HOME - Cronaca
 
 
24 Settembre 2018

Incriminato in Francia il fondatore dei Centri Dentexia

La chiusura dei centri low-cost lascia 3mila pazienti senza cure

Nor. Mac.

Due anni dopo l'apertura di un'indagine giudiziaria a seguito di denunce di pazienti con cure mal eseguite o abbandonati durante il trattamento, il fondatore di centri dentistici a basso costo Dentexia, Pascal Steichen, è stato incriminato e posto agli arresti, stando a quanto riporta la stampa francese. 

I reati contestati al fondatore di questa catena low-cost sarebbero pratiche commerciali ingannevoli, truffa, riciclaggio di denaro, fallimento, evasione fiscale e frode. Denunciati anche la moglie, per associazione a delinquere, ed il tesoriere della Dentexia per frode, riciclaggio di denaro ed altri reati fiscali. Secondo il sito “Collectif-contre-dentexia.com” la vicenda nasce a seguito delle denunce di pazienti mal curai o lasciati senza cure.

Nel luglio 2016 i giudici hanno posto in liquidazione i 9 centri Dentexia che avevano registrato un passivo di 22 milioni di euro, solo il centro di Parigi ha trovato un acquirente. Per la stampa francese sarebbero 1.500 i pazienti che hanno presentato una denuncia mentre per il sito Collectif-contre-dentexia.com sarebbero quasi 3 mila quelli con “problemi di salute o con le rate dei finanziamenti attivati da pagare anche se le cure non sono state terminate”. 

Sempre secondo la stampa francese il Gruppo Dentexia nasce in forma di associazione di studi affiliati e puntava sul costo delle cure particolarmente basso. L’inchiesta riguarda il modello economico su cui era basato Dentixia e i casi di mala sanità. In soccorso dei pazienti il precedente Ministro della Salute era intervenuto creando un fondo di sostegno per i pazienti invitando le Aziende Sanitarie regionali di attivare percorsi di assistenza.   

Articoli correlati

Le criticità sul capitale in odontoiatria e i consigli per i pazienti che vogliono ottenere la sospensione dei finanziamenti attivati tra i temi toccati. A Catanzaro progetto pilota di informazione...


Lo ha stabilito il Tribunale di Milano. Per i pazienti lasciati con le cure a metà la situazione si complica ancora. Le indicazioni di Federconsumatori


I liberi professionisti devono indicare il reddito annuo conseguito nel 2019. Le Società devono versare lo 0,5% del fatturato, oltre 4milioni di euro quanto versato lo scorso anno


Aprire un dialogo con Istituzioni di settore e non, per definire un modello di odontoiatria che possa realmente tutelare il paziente tra gli obiettivi della nuova presidenza


Per l’Associazione degli studi convenzionati sono altre le misure da attivare per tutelare il paziente, queste quelle proposte


Altri Articoli

Alcune considerazioni di Maurizio Quaranta sul tema dell’Iva sui riuniti odontoiatrici nate da incomprensioni sulla lettura del Dl 34/2000 


Le cure odontoiatriche dovrebbero essere considerate cure sanitarie essenziali e non dovrebbero essere posticipate. Pensare alle conseguenze per gli operatori dell'applicazione dei protocolli anti...


Anelli: “In questa seconda ondata della pandemia, la violenza ha assunto forme più subdole, ma non meno gravi”. Disponibile Online il Convegno organizzato da ANDI


Celebrata una Professione ed una Associazione in continua evoluzione che bene si interseca con il concetto dinamico della salute


Concorso per esami con prova scritta ed orale. Le domande solo online entro il 17 dicembre 2020, questi i requisiti necessari per candidarsi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Sileri: serve un restyling della professione ponendola come branca nobile della medicina