HOME - Cronaca
 
 
05 Aprile 2018

Successo per l’edizione numero 20 del congresso SIdP

Il racconto dell’evento, l’elenco dei lavori premiati


Si è svolto dal 15 al 17 marzo scorsi a Rimini, nella moderna cornice del PalaCongressi, il XX Congresso Nazionale SIdP, al quale hanno preso parte oltre 1800 delegati fra Odontoiatri, Igienisti e Studenti di Odontoiatria e Igiene dentale. La giornata pre-congressuale del giovedì ha visto lo svolgimento in contemporanea di due appuntamenti: quello dello Spazio giovani e dello Spazio ricerca.     

Lo Spazio giovani, appuntamento rivolto ai soci SIdP under 40 e agli studenti dell’ultimo anno del CLMOPD, ha affrontato il tema del piano di trattamento riabilitativo del paziente parodontalmente compromesso, mediante una discussione dei casi attraverso il metodo didattico interattivo “Problem Based Learning”. Il lavori di questo moderno laboratorio di giovani professionisti diretto dal Dott. Luigi Minenna sono stati coordinati dai dott. Matteo Marzadori e Giorgio Pagni

 Nella seconda parte della mattinata si è tenuto lo sponsor forum moderato dal Prof. Leonardo Trombelli, sul tema della ricerca e dello sviluppo per la salute parodontale ed implantare.

Il pomeriggio del giovedì ha ospitato il corso pre-congressuale sul tema “Agenesia dei settori anteriori: scelte terapeutiche e prognosi a lungo termine”, che ha visto relazionare Stefano Parma Benfenati, Aldo Crescini ed Andrea Savi, coordinati dal Prof. Luca Ramaglia.

In contemporanea si sono tenute le presentazioni degli otto lavori finalisti al prestigioso Premio Goldman 2018. La commissione valutatrice era composta da figure d’eccellenza nazionali in ambito clinico e della ricerca, quali Pierpaolo Cortellini, Mauro Donati e Carlo Tinti. Il premio per la ricerca di base è stato assegnato al Dott. Paolo Ghensi ed il premio per il miglior lavoro clinico al Dott. Marco Clementini.   La giornata di giovedì ha visto anche la valutazione del Premio G. Vogel per il miglior caso clinico il cui coordinamento è stato affidato al Dott. Alessandro Crea ed al Prof. Luca Francetti e che è stato attribuito alla Dott.ssa Maria Di Martino, ed il premio M. Cagidiaco, rivolto agli Igienisti Dentali e agli Studenti del CLID, sotto il coordinamento di Stefano Chieffi e Claudia Dellavia: il premio è stato assegnato alla Dott.ssa Campanelli Infine, prima dell’attesissimo Perioparty, nell’Auditorium e nella Sala del Castello, alcuni relatori di fama nazionale ed internazionale, hanno tenuto delle interessanti relazioni  per gli Sponsor Forum, inerenti la ricerca e lo sviluppo in terapia implantare e la ricerca e lo sviluppo per la salute orale.

Venerdì il Congresso Nazionale ha aperto ufficialmente i battenti con la lettura inaugurale del Prof. Sandro Spinsanti, che ha ricordato ai medici e agli studenti presenti, come l’eticità di una terapia sia da ricercare, in special modo nel periodo storico in cui ci troviamo a vivere, nella personalizzazione della stessa.  

La successiva Lectio Magistralis del Dott. Pierpaolo Cortellini è stata improntata al riconoscimento della centralità della Parodontologia all’interno del piano di trattamento. Dopo una parte introduttiva in cui venivano ricordati i contributi dei soci della SIdP alla ricerca e alla promozione di un approccio clinico e scientifico incentrato sul rispetto dei tessuti biologici, il dott. Cortellini ha presentato una carrellata di casi e studi clinici in cui diversi elementi hopeless venivano trattati con successo, invitando i presenti ad un’accurata analisi sulla prognosi degli elementi dentari, troppo spesso sacrificati precocemente.  

Nello spazio Sidp con voi, il presidente Aimetti ha presentato il nuovo progetto della Società, la creazione di un canale informativo digitale Salute denti e gengive in partnership con l’Agenzia di stampa ANSA, principale attore della comunicazione giornalistica in italia a quinto nel mondo. La SIdP di ripropone di raggiungere mediaticamente un’ampia parte di popolazione e di poter diffondere l’importanza della prevenzione e della cura della malattie parodontali attraverso una moderna educazione in parodontologia.

