HOME - Cronaca
 
 
05 Giugno 2018

Ministro Grillo pienamente operativo

Passaggio di consegne al Ministero, sul tavolo le questioni in attesa. Queste quelle odontoiatriche


“Sono tanti i dossier aperti di cui occuparci e che hanno anche una certa urgenza. Quindi ora mi trovo a prendere atto del contingente. Poi cercheremo di iniziare a lavorare, il prima possibile, rispetto al contratto 5 Stelle-Lega, cercando di capire come realizzare le novità che vogliamo introdurre”. A dirlo ieri, nel giorno del passaggio di consegne con il ministro uscente Beatrice Lorenzin, il neo ministro della Salute Giulia Grillo. Con Beatrice Lorenzin, ha sottolineato il neoministro, “c'è stato un vero e proprio passaggio di consegne che ho molto apprezzato. Mi ha presentato una serie di questioni, in particolare quelle devono ancora essere completate”.

Tra queste, ha concluso, “i decreti attuativi che mancano sulla legge sulla responsabilità medica, le coperture per il nomenclatore tariffario e le nomine in scadenza”. 

Con molta probabilità nel passaggio di consegne non sono state citate le questioni odontoiatriche aperte, come il decreto attuativo che dovrebbe indicare le sanzioni per le strutture che non adottano il direttore sanitario unico, come previsto dalla Legge Concorrenza, a quelli necessari per rendere operativa la riforma degli ordini. 

Si dovrà anche caprie come il neo Ministro vorrà utilizzare il Gruppo Tecnico dell’Odontoiatria appena rinominato dal Ministro Lorenzin e le scelte su Linee guida e sui Lea odontoiatrici fino alle questioni sulle quali che da tempo la categoria chiede interventi, a cominciare dalla pubblicità sanitaria, l’armonizzazione delle norme in materia di autorizzazione sanitaria e degli incentivi per l’accesso alle cure. 

Photo Credit: pagina facebook del Ministro Grillo

Articoli correlati

La disparità di trattamento, in tema di aiuti causa pandemia, tra attività gestite da un iscritto ad un Albo professionale e quella da un cittadino munito di partita iva è...

di Norberto Maccagno


Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


Quali gli strumenti da adottare, quali le indicazioni. Prof. Azzolini: attraverso gli occhi il virus può infettare gli operatori


Il Decreto rilancio posticipa la scadenza prevista dal Cura Italia e consente ancora per qualche giorno di richiedere il bonus dei 600 euro per il mese di marzo


Altri Articoli

Dopo la richiesta di chiarimenti da parte delle farmacie, sulla percentuale minima di etanolo per i prodotti disinfettanti a base alcolica, arriva la risposta dell'Istituto superiore di sanità che...


La disparità di trattamento, in tema di aiuti causa pandemia, tra attività gestite da un iscritto ad un Albo professionale e quella da un cittadino munito di partita iva è...

di Norberto Maccagno


Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni