HOME - Cronaca
 
 
25 Maggio 2018

CAO e FNOMCeO chiedono al Garante della privacy chiarimenti su DPO e non solo

Iandolo: volgiamo essere coinvolti nelle prossime decisioni


Come Odontoiatria33 aveva anticipato, FNOMCeO e CAO intervengono per chiedere chiarimenti, e lo fanno nel giorno dell’entrata in vigore del Regolamento europeo sulla Privacy .

Comprendiamo la delicatezza del momento politico – commenta il presidente nazionale della Commissione Albo Odontoiatri, Raffaele Iandolo (nella foto) -, ma questo non aiuta a creare un clima di chiarezza e a dare certezze ai cittadini e ai professionisti. Penso ovviamente in particolare agli odontoiatri, che, nel nostro paese, sono ancora in gran parte liberi professionisti che lavorano in uno studio monoprofessionale”.  

E per dare qualche certezza in più a medici e od odontoiatri, Iandolo, insieme al presidente della FNOMCeO Filippo Anelli, ha preso carta e penna e ha scritto al Garante italiano della privacy, per chiedere un incontro su alcuni temi ancora controversi.   Tra questi se i medici e gli odontoiatri, che esercitano la libera professione nel loro studio, in forma singola o associata, debbano in tutti i casi dotarsi di un Responsabile della protezione dei dati, il famoso Dpo (data protection officer), un esperto indipendente ed esterno che vigili sull’applicazione del Gdpr.  

“La questione è dibattuta: negli studi monoprofessionali la figura del Dpo non sarebbe obbligatoria ma ‘fortemente raccomandata’ – continua Iandolo-. Proprio su questo punto verterà in particolare il nostro incontro con il presidente Soro, in modo da poter rispondere con certezza alle molte domande che si pongono i nostri professionisti”.  

La FNOMCeO ha chiesto oggi anche di essere inserita nel ciclo di audizioni che si terranno, sulla materia, nelle Commissioni speciali per gli esami di atti di Governo di Camera e Senato.        

Articoli correlati

Il Garante della Privacy Antonello Soro interviene sui rischi della sanità digitale e sottolineato la necessità di più garanzie


Attenzione ai messaggi ricevuti attraverso PEC, possono contenere programmi malware, a rischio anche quelli che sembrano provenire dall’Agenzia delle Entrate o dall’Ordine


Gli otto mesi di tolleranza previsti dopo l’approvazione del Decreto legislativo di armonizzazione al nuovo regolamento europeo sulla Privacy, sono scaduti ieri 20 maggio. Da oggi potrebbe...


Il medico deve stare tranquillo in tema di privacy, il 2019 - anno di applicazione "a regime" del regolamento europeo "GDPR" - inizia sotto il segno di sindacati che stanno lavorando per metterlo in...


Tra le norme introdotte dalla Legge di Stabilità 2019, il comma 53 sostituisce l’articolo 10 bis del decreto-legge 23 ottobre 2018,  n. 119, convertito, con modificazioni, dalla...


Altri Articoli

Maria Costanza Meazzini guiderà ECPCA fino al 2013, durante il suo mandato l’organizzazione del Congresso internazionale a Milano. Le Congratulazione del Governatore Fontana


Il Garante della Privacy dà il via libera al MEF per inserire tra le professioni che devono inviare i dati, anche quelle iscritte ai nuovi Albi delle professioni sanitarie che fatturano al paziente


Interessante decisione della CCEPS chiamata a giudicare la sanzione ad un direttore sanitario per mancata vigilanza in tema di abusivismo e quando decorre la prescrizione del reato 


A finire nei guai tre diplomati odontotecnici, un assistente alla poltrona e un direttore sanitario. In provincia di Forlì-Cesena chiuso studio senza direttore sanitario 


Al Congresso SUMAI si è parlato anche di odontoiatri nel SSN: Magi, Ghirlanda, Fiorile pronti al dialogo con il Ministero per cercare di risolvere la questione


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi