HOME - Cronaca
 
 
28 Settembre 2018

Contrastare l’autocura anche in odontoiatria

Dal SUSO l’appello: serve un lavoro comune per tutelare la salute dei cittadini


I rischi dell’autodeterminazione alle cure dei pazienti è un problema che con il dilagare dei nuovi media sta trasformandosi da questione di costume a vero e proprio problema di sanità pubblica. Anche in odontoiatria la volontà dei cittadini di trovare su Internet, o tramite Internet, soluzioni che baipassino la figura dell’odontoiatra sta interessando sempre più persone. Il caso del kit per farsi realizzare un allineatore trasparente è la dimostrazione.

Per fare il punto sul problema, e dare anche una maggiore evidenza mediatica sui rischi per la salute dei cittadini derivanti dall’autocura, il SUSO, in collaborazione con L’Ordine dei medici chirurghi ed odontoiatri di Roma, ha organizzato -oggi 28 settembre- una tavola rotonda alla quale hanno partecipato esponenti ordinistici, del sindacato, dei consumatori, degli odontotecnici e delle aziende. Mercoledì se ne era parlato anche ad Uno Mattina.

Presenti oltre al Coordinatore dei presidenti provinciali del SUSO di Roma, prof. Raoul D’Alessio, hanno partecipato Antonio Magi presidente OMCeO Roma, Roberto Gianmarini per l’Ortec, Fausto Grossi (General Manager Invisalign Italia), Raffaele Iandolo (presidente nazionale CAO), Giuseppe Marzo (Componente Gruppo Tecnico Odontoiatria del Ministero della Salute), Pietro Di Michele (presidente nazionale SUSO), Laila Perciballi (Movimento Consumatori) ed il presidente CAO di Roma Brunello Pollifrone. Tavola rotonda moderata dal giornalista Massimo Boccaletti.

“Istituzioni, Ordine, Sindacati ed anche i Consumatori devono lavorare insieme per difendere e tutelare la salute dei cittadini”, ha ricordato il prof. Raoul D’Alessio. “Le logiche commerciali di alcune multinazionali stanno cercando di orientare i consumi dei pazienti anche verso le cure mediche”. “Nel caso del kit per l’ortodonzia –continua il Coordinatore SUSO- viene proposta una soluzione come cosmetica che fa a meno della diagnosi e verifica nel tempo dell’odontoiatra, mettendo a rischio la salute orale dei cittadini perché non è un prodotto cosmetico ma un vero e proprio dispositivo ortodontico”.

Rischi e complicanze che non sono sufficientemente conosciuti e considerati dai cittadini stessi, ricorda D’Alessio.Dalla tavola rotonda emerge la necessità di fare fronte comune, ognuno per la propria parte, per informare e sensibilizzare i cittadini e contrastare queste pratiche.

“Un’azione che come unico fine ha la tutela del paziente e non quella del settore”, chiarisce il prof. D’Alessio.Attraverso la CAO verrà chiesto al Ministero della Salute di vigilare e contrastare, anche con iniziative legislative, questi “spregiudicati modelli commerciali”, così come sta avvenendo in altri paesi europei.

Portando il suo punto di vista, Fausto Grossi, General manager di Ivisalign Italia (azienda del gruppo Align Technology che detiene una quota di minoranza della società che vende il kit per l’ortodonzia fai da te), ha dichiarato che la filiale italiana non realizzerà mai allineatori trasparenti senza una prescrizione medica e specialistica.    

Articoli correlati

Sindacati odontoiatrici divisi. Chiedono un rinvio AIO e SUSO, schierata per le elezioni nei tempi previsti ANDI che scrive a Conte  


Lettera aperta al presidente ENPAM Alberto Oliveti del presidente SUSO Gianvito Chiarello che chiede il rinvio al prossimo autunno


Chiarello:''provvedimenti che consentirebbe ad ENPAM di erogare sussidio a sostegno dei dentisti che hanno interrotto l’attività''


Il Consiglio Nazionale SUSO ha deliberato di rinnovare grafica e simboli del logo del Sindacato


Nel fine settimana a Bologna la manifestazione biennale “fiore all’occhiello” del Sindacato degli Ortodontisti (SUSO)


Altri Articoli

La notizia è che dopo alcuni anni torna il dibattito sul numero dei posti per l’accesso al corso di laurea in odontoiatria e sugli italiani che si laureano all’estero. Da...

di Norberto Maccagno


Una ricerca tutta italiana ha messo a confronto alcuni strumenti che possono ridurre il rischio di contagio da Covid-19 attraverso l’aerosol


Landi: uno scambio di vedute che ha permesso di modificare un documento che avrebbe potuto comportare problemi per la gestione della post pandemia per gli studi odontoiatri europei


Un nuovo approccio clinico basato sulla medicina dei sistemi, per la cura della malattia parodontale, che in Italia colpisce il 60% della popolazione


Cronaca     03 Luglio 2020

ENPAM: completato il CDA

Eletti i tre consiglieri delle consulte. Quella della Quota “B” sarà rappresentata dall’odontoiatra Gaetano Ciancio


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION