HOME - Cronaca
 
 
19 Giugno 2018

Chiude la catena spagnola iDental, migliaia di pazienti lasciati senza cure

Ordine e associazioni dei consumatori chiedono interventi alla politica per evitare altri casi simili

Norberto Maccagno

Dopo mesi di trattative e tentativi di salvataggi finanziari, la catena spagnola iDental ha chiuso le sue cliniche in Spagna. A darne notizia la stampa iberica oltre al Collegio degli odontoiatri spagnolo (Consejo Dentistas), che da tempo aveva denunciato la situazione. Oltre 10 mila i pazienti rimarsi senza cure e con i finanziamenti da pagare, secondo l’associazione dei consumatori Torre Ramona che indica in 25 milioni di euro il valore “della truffa”.

Alcuni giornali spagnoli si spingono ad indicare in oltre 60 mila i cittadini rimasti senza cure.  Secondo il resoconto fatto dalla stampa, la Catena aveva cercato nuovi finanziatori che prendessero il posto dei fondi di investimento che si erano sfilati, investitori che si sarebbero “ritirati dopo aver esaminato i conti”. Il presidente del Consejo Dentista, Oscar Castro, torna a chiedere di “adottare norme per proteggere tutte le persone colpite e prevenire tali situazioni drammatiche in modo che non possano ripetersi”.  

A questo proposito, il presidente Castro torna a puntare il dito contro la pubblicità sanitaria e la necessità di regolamentarla chiedendo “regole chiare e specifiche in tutto la Spagna”.

Una pubblicità, ricorda il presidente che sia “approfondita, accurata, comprensibile, sulla base di etica e conoscenze scientifiche in modo da non confondere il cittadino con messaggi fuorvianti”. Presidente Castro che ricorda come “molti di questi problemi potrebbero essere evitati se venisse applicata la legge 2/2007”che permette agli Ordini di sanzionare le società commerciali (poiché è equiparata al professionista, dal momento che fornisce un servizio con professionisti) secondo i termini stabiliti nel corrispondente regime disciplinare dal suo codice professionale.  

Per cercare di aiutare i pazienti lasciati senza cure, e con i conti “finanziati” da saldare, è intervenuto anche il Ministero della Salute che sul proprio sito ha pubblicato una guida con le iniziative da intraprendere per i pazienti lasciati senza cure da iDental.   


Photo Credit: consejodentistas.es

Articoli correlati

Il Senato spagnolo ha approvato due mozioni volte a regolamentare la pubblicità sanitaria e tutelare il consumatore


Il Consiglio dell’Ordine ha dato mandato ad un pool di avvocati guidato dal presidente Catricalà per sostenere le limitazioni in tema di pubblicità commerciali in sanità


Richiesto al Ministero della Salute un report con tutti i procedimenti attivati dai vari ordini delle professioni sanitarie, odontoiatri inclusi, per violazione dell’art. 525 della 145/18


Óscar Castro ha incontrato i rappresentanti di diversi partiti politici spagnoli affrontando questi due temi di grande importanza


Il commento dell’avvocato Silvia Stefanelli alla sentenza del TAR che impone all’Ordine di consentire l’accesso agli atti delle sentenze disciplinari


Altri Articoli

A presentare il provvedimento la Senatrice Paola Boldrini che sostanzialmente ripropone il testo che nel 2007 ebbe parere favorevole dal Consiglio Superiore di Sanità


Ghidini: serve una riforma dell’odontoiatria per favori accesso alle cure, l’emendamento Lorefice va nella direzione di tutelare i pazienti


La Camera approva all’unanimità (un solo contrario) il Decreto Legislativo che ora passa al Senato per l’approvazione definitiva. Soddisfazione del Ministro e dei presidenti del Collegio dei...


Iandolo: provvedimento che tutela i pazienti. Non ci saranno perdite di posti di lavoro, la quasi totalità delle società attualmente attive potrà riconvertirsi in STP


Si dice preoccupato il presidente CAO di La Spezia nel vedere trasformare la pandemia in una “guerra ideologica” che porta a passare sopra a principi inviolabili e ruoli costituiti


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

L’odontoiatria al digitale non è solo protesi