Sotto il coordinamento di Gianfranco Carnevale, i lavori scientifici sono iniziati con le relazioni della Dott.ssa Giulia Mariani e del Dott. Alessandro Crea, che hanno tenuto una relazione sul primo, e sempre necessario, step da compiere da parte di ogni clinico: una corretta diagnosi. Si è posta l’attenzione in special modo sui fattori di rischio legati al singolo individuo, sull’analisi radiografica e sulle più recenti possibilità diagnostiche: gli esami microbiologici, genetici e metabolomici, in grado di aiutare il clinico nella formulazione della prognosi parodontale.

Nel pomeriggio, con il coordinamento di Mauro Merli, Andrea Gesi, Francesco Cairo, Giuliano Maino, Fabio Carboncini e Silvia Bresciano hanno affrontato un argomento di sicuro interesse: l’appropriatezza e la prognosi del trattamento multidisciplinare, dalla prospettiva di specialisti delle diverse branche dell’odontoiatria (endodonzia, parodontologia, ortodonzia, protesi), ma anche dell’igienista dentale, fondamentale collaboratore, responsabile del mantenimento a lungo termine della riabilitazione eseguita.

Nella giornata di sabato, il coordinatore Claudio Gatti ha guidato la relazione di chiusura, straordinariamente interattiva, con i preziosi contributi dei Dott. Luca Landi, Carlo Clauser e Nicola Sforza, i quali hanno fatto il punto sull’appropriatezza e la prognosi della terapia implantare, spaziando dalla corretta valutazione pre-operatoria, anche radiografica, fino ad arrivare all’esecuzione di procedure avanzate, quali gli aumenti di volume della cresta alveolare.

In contemporanea, con il coordinamento di Giovanni Gagliardi, nella Sala del Castello, si è tenuta la sessione riservata agli Igienisti dentali, dal titolo “Appropriatezza e prognosi: l’igiene dentale va in scena”. La mattina si è aperta con una relazione che è alla base del lavoro del clinico: come non  comunicare con il paziente. I relatori, Lapo Baglini e Simone Grandini, hanno sottolineato l’importanza della comunicazione per far aderire le terapie ai nostri pazienti, considerando quali possano essere gli errori che potrebbero portarci alla mancanza di collaborazione da parte dei nostri pazienti e sottolineando le strategie da utilizzare.

A seguire, Luca Francetti ha esposto quali sono i fatti di rischio e le comorbidità correlate alla malattia parodontale che possano influenzare negativamente le terapie, ponendo l’accento sugli stili di vita e la gestione delle malattie sistemiche e sull’importanza nel portare il paziente a modificare le proprie abitudini. Antonella Abbinate ha esposto la sua relazione parlando di quali sono le Lesioni Cervicali Non Cariose e quanto l’igienista Dentale sia importante nella gestione e nella prevenzione delle stesse, adottando strategie preventive e terapeutiche personalizzate per ogni singolo paziente. Per concludere, Luigi Minenna e Irene Scardovelli hanno intrattenuto l’audience con una presentazione a due, ponendo l’attenzione sull’importanza del lavoro di squadra e del feeling tra Igienista Dentale e Odontoiatra per la prognosi implantare favorevole. E’ importante la riabilitazione impianto-protesica lege artis come anche la capacità di prevenire e trattare le infiammazioni e i fattori di rischio legati al sito e al paziente.

La SIdP da appuntamento a tutta la comunità scientifica a Bologna per il Corso di Aggiornamento dal titolo Il malposizionamento implantare: come evitarlo, come porre rimedio in calendario il 18 e 19 maggio. 


A cura di: Ufficio Stampa


Premi SIdP per meriti scientifici:


  • Premio H.M. GOLDMAN: la ricerca di base 2018

CARATTERIZZAZIONE METAGENOMICA DEL MICROBIOMA PERI-IMPLANTARE: VERSO UNA NUOVA DEFINIZIONE DEI MICRORGANISMI ASSOCIATI A MUCOSITE E PERI-IMPLANTIT

Paolo Ghensi*, Paolo Manghi*, Moreno Zolfo*, Edoardo Pasolli*, Federica Armanini*, Alberto Bertelle**, Federico Dell’Acqua***,  Ester Dellasega****, Romina Waldner*****, Claudio Soldini******, Cristiano Tomasi*******, Nicola Segata* * CIBIO (Centre for Integrative Biology), University of Trento, Trento, Italy; ** Private Practice, Trento; *** Private Practice, Pergine Valsugana; **** Private Practice, Cavalese; ***** Consultant, Trento; ****** Department of Neurosciences, University of Padova, Padova; ******* Department of Periodontology, University of Gothenburg, Gothenburg, Sweden  


