HOME - Cronaca
 
 
13 Settembre 2018

Igienista dentale faceva il dentista

Condannato a Saluzzo (Cn). Dovrà risarcire anche l’Ordine


I titoli per fare molte altre attività nel settore dentale li aveva, ma probabilmente la “vocazione” per curare i denti era troppo forte. Così un diplomato odontotecnico, poi laureatosi in igiene dentale, è stato condannato per esercizio abusivo della professione odontoiatrica a tre mesi di reclusione con la sospensione condizionale della pena. 

I fatti risalgono al 2014 quando era stato denunciato per aver effettuato cure a dei pazienti nel suo studio di igiene dentale a Saluzzo (Cn), facendo anestesie, devitalizzazioni e otturazioni. Cure, però, esclusive dell’iscritto all’Albo degli odontoiatri. 

La stampa locale ricorda anche che l’igienista dentale, quando ancora diplomato odontotecnico, era già stato condannato per lo stesso reato. 

Il giudice ha anche condannato il finto dentista a pagare all’Ordine di Cuneo, costituitosi parte civile, un risarcimento di 6.500 euro per danni morali e materiali, oltre alle spese processuali. 

“L' igienista dentale non ha possibilità di operare in piena autonomia, ma lo può fare esclusivamente sotto la corretta prescrizione e sorveglianza del medico odontoiatra”, dice ad Odontoiatria33 il presidente della CAO di Cuneo Giampaolo Damilano.

“Nel caso in questione –continua- il soggetto era titolare di uno studio autonomo e come puntualizzato dallo stesso difensore la targa riportava correttamente ‘studio di igiene dentale’, generando però equivoco nelle fasce meno avvedute della popolazione”.  

Sull’indennizzo che il finto dentista dovrà versare all’ordine di Cuneo il presidente Damilano dice che verrà utilizzato per finanziare le attività formative degli iscritti.  

Articoli correlati

Immagine di repertorio

Scoperto dalla Guardia di Finanza di Forlì, è stato denunciato e gli studi posti sotto sequestro. Attivati anche accertamenti fiscali


Nei guai anche il titolare dello studio. A scoprila il Nas che ha sottoposto a sequestro l’immobile e le attrezzature utilizzate


Originaria dell’Ecuador pubblicizzava lo studio allestito nell’appartamento dove viveva. Scoperta dalla Polizia


Lei era titolare della società intestataria dello studio e lui curava i pazienti ma non aveva la laurea, scoperti a Paestum


Immagine di repertorio

A scoprirlo e denunciarlo il NAS di Catania ed i carabinieri di Pietraperzia, sequestrato anche lo studio. Cassarà (CAO Enna), ci costituiremo parte civile.


Altri Articoli

Lo chiedono i presidenti CAO della Calabria prima della riapertura degli studi. Si deve prevedere canali privilegiati ed incentivi per l’approvvigionamento di DPI


A marzo il portale di Edra sfiora il milione di pagine viste. Successo anche della Fad e dei webinar. Dental Cadmos di aprile è ora scaricabile on-line


Donati a vari ospedali nelle aree più colpite dal virus, test rapidi certificati CE (COVID-19 IgG/IgM Rapid Test) per la rilevazione qualitativa di anticorpi anti COVID-19.


Il prof. Abati sugli effetti della saliva sulla contaminazione di operatori e pazienti documentati in letteratura fin dagli anni ‘70


Istituto indica i DPI che gli operatori devono indossare a seconda delle mansioni, comprese quelle che prevedono una esposizione all’aerosol a meno di un metro


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come deve essere organizzato lo studio al tempo di emergenza da coronavirus, i consigli del presidente SIdP