HOME - Cronaca
 
 
29 Giugno 2018

Posti a odontoiatria e medicina, indicato il numero

Aumentano i posti sia ad odontoiatria che medicina

Nor. Mac.

Il MIUR ha pubblicato ieri  28 giugno 2018, il decreto in cui sono individuati i posti per l’anno accademico 2018-2019 ad odontoiatria e medicina. Rispetto allo scorso anno aumentano i posti per entrambi i corsi di laurea, probabilmente Ministero dell’Università e quello della Salute hanno accolto le preoccupazioni che in questi mesi eranos tate lanciate da più parti sulla possibile carenza di medici.  

Per odontoiatria i posti passano dai 908 dello scorso anno a 1096, mentre per medicina si passa da 9.100 ai 9.779.  

I candidati che intendono partecipare alle prove di accesso potranno iscriversi alle prove dal 2 al 24 luglio esclusivamente on line sul portale www.universitaly.it.  

Sono previsti, come lo scorso anno, 60 quesiti a risposta multipla: 2 di cultura generale, 20 di ragionamento logico, 18 di biologia, 12 di chimica, 8 di fisica e matematica da effettuare in 100 minuti.    


Questi i posti a assegnati ad ogni singolo ateneo

Ateneo Numero posti disponibili
Bari 23 (+ 6 rispetto allo scorso anno)  
Bologna 30 (come lo scorso anno)
Brescia 20 (come lo scorso anno)
Cagliari 40 (lo scorso anno il corso non è stato assegnato)
Catania 24 (+ 4 posti)
Catanzaro 20 (+ 5 posti)
Chieti 54 (+ 16 posti)
Ferrara   20 (come lo scorso anno)
Firenze 33 (come lo scorso anno)
Foggia   39 (+ 11 posti)
Genova 20
L'Aquila 50 (+ 23 posti)
Messina 25 (+ 3 posti)
Milano 60 (come lo scorso anno)
Milano "Bicocca" 25 (+ 5 posti)
Milano Cattolica "S.Cuore" 25 (come lo scorso anno)
Milano San Raffaele  50 (+ 10 posti)
Modena e Reggio Emilia 18 (come lo scorso anno)
Napoli "Federico II" 50 (+ 10 posti)
Napoli Seconda Università   35 (+ 10 posti)
Padova 25 (come lo scorso anno)
Palermo 25 (+ 3 posti)
Parma 24 (come lo scorso anno)
Pavia 20 (come lo scorso anno)
Perugia 12 (come lo scorso anno)
Pisa 15 (come lo scorso anno)
Politecnica delle Marche 20 (come lo scorso anno)
Roma "La Sapienza" I Facoltà 70 (+ 5 posti)
Roma - "Tor Vergata" 40 (come lo scorso anno)
Salerno 20 (+ 5 posti)
Sassari 23 (+ 8 posti)
Siena (in inglese) 26 (come lo scorso anno)
Torino 40 (due posti in meno)
Trieste   30 (+ 5 posti)
Varese Insubria 20 (+ 4 posti)
Verona   25 (+ 5 posti)

           

Articoli correlati

Primo elenco dei progetti sovvenzionati e date per presentare le domande al nuovo bando per la ricerca finanziato dalla Fondazione Nakao


Sussidio riservato ai figli di medici ed odontoiatri utilizzabile in 52 strutture presenti in 15 città italiane. Chi e quando presentare domanda


Il Consiglio dei Ministri approva il Ddl sulle lauree abilitanti. Soddisfazione di Di Lenarda (Collegio) e Iandolo (CAO)


Dopo l’approvazione del Ddl sull’abolizione anche per odontoiatria dell’esame di stato, Iandolo(CAO) chiede: “Ora conferirle valenza specialistica” 


Già oggi potrebbe essere discussa la bozza per poi formalizzarla nei prossimi giorni per essere operativo già con le sessioni di laurea del 2021


Altri Articoli

Alcune considerazioni di Maurizio Quaranta sul tema dell’Iva sui riuniti odontoiatrici nate da incomprensioni sulla lettura del Dl 34/2000 


Le cure odontoiatriche dovrebbero essere considerate cure sanitarie essenziali e non dovrebbero essere posticipate. Pensare alle conseguenze per gli operatori dell'applicazione dei protocolli anti...


Anelli: “In questa seconda ondata della pandemia, la violenza ha assunto forme più subdole, ma non meno gravi”. Disponibile Online il Convegno organizzato da ANDI


Celebrata una Professione ed una Associazione in continua evoluzione che bene si interseca con il concetto dinamico della salute


Concorso per esami con prova scritta ed orale. Le domande solo online entro il 17 dicembre 2020, questi i requisiti necessari per candidarsi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Sileri: serve un restyling della professione ponendola come branca nobile della medicina