HOME - Cronaca
 
 
18 Settembre 2018

Autumn Meeting AIDI

A Riva del Garda il 21 e 22 Settembre


Prevenzione dei difetti di sviluppo dello smalto e carie, saranno gli argomenti portanti della terza edizione dell’Autumn Meeting AIDI, “Enamel alterations analysis of systemic and local factors. The point of view ofdental hygieenist”  che si terrà a  Riva del Garda il 21 e 22 Settembre 2018

La prevenzioni della carie è uno degli obiettivi principali che l’Igienista Dentale deve perseguire  per i propri pazienti. Non esiste terapia della carie senza prevenzione. La sola terapia, infatti, non modifica l’incidenza della malattia e senza l’applicazione di adeguati protocolli preventivi, le sole sedute di controllo periodiche diventano la conta di nuove carie sviluppatesi.

L’evento nato nel 2016  vede, anno dopo anno, crescere in maniera considerevole il numero degli Igienisti Dentali iscritti, provenienti da tutta Italia. I lavori saranno aperti venerdì 21 Settembre, alle 14.00, dalla Presidente Nazionale AIDI la dott.ssa Antonia Abbinante, con il saluto alle autorità presenti e alla platea. 

Una prevenzione efficace deve essere configurata in maniera personalizzata, è indispensabile effettuare una valutazione individuale dei fattori di rischio della carie per indicare le situazioni sulle quali intervenire, impostare il programma di prevenzione personalizzato, applicare differenti procedure con frequenza relazionata all’entità del rischio; di tutto ciò parlerà la dott.ssa Giuliana Bontà, Consigliere del direttivo AIDI nazionale.

La prof.ssa Maria Grazia Cagetti, odontoiatra, in collaborazione con la Dott.ssa Angela Turi, igienista dentale, parleranno di white spot, della loro eziologia, della terapia e diagnosi; di remineralizzazione dentaria parlerà, invece,  il dott. Matteo Basso. I digital Ambassador AIDI Antonia SinesiRoberto Salerno metteranno la loro esperienza al servizio dei partecipanti offrendo spunti per il successo professionale. 

La seconda giornata sarà caratterizzata da interventi che esamineranno come alcune malattie sistemiche autoimmuni e la dieta possono avere un impatto negativo per la salute orale e viceversa come una non salute orale possa compromettere il benessere e la qualità di vita. Recenti  studi hanno evidenziato che uno dei batteri responsabili della parodontite, il Prophyromonasgengivalis, possa essere associato all’artrite reumatoide.  

Il cavo orale può essere una finestra privilegiata per porre il sospetto diagnostico di alcune malattie sistemiche, infatti è da tempo noto come alcune alterazioni dei tessuti duri e molli del cavo orale possono essere delle vere e proprie spie di patologie non ancora diagnosticate ed è assolutamente indispensabile per l’Igienista Dentale essere preparato a riconoscere, intercettare e segnalare queste spie. 

Il Congresso sarà ancora una volta un’occasione per tutti gli Igienisti Dentale, soci Aidi e non, d’incontro e raffronto ma soprattutto un momento di apprendimento e crescita professionale. 

A cura di: Gabriella Cagnin, Consigliere Culturale Nazionale AIDI   

Articoli correlati

UNID Lazio: siamo operatori sanitari ma dimenticati dal piano vaccinale anti Covid-19 della Regione 


Le tante considerazioni emerse durante la positiva esperienza di tirocinio degli studenti del Clid e della laurea specialistica dell’Università di Milano-polo San Paolo


Incarico di natura libero professionale per un anno per lo svolgimento di attività ambulatoriale a favore di pazienti diversamente abili. Compenso: 20 euro all'ora lordi


Assunzione a tempo indeterminato, la candidatura al concorso deve pervenire entro l’11 febbraio 2021


Il Ministero della Salute rivaluta la misura compensativa, così come richiesto dal TAR del Lazio. Le indicazioni della Commissione Albo Nazionale degli Igienisti Dentali


Altri Articoli

In questo Agorà del Lunedì, seconda parte, il prof. Gagliani suggerisce un semplice e banale stratagemma che rende migliore la visuale dell’endodonto facilitando il trattamento...

di Massimo Gagliani


Il presidente FNOMCeO al Ministro Speranza. Gli oltre 63mila dentisti possono mettere da subito a disposizione le migliori competenze e strutture adeguate


La medicina è donna, l’odontoiatria ci sta arrivando ma la politica della professione è ancora in mano solo agli uomini con il rischio che le scelte che saranno fatte,...

di Norberto Maccagno


Il rapporto WHO che riconosce la salute orale come "parte integrante del benessere generale della persona"


Fra le principali richieste dell'Associazione: protezione legale e miglioramento al programma di protezione dei compensi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

L’odontoiatria protesica oggi: il punto di vista della neo presidente AIOP