HOME - Cronaca
 
 
05 Settembre 2018

Legionella individuata alla Dental School di Torino

Prof. Carossa, problema risolto ed isolato. Interessato un solo bagno della struttura


L’allarme Legionella scoppiato in estate nel milanese ha fatto aumentare allerta e controlli anche in altre zone del Paese. Secondo l’edizione torinese del Corriere della Sera di ieri 4 settembre, due settimane fa gli ispettori dello Spresal dell’Asl Città di Torino, hanno individuato nei locali Dental School di Torino, in particolare in uno dei servizi igienici ha precisato al giornale il prof. Stefano Carossa, direttore dell’ateneo.

“Ovviamente siamo intervenuti subito”ha detto al Corriere il prof. Carossa. “Il batterio si trovava solamente in uno dei servizi igienici. Abbiamo settanta riuniti, cioè poltrone odontoiatriche per le visite, e nessuna è risultata contaminata".

Non c’è alcun allarme secondo il quotidiano, “alla Dental School, la Legionella pneumophila, di cui esistono una cinquantina di specie diverse, sarebbe stata portata da un paziente, che solo dopo la visita ha scoperto di essere infetto. A seguito della diagnosi, sono stati ricostruiti i suoi spostamenti, la Dental School era uno dei luoghi in cui l’uomo era stato nei giorni precedenti e sono partiti i controlli. Che hanno avuto esito positivo. Così, qualche giorno fa sono intervenuti gli esperti della Città della Salute, che hanno supportato l’Università nelle operazioni di bonifica. Lo indicano ancora i cartelli appesi nei bagni: 'Verrà effettuato un programma di bonifica della rete idrica dell’acqua calda. Pertanto, non dovrà essere utilizzata. C’è il rischio di ustioni”. 

“Non siamo mai stati preoccupati — ha continuato il prof. Carossa —, ma per fortuna il problema si è risolto in tempo per la ripresa della nostra piena attività, che è ripartita proprio questa settimana”.  

Quotidiano che riportando l’ultimo rapporto del Seremi, il Servizio epidemiologico regionale, indica in 112 i casi di legionellosi registrati in Piemonte nel 2017 evidenziando che “in questi primi mesi dell’anno, le segnalazioni sono in linea con quelle di dodici mesi fa, e cioè in lieve calo rispetto al 2016”.  

Articoli correlati

Con la dott.ssa Ricci abbiamo approfondito il tema cercando di capire le regole, chi controlla, perché devono essere applicate anche in un settore dove il rischio è basso


Replica dell’Istituto Superiore di Sanità alle critiche verso le Indicazioni per la prevenzione del rischio legionellosi nello studio odontoiatrico


Il commento del dott. Mele alle nuove regole in tema di prevenzione della Legionellosi nello studio odontoiatrico


Secondo i dati del 2018, nessun caso certo di contagio è avvenuto nello studio odontoiatrico. Lo 0,8% dei casi notificati si erano, anche, sottoposti a cure odontoiatriche nei 10 giorni precedenti 


L’obiettivo è contenere il rischio di infezione. Il documento è rivolto a tutti coloro che sono coinvolti nell’erogazione, in ambito pubblico e privato, di prestazioni odontostomatologiche 


Altri Articoli

La cura dei pazienti è affare diverso dall’infilare delle viti nell’osso. Così il prof. Massimo Gagliani commentando un articolo pubblicato sul JDR nel suo Agorà del lunedì ...

di Massimo Gagliani


Il Governo al lavoro per sitarlo e garantire la somministrazione al maggior numero di persone in tempi rapidi. Anelli (FNOMCeO) pensa di coinvolgere anche i dentisti


Il dott. Azzalin di Varese ci racconta la sua esperienza, diretta, di una visita nei NAS per verifiche igienico sanitarie ed amministrative


Richiesto al Ministero della Salute un report con tutti i procedimenti attivati dai vari ordini delle professioni sanitarie, odontoiatri inclusi, per violazione dell’art. 525 della 145/18


Il presidente dell’Ente di previdenza di medici e dentisti interviene durante la presentazione del 2° Rapporto Censis - Tendercapital sui buoni investimenti


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Sileri: serve un restyling della professione ponendola come branca nobile della medicina