HOME - Cronaca
 
 
06 Luglio 2018

Medici e dentisti contro la pubblicità sanitaria, insediata commissione FNOMCeO

Iandolo (CAO): Chiediamo nuove norme


Pubblicità: quando si parla di salute, è necessario tenere separata, sia dal punto di vista normativo che da quello deontologico, quella informativa da quella commerciale.È stata questa la prima decisione della neonata Commissione Pubblicità sanitaria della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (FNOMCeO), che, per la prima volta nella storia della FNOMCeO, si è insediata ieri pomeriggio.  

A presiederla, il presidente dell’Ordine dei Medici chirurghi e Odontoiatri di Milano, Roberto Carlo Rossi. “Dei dieci componenti, ben quattro sono Odontoiatri: i colleghi Elena Boscagin, di Verona, Andrea Senna, di Milano, Carmine Bruno, di Taranto, e Gabriele Zuninodi Savona – spiega il presidente della Commissione Albo Odontoiatri nazionale, Raffaele Iandolo-. Questo perché gli effetti della pubblicità sanitaria sulla salute dei pazienti interessano in maniera particolare l’Odontoiatria.

Come Commissione Albo Odontoiatri, infatti, siamo convinti che, per poter scegliere liberamente sulla sua salute, il cittadino vada informato in maniera trasparente ma non condizionato”. “I lavori di ieri – continua Iandolo, che ha partecipato come uditore insieme a Gianluigi D’Agostino, tesoriere FNOMCeO, a Brunello Pollifrone, segretario CAO nazionale, a Diego Paschina, componente CAO – sono stati dedicati all’elaborazione di una strategia operativa nell’ottica di una modifica della normativa che attualmente regolamenta la pubblicità sanitaria.  Sono già stati avviati, in tal senso, contatti con le Autorità Garanti competenti e con esponenti parlamentari.

La proposta della Commissione FNOMCeO sarà quella di ripristinare, con opportune modalità operative, la verifica preventiva da parte dell’Ordine e di ridefinire le caratteristiche del messaggio pubblicitario”. 

“Ogni altra iniziativa – conclude Iandolo, a nome di tutta la CAO nazionale – messa in atto sia attraverso comunicazioni, sia mediante inviti a sottoscrivere petizioni, è estranea alla FNOMCeO e alla CAO nazionale, che intendono adottare modalità appropriate al proprio ruolo istituzionale”.

Articoli correlati

La prof.ssa Rini che ne ha elencate alcune e non solo in campo odontoiatrico


Nonostante il “vento del cambiamento” che ha interessato il Governo del nostro Paese, ed anche quello odontoiatrico, in questo mese di agosto il settore dentale si è trovato nuovamente a...


Inammissibili gli emendamenti presentati


Il prof. Antonio Pelliccia spiega la “pubblicità giusta”


Altri Articoli

La chiusura dei centri low-cost lascia 3mila pazienti senza cure


Successo di presenze, ora si lavora per l’edizione del 2020


I consulenti fiscali AIO, consigliano: non aspettate l’ultimo momento


Apertura della FNOMCeO alla proposta. Incognite per odontoiatria


Qualche giorno fa viene in redazione un importante docente universitario e relatore di fama che con EDRA sta realizzando un libro di prossima uscita. Chiacchierando, mentre prendiamo un caffè, non...


 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


28 Giugno 2018
Nuove acquisizioni in tema di placca batterica: come modificarla per renderla meno aggressiva

Il microbiota orale: i mezzi per diminuirne la patogenicità al fine di salvaguardare tessuti dentali e parodontali

 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi