HOME - Cronaca
 
 
20 Giugno 2018

Prestazioni a tariffe calmierate per i cittadini socialmente deboli

Protocollo d’intesa tra Comune di Molfetta e Ordine di Bari


Nella foto da sinistra: Alessandro Nisio presidente CAO Bari e componente della CAO nazionale, Filippo Anelli presidente FNOMCeO, Nicola Esposito già presidente CAO BariNella foto da sinistra: Alessandro Nisio presidente CAO Bari e componente della CAO nazionale, Filippo Anelli presidente FNOMCeO, Nicola Esposito già presidente CAO Bari

Fornire cure odontoiatriche a costi agevolati a cittadini con difficoltà economiche è l’obiettivo che si propone il protocollo d’intesa tra il Comune di Molfetta e l’Ordine dei medici di Bari. L’iniziativa, si legge in una nota ella FNOMCeO, “nasce a partire dalla constatazione del fatto che molti italiani vivono una situazione di fragilità economica e sociale, che li porta a rinunciare alle cure odontoiatriche, coperte solo in parte dal Servizio Sanitario Nazionale/Regionale”.  

Nello specifico, l’accordo prevede l’erogazione, da parte dei dentisti aderenti della provincia di Bari, di prestazioni odontoiatriche a tariffe concordate, nell’ambito delle terapie conservative, endodontiche, chirurgiche e protesiche.

Gli iscritti all’Albo degli odontoiatri dell’Omceo di Bari riceveranno dall’Ordine la richiesta di adesione al progetto e l’accettazione delle tariffe concordate; l’elenco degli aderenti sarà a disposizione dell’Assessorato ai Servizi Sociali del Comune di Molfetta, che farà scegliere al cittadino, beneficiario del servizio, l’odontoiatra che, eseguita la visita e redatto il piano di cure, verrà inviato ai referenti dell’Assessorato che daranno, previa autorizzazione, il consenso a effettuare le seguenti prestazioni di diagnosi e cura nei confronti di minori o adulti: visita odontoiatrica, ablazione del tartaro e insegnamento igiene orale, sigillatura molari e premolari, estrazione dei denti parodontalmente compromessi, protesi parziale in resina con ganci a filo, protesi totale in resina, otturazioni per lesioni cariose e cure canalari di mono e pluriradicolari. 

“In un momento di crisi, in cui vengono messi in discussione i principi di uguaglianza, solidarietà ed equità del servizio sanitario nazionale, la professione medica deve ribadire il proprio ruolo di garante del diritto alla salute del cittadino” – afferma Filippo Anelli, Presidente OMCeO Bari e Fnomceo – “Il medico ha un ruolo sociale di tutela della salute pubblica, con particolare attenzione a chi si trova in condizione di fragilità. Credo che difendere questo ruolo e il carattere solidaristico ed equo del nostro sistema sia oggi di fondamentale importanza. La sostenibilità della Sanità non deve mai andare a discapito dei più deboli”. 

“Questo protocollo risponde all’esigenza di offrire a soggetti fragili cure che altrimenti non potrebbero permettersi e a promuovere la prevenzione in ambito odontoiatrico, che è fondamentale per la salute del paziente” – dichiara Alessandro Nisio, Presidente Commissione Albo Odontoiatri dell’Ordine dei medici di Bari – “L’odontoiatria sociale sarà uno degli aspetti centrali dell’azione della CAO nei prossimi anni. La professione odontoiatrica deve infatti essere capace di rispondere ai principi di solidarietà e sostenibilità che il contesto attuale richiede, rafforzando sempre più i principi dell’etica e della deontologia che ci hanno insegnato i nostri padri nel rispetto e nella tutela della salute del paziente/cittadino”. La proposta d’intesa per la disciplina dell’accesso alle cure odontoiatriche di persone in stato di fragilità sociale era stata presentata il 17 marzo 2017 dal Commissario Straordinario del Comune di Molfetta all’Ordine dei medici di Bari, in particolare alla Commissione Albo Odontoiatri allora presieduta da Nicola Esposito, che si è subito attivata perché si realizzasse.

“L’intesa –motivano i promotori-conferma la grande disponibilità della Professione di andare incontro alle esigenze di cura e alle difficoltà economiche dei pazienti, ribadendo il ruolo dell’Ordine nella tutela della salute del cittadino e riaffermando la sua funzione di collegamento fra medico e paziente.

Articoli correlati

Commentando l’articolo sull’apertura di un novo ambulatorio odontoiatrico a Firenze, Alexander Peirano (CAO Firenze) pone delle riflessioni sulle scelte del SSN


Presentate le integrazioni al programma di odontoiatria sociale già attivo nella Regione.


Da oltre mezzo secolo l’Acse, l’ambulatorio dei Padri Comboniani, di via del Buon Consiglio a Roma, rappresenta un punto di riferimento per tutte quelle persone costrette ai margini della vita...


Si chiama “Costituente delle Idee” il progetto presentato dal PD che lo definisce “uno strumento per chiamare a raccolta una parte del Paese che vuole combattere”. “Dovrà essere una...


L’iniziativa mira a creare un percorso di screening per prevenire le patologie della salute dentale bambini tra i 6 ed i 12 anni. l percorso prevede che il Pediatra del piccolo paziente lo invii...


Altri Articoli

Un sistema matematico che trasforma una richiesta iniziale in una risposta finale coerente ed efficacie nella chirurgia guidata


Approfondimento in occasione del terzo Simposio Internazionale sul trattamento dei tessuti molli parodontali e perimplantari a Firenze


Un fatto di cronaca consente di approfondire sul tema. I pareri dell’avvocato Giungato e del presidente CAO Guarnieri 


Una mozione chiede che possano esercitare sono le STP odontoiatriche con direttore sanitario, emendamenti puntano a introdurre sanzioni per la proprietà in tema di pubblicità 


Il finto dentista cinese operava in casa ed al posto del riunito utilizzava una sdraio da giardino 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi