HOME - Cronaca
 
 
30 Marzo 2018

Sequestrato nel torinese studio odontoiatrico attrezzato per interventi estetici e di chirurgia complesse

Mancavano le autorizzazioni necessarie


I Carabinieri del NAS di Torino hanno denunciato un medico-odontoiatra della provincia del capoluogo piemontese, per aver attivato un ambulatorio di chirurgia complessa in assenza di specifica autorizzazione sanitaria regionale.

“Nel corso di una verifica ispettiva svolta presso lo studio dentistico –informa una nota dell’Arma- i militari hanno accertato che il sanitario, una donna 45enne, effettuava interventi di chirurgia ambulatoriale complessa mediante sedazione cosciente endovenosa e interventi complessi di chirurgia estetica di blefaroplastica all’interno di una sala chirurgica priva di autorizzazione regionale che garantisse la sicurezza degli impianti e delle attrezzature utilizzate”.  

Al fine di porre termine all’attività potenzialmente pericolosa per la salute dei pazienti, la sala chirurgica e le strumentazioni mediche sono state sottoposte a sequestro penale.

Articoli correlati

Scoperti complessivamente 305 medici, odontoiatri e sanitari non vaccinati irregolarmente al lavoro. A Torino sequestrati due studi odontoiatrici


Verificate quasi 5 mila posizioni. Chi sorpreso a lavorare è stato denunciato per l’ipotesi di reato di esercizio abusivo della professione sanitaria. Ecco tutti i casi odontoiatrici segnalati


Controlli negli studi trentini. negli ultimi giorni sono 4 i titolari di studio sanzionati per inosservanza delle norme anti Covid sui luoghi di lavoro. Sanzionate e denunciate le ASO


Iscritto all’Ordine di Trento era stato sospeso, ma i militari dl Nas lo trovano a lavorare in studio e lo denunciano


Il fatto risale al 2016 quando, ad Udine, i miliari del NAS scoprivano e denunciavano un diplomato odontotecnico di 55 anni a curare pazienti senza averne i titoli. Ad aiutarlo, informa la stampa...


Altri Articoli

Il presidente Ghirlanda lancia l’allarme: tanti studi stanno chiudendo e molti giovani che iniziano la professione, spesso da consulenti, perdono il lavoro


Nemico che Maurizio Quaranta intende come effetto collaterale del virus ritenendo che il settore dentale lo stia non considerando o sottovalutando


Nel Decreto sostegni previsti 150 milioni per le eventuali richieste di indennizzo per i danneggiati, in modo irreversibile, obbliati a sottoportisi alle vaccinazioni Covid


Uno studio, pubblicato sul Journal of Prosthetic Dentistry, analizza le (poche) “quote rosa” delle principali Società di protesi negli USA. E in Italia?


La lettura, ironica, data da alcuni lettori su Facebook della sentenza del Tar Lombardia che ha accolto il ricorso di un dentista sospeso dall’ATS perché non vaccinato, consentendo di...

di Norberto Maccagno


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
chiudi