Fiscale che ha introdotto per tutti i professionisti il diritto all'equo compenso, la Commissione Albo Odontoiatri dell'Ordine di Roma pubblica sul sito...


Il parere (negativo) dell'AGCM sull'equo compenso non è stato recepito dalla politica che ha approvato il provvedimento. Ma l'equo compenso ed il tariffario unico sono veramente un impedimento alla...


Le tariffe professionali fisse e minime costituiscono una grave restrizione della concorrenza, in quanto impediscono ai professionisti di adottare comportamenti economici indipendenti e, quindi, di...


"Mentre siamo ormai prossimi alla definitiva approvazione della legge sul lavoro autonomo, si evidenzia la necessità di tutelare tanto i professionisti quanto i consumatori reintroducendo le...


Altri Articoli

Quando la tecnologia elide l'imperfezione, nel rispetto dell'idea di tempo ben speso, è allora che la sintesi tra intelligenza artificiale e umana conquista vette altissime. Altrimenti si riduce ad...


Si chiama “Costituente delle Idee” il progetto presentato dal PD che lo definisce “uno strumento per chiamare a raccolta una parte del Paese che vuole combattere”. “Dovrà essere una...


Dopo aver raccolto più di 400 reclami dai propri iscritti, di cui quasi 200 arrivati nel primo semestre 2019, AltroConsumo ha deciso di rivolgersi all’Autorità Garante della Concorrenza e Mercato...


“Bene la flat tax delle famiglie, ma non lasciamo a metà il lavoro fin qui fatto su professionisti e partite Iva. Bisogna infatti allargare il regime agevolato anche agli studi professionali,...


La FNOMCeO prende atto della delibera dell’AGCM sulle quote societarie delle StP ma ritiene che l’interpretazione letterale della norma di cui all'art. 10, comma 4, lett. b), legge n....


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi