HOME - Cronaca
 
 
21 Maggio 2018

L’Odontoiatria di Comunità entra nel Gruppo Tecnico sull’Odontoiatria

Nominati due rappresentanti dell’Associazione Nazionale Primari Ospedalieri (ANPO)

Nor. Mac.

Il Ministero della Salute ha nominato due nuovi componenti del Gruppo Tecnico sull’Odontoiatria: il dott. Fulvio Campolongo (segretario ANPO) e il dott. Antonio Miotti (componente consiglio di presidenza ANPO), rispettivamente Primari ospedalieri a Trento e Udine. Con la nomina dei due nuovi componenti, il Ministero ha probabilmente voluto inserire all’interno del Gruppo Tecnico sull’Odontoiatria -strumento a disposizione del Ministero della Salute per nell'elaborazione di indicazioni, pareri e linee guida specifiche su temi odontoiatrici- dei referenti per l’Odontoiatria di Comunità a sottolineare come la questione dell’odontoiatria pubblica ed il ruolo del SSN in campo odontoiatrico, sia una di quelle sulle quali il prossimo Governo dovrà dare risposte.  

“L’auspicio del Collegio dei Primari odontoiatri dell’ANPO –spiega ad Odontoiatria33 Fulvio Campolongo (nella foto con il dott. Miotti)- è quello di contribuire a riscrivere “Odontoiatria di comunità: criteri di appropriatezza clinica, tecnologica e strutturale” (Quaderni del Ministero della Salute - n. 7 gennaio-febbraio 2011) arricchendolo di contenuti normativi - livelli essenziali di assistenza - realmente applicati”.

Credo si debba finalmente dare un senso al fin troppo abusato detto prevenire è meglio che curare –continua- applicandolo nei programmi di prevenzione pubblica potrebbe rappresentare uno stimolante traguardo, sia considerandolo nel contesto clinico sia nei riguardi della sostenibilità del sistema salute”. 

I primari ospedalieri, ricorda Campolongo, possono essere “una preziosa risorsa in grado di esprimere le migliori competenze nell’ambito dell’Odontoiatria, Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo Facciale del SSN, competenze utili ad un auspicato coordinamento delle funzioni di rete in un sistema di "hub and spoke", con un ruolo sussidiario rispetto all'offerta odontoiatrica territoriale”. 

Alcune realtà pubbliche locali hanno dimostrato, infatti, la possibilità di un reale sviluppo della prevenzione odontoiatrica nell'età evolutiva, sempre nell'ottica di quanto il Servizio Sanitario Nazionale dovrebbe offrire, con attenzione ad una sostanziale sostenibilità economica per un reale miglioramento dello stato di salute dei cittadini. 

I due nuovi componenti ospedalieri del Gruppo Tecnico sull'Odontoiatria, conclude Campolongo “confidano di trasferire le conoscenze e le competenze specifiche acquisite nelle rispettive realtà territoriali, Trentino e Friuli Venezia Giulia, esempio frequente di esperienze organizzative d’avanguardia”.


Altri Articoli

Poco più della metà della popolazione europea (55%) ha dichiarato che nel 2017 le spese mediche sostenute non sono state un peso dal punto di vista economico. I dati arrivano dalla ricerca annuale...


Dall'1 gennaio 2019 sono entrate in vigore le nuove norme in materia di pubblicità dei servizi sanitari contenute ai commi 525 e 536 dell’art. 1 della Legge 30 dicembre 2018 n. 145 (Legge di...


Definire paletti e proposte e concordare una strategia di azione, anche con un confronto diretto con le istituzioni, per la gestione di personale e servizi con l'obiettivo di garantire universalità...


I Carabinieri della Stazione di Rocca di Capri Leone (provincia di Messina) hanno denunciato un diplomato odontotecnico e un medico di base accusati di esercizio abusivo della professione...


Egregio Direttore,   la notizia dell’entrata in vigore della “indennità per invalidità assoluta temporanea” per il liberi professionisti ENPAM non è di quelle che...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi