HOME - Cronaca
 
 
25 Maggio 2018

ENPAM, via a tutela maternità per le studentesse

Rinnovato il bonus bebè per tutte le iscritte


La Fondazione ENPAM rinnova per il 2018 l’iniziativa del bonus bebè destinato alle iscritte, e per la prima volta estende la tutela della genitorialità alle studentesse del V e VI anno dei corsi di laurea in Medicina e Odontoiatria che hanno scelto di iscriversi all’Ente. 

Le dottoresse avranno diritto a un assegno di 1.500 euro per le spese del primo anno di vita del bambino o dell’ingresso del minore in famiglia in caso di adozione o affidamento. Nelle spese sono comprese anche quelle di nido e babysitter. Il sussidio bambino, che si aggiunge all’indennità di maternità, può essere chiesto una sola volta per ciascun figlio ed è vincolato a una soglia di reddito (reddito lordo annuo medio degli ultimi tre anni, di qualsiasi natura e dell’intero nucleo familiare non superiore a 8 volte il trattamento minimo Inps). Si può fare richiesta per tutti i bambini nati dall’1 gennaio 2017 al 27 luglio 2018. 

Per quanto riguarda le laureande, oltre al bonus bebè alle stesse condizioni di tutte le altre iscritte, potranno chiedere alla Fondazione un sussidio per la maternità di circa 5mila euro

“La tutela della genitorialità – ha commentato il presidente Alberto Oliveti– racchiude il senso del welfare allargato che la Fondazione sta perseguendo in questi anni. Vogliamo infatti sostenere i professionisti e i futuri medici andando a intercettare, fin dal momento del percorso formativo, i loro bisogni perché non diventino motivo di fragilità”. 

Gli eventi tutelati (nascita, adozione o affidamento e interruzione di gravidanza dal terzo mese) devono essersi verificati dal 13 settembre 2017, data in cui si sono aperte le iscrizioni all’ENPAM per gli studenti universitari, e fino alla data di scadenza del bando, che si chiuderà alle ore 12 del 27 luglio 2018.  

Per avere diritto all’importo integrale del sussidio è necessario che la studentessa si sia iscritta all’ENPAM prima di essere diventata mamma. Le domande potranno essere presentate all’ENPAM esclusivamente online, accedendo con le proprie credenziali all’area riservata del sito enpam.it

A cura di: Ufficio Stampa ENPAM

Articoli correlati

Due le possibilità per gli iscritti, una applicabile da subito, l’atra solo se i Ministeri vigilanti daranno parere favorevole. Ecco le indicazioni di ENPAM


I liberi professionisti devono indicare il reddito annuo conseguito nel 2019. Le Società devono versare lo 0,5% del fatturato, oltre 4milioni di euro quanto versato lo scorso anno


Condividendo la volontà di differire il pagamento dei contributi previdenziali del 2018, i presidenti Rossi e Senna chiedono un rinvio anche per quelli dovuti nel 2020


Il 17 settembre il CDA dovrebbe votare per la proroga di alcune delle attuali scadenze, poi la palla passa ai Ministeri vigilanti


Richiedibile attraverso ENPAM, il decreto Agosto indica chi lo riceverà in automatico, chi deve presentare domanda e quali sono i limiti di reddito per ottenerlo


Altri Articoli

Riferito ai 4 mesi di pandemia è a disposizione di imprese e attività professionali con alcune limitazioni. Possibile decidere di “cederlo” 


Lo rivela uno studio pubblicato su Frontiers in Public Health. Secondo i ricercatori serve però tempo


Aggiornamento dell’Elenco delle società scientifiche e delle associazioni tecnico-scientifiche delle professioni sanitarie. Entro fine ottobre le domande


Una ricerca su JADA è lo spunto per le considerazioni del prof. Gagliani nella sua Agorà del Lunedì. L’argomento è la comunicazione della prevenzione, ma anche il valore delle revisioni...

di Massimo Gagliani


L'EFP lancia una nuova campagna internazionale per spiegare la relazione tra malattie cardiovascolari e salute delle gengive sulla base delle più recenti prove scientifiche e del contributo...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I u201ctrucchiu201d per convivere con il rischio Covid in studio