HOME - Cronaca
 
 
19 Settembre 2018

Autorizzazioni sanitarie nel Lazio per gli studi odontoiatrici

Ecco chi deve inviare l’autocertificazione e come


La Regione Lazio ha pubblicato sul Bollettino Ufficiale una delibera in cui vengono elencate “le strutture” tenute all’invio della dichiarazione sostitutiva di atto notorio per la permanenza dei requisiti minimi, che non hanno presentato nessuna dichiarazione entro i termini previsti (26/02/2018) o dichiarazione incompleta. 

Dichiarazione che deve essere inviata entro il 31 dicembre 2018, come nei giorni scorsi ha ricordato l’OMCeO di Roma con una nota inviata a tutti gli iscritti.

Questi i soggetti tenuti all’invio della dichiarazione sostitutiva di atto notorio:


1.    Le strutture che hanno ottenuto la conferma dell’autorizzazione all’esercizio e il rilascio dell’accreditamento istituzionale definitivo da oltre cinque anni e fino al 30.6.2013;
2.    Le strutture e gli studi medici professionali che sono stati autorizzati all’esercizio da oltre cinque anni e fino al 30.6.2013;
3.    Le strutture e gli studi medici professionali iscritti in piattaforma SAASS da oltre cinque anni ed entro il 30.6.2013, pur non essendo ancora in possesso di un titolo autorizzativo rilasciato dalla Regione Lazio. 

I moduli da utilizzare, a seconda delle succitate tipologie, ricorda l’OMCeO romana, devono essere inviati esclusivamente a mezzo Pec ai nuovi indirizzi: rinnovoautorizzazione@regione.lazio.legalmail.it  oppure, per le strutture accreditate, rinnovoaccreditamento@regione.lazio.legalmail.it, riportando in oggetto “Dichiarazione sostitutiva struttura autorizzata (accreditata) e nome della struttura”, con allegato copia di un documento di identità in corso di validità del soggetto dichiarante.


L’Ordine di Roma offre un servizio di consulenza gratuita tutti i mercoledì dalle ore 9.00 alle ore 13.00      

Articoli correlati

Immagine d'archivio

L’attività illecita sarebbe stata condotta dal 2013, negli studi trovati anche farmaci e materiale ad uso esclusivo odontoiatrico


Sono stati in militari del NAS di Bologna, secondo la stampa locale su segnalazione di un paziente, a scoprire a Riccione lo studio di un finto dentista, un diplomato odontotecnico di 69 anni.Secondo...


Scoperto a Como, oltre ad essere abusivo lo studio, anche chi effettuava le cure era privo di laurea e abilitazione 


Si chiude una vicenda che ha scritto importanti passaggi giurisprudenziali in tema di ruolo di verifica e di autonomia della CAO


Attraverso una video intervista al dott. Andrea Tuzio, consulente OMCeO Roma, cerchiamo di fare il punto sulle norme che regolamentano la figura del direttore sanitario e quelle sulle autorizzazioni


Altri Articoli

La settimana che ha preceduto questa quarta domenica del #iocomincioanonpoternepiùdistareacasa è stata caratterizzata dalla corsa per richiedere i 600 euro di bonus per gli autonomi ed i...

di Norberto Maccagno


Lo chiedono i presidenti CAO della Calabria prima della riapertura degli studi. Si deve prevedere canali privilegiati ed incentivi per l’approvvigionamento di DPI


A marzo il portale di Edra sfiora il milione di pagine viste. Successo anche della Fad e dei webinar. Dental Cadmos di aprile è ora scaricabile on-line


Donati a vari ospedali nelle aree più colpite dal virus, test rapidi certificati CE (COVID-19 IgG/IgM Rapid Test) per la rilevazione qualitativa di anticorpi anti COVID-19.


Il prof. Abati sugli effetti della saliva sulla contaminazione di operatori e pazienti documentati in letteratura fin dagli anni ‘70


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come deve essere organizzato lo studio al tempo di emergenza da coronavirus, i consigli del presidente SIdP