  • Premio H.M. GOLDMAN: la ricerca clinica 2018

IL RUOLO DEL PERIOSTIO NELLA STABILITÀ MARGINALE DEL LEMBO SPOSTATO CORONALMENTE. STUDIO CLINICO RANDOMIZZATO Clementini Marco(1), Discepoli Nicola(2), Danesi Carlotta(1), de Sanctis Massimo (1) (1) Dipartimento di Parodontologia, Università Vita-Salute San Raffaele, Milano, Italy; (2) Dipartimento di Parodontologia, Università degli Studi di Siena, Siena, Italy 


  • Premio M. CAGIDIACO 2018

IL CONTROLLO DOMICILIARE DI IGIENE ORALE IN PAZIENTI AFFETTI DA GENGIVITE DESQUAMATIVA: VARIAZIONE DEI PARAMETRI CLINICI E BIOMOLECOLARI DOPO UTILIZZO DI UNO SPAZZOLINO SONICO O MANUALE Campanelli L.A.1, Curmei E.1, Di Matteo C.1, Morano G.2, D'Orazio C.2, Esposito G.2, Arduino P.1, Romano F. 1, Aimetti M. 1  1Sezione di Parodontologia, C.I.R Dental School, Dipartimento di Scienze Chirurgiche, Università di Torino; 2Libero professionista ~ Torino - Italia


  • Premio G. VOGEL per il miglior caso clinico 2018

TERAPIA CHIRURGICA PARODONTALE

Maria Di Martino libero professionista Svizzera, Università Vita e Salute San Raffaele Milano    


  • Spazio Ricerca  2018

Attestato di riconoscimento per il valore scientifico COMPARISON OF DIFFERENT CHEMICAL AND MECHANICAL DECONTAMINATION MODALITIES ON TITANIUM DENTAL IMPLANTS: A IN VITRO MODEL OF A PERI-IMPLANTITIS DEFECT Citterio Filippo, Romano Federica, Manavella Valeria, Zanotto Elisa*, Barbui Anna Maria*, Aimetti Mario  C.I.R. Dental School - Department of Periodontology ~ Turin; * C.A.O. Città della Scienza e della Salute - S.C. Microbiologia e Virologia U ~ Turin      

Tag

Articoli correlati

Un’indagine SIdP rileva che un italiano su 5 tra i 35 e i 70 anni teme che non potrà permettersi le cure odontoiatriche e vede a rischio le sue condizioni di salute orale


La paura del contagio non frena il ritorno nello studio dentistico dopo il lockdown, 8 pazienti su 10 li reputano sicuri. Le conferme da una ricerca SIdP


Oltre mille odontoiatri ed igienisti dentali “incollati” allo schermo per una sicura ripartenza della Parodontologia Italiana


SIdP ricorda come il lockdown possa aver messo a rischio le gengive, già a rischio di 8 milioni di italiani e consiglia al più presto una visita urgente 


Prof. Breschi: ascoltiamo scienziati, ricercatori, comunità medica e scientifica, di evitare notizie non verificate così da prevenire l'estensione della disinformazione che potrebbe causare ondate...


Altri Articoli

Dopo il DiDomenica della scorsa settimana in cui chiedevo una mano per fare alcune riflessioni sul primo passo per diventare dentisti, iscriversi al Corso di laurea, in questo affrontiamo...

di Norberto Maccagno


Cronaca     10 Luglio 2020

Abusivo denunciato a Roma

Immagine di archivio

Scoperto a seguito delle segnalazioni di alcuni pazienti. Posto sotto sequestro anche lo studio


Un webinar organizzato dalla CAO di Varese ha analizzato il periodo di pandemia attraverso sondaggi effettuati su dentisti europei, lombardi e della provincia di Trento. Riguarda l’intero evento


Disposizione contenuta nel Decreto Semplificazioni. Sanzioni anche per gli Ordini che non vigileranno o non comunicheranno gli elenchi  


Scarica il capitolo tratto dal libro “Approccio sistematico alla terapia ortodontica con allineatori”, manuale che analizza l’approccio basato sull’uso di allineatori senza perdere di vista...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION