HOME - Cronaca
 
 
13 Marzo 2018

Lo studio era di un vero dentista ma a lavorare era un diplomato odontotecnico

Denunciati in provincia di Taranto, studio ed immobile sequestrato


E’ stata la Guardia di Finanza di Taranto a scoprire, in flagranza di reato, un diplomato odontotecnico mentre curava dei pazienti nello studio medico di proprietà di un iscritto all’Ordine; titolare anche di altri due studi in provincia di Bari.

Secondo quanto riportato dalla stampa locale, sarebbe stato accertato che diversi dei clienti curati dal finto dentista non conoscevano la sua vera identità, ma erano convinti fosse il veo titolare dello studio.

Finto dentista e titolare dello studio sono stati denunciati per esercizio abusivo di una professione medica e le attrezzature, ma anche l’immobile, sono state poste sotto sequestro.

 

Articoli correlati

Immagine di repertorio

Scoperto dalla Guardia di Finanza di Forlì, è stato denunciato e gli studi posti sotto sequestro. Attivati anche accertamenti fiscali


Nei guai anche il titolare dello studio. A scoprila il Nas che ha sottoposto a sequestro l’immobile e le attrezzature utilizzate


Originaria dell’Ecuador pubblicizzava lo studio allestito nell’appartamento dove viveva. Scoperta dalla Polizia


Lei era titolare della società intestataria dello studio e lui curava i pazienti ma non aveva la laurea, scoperti a Paestum


Immagine di repertorio

A scoprirlo e denunciarlo il NAS di Catania ed i carabinieri di Pietraperzia, sequestrato anche lo studio. Cassarà (CAO Enna), ci costituiremo parte civile.


Altri Articoli

Dopo la richiesta di chiarimenti da parte delle farmacie, sulla percentuale minima di etanolo per i prodotti disinfettanti a base alcolica, arriva la risposta dell'Istituto superiore di sanità che...


La disparità di trattamento, in tema di aiuti causa pandemia, tra attività gestite da un iscritto ad un Albo professionale e quella da un cittadino munito di partita iva è...

di Norberto Maccagno


Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni