HOME - Cronaca
 
 
01 Ottobre 2018

Dispositivi medici, il punto dalla tavola rotonda ad ANTLO Meeting 2108

Per AIO il regolamento necessita di interventi per meglio tutelare i pazienti. Guarda il video della Tavola rotonda


Ci sono meno di due anni per adeguarsi al regolamento 2017/745 dell’Unione Europea sui dispositivi medici. Ma, in particolare nella regolamentazione dei dispositivi su misura, gli stati membri possono ancora limare qualche aspetto. E in odontoiatria di aggiustamenti da fare ce ne sono. E’ la posizione di Associazione Italiana Odontoiatri, sostenuta dalla vicepresidente Eleonora Cardamone sabato 29 settembre a Roma all’International ANTO Meeting 2018 nell’ambito del Memorial Dino Malfi in una tavola rotonda alla quale erano presenti: dott.ssa Marcella Marletta, Direzione Generale dei Dispositivi Medici, dott.ssa Gianna Pamich, Presidente UNIDI, dott. Raffaele Iandolo, Presidente CAO, dott.ssa Eleonora Cardamone, Vice Presidente AIO, dott. Sabrina Santaniello Segretario Nazionale ANDI, dott.ssa Costanza Micarelli, AIOPOdt. Mauro Marin, Presidente Nazionale ANTLO. 

La nuova normativa rivede commercializzazione e monitoraggio pre e post vendita, istituisce una banca dati, Eudamed, che traccia la storia dei dispositivi applicati sui pazienti e revisiona i criteri autorizzativi. Le disposizioni saranno operative in Italia, sanzioni incluse, con la stessa forza di una legge dal 26 maggio 2020. E toccheranno i dispositivi medici prodotti in serie e quelli su misura, investendo tutto il comparto odontoiatrico.  

Per Cardamone, “benché approvato da Bruxelles, il regolamento presenta aspetti su cui intervenire con regole più chiare e con rigore. In primo luogo bisogna evitare che per alcuni device vi sia una classificazione borderline. Non è possibile ammettere che faccette o corone provvisorie siano commercializzati come prodotti cosmetici, come avviene ora, e siano fruibili sul mercato senza seguire l'iter di diagnosi medica che ne definisca l'effettiva utilità e la corretta prescrizione. Oggi questi dispositivi possono essere acquistati dai pazienti, ad esempio online. Ma un paziente non può prescriversi la terapia da solo. Per noi in quanto Dispositivo Medico possono essere applicati previa diagnosi medica che ne accerti l'effettiva necessità, e previa prescrizione ad opera di un clinico. Chiediamo una regolamentazione più puntuale, in attesa che la legislazione italiana dia una definizione legalmente riconosciuta di atto medico, colmando il vuoto più grande”.  

“Altro aspetto da monitorare e per cui il regolamento ha lo scopo di mettere in campo maggiori regolamentazione e controllo –continua Cardamone– si riferisce all’importazione da Paesi esterni all’Unione Europea, che oggi avviene senza validi controlli di tracciabilità e certificazione, esponendo la salute dei pazienti al rischio di entrare in contatto con sostanze nocive se non tossiche”.  C’è poi la necessità di una formazione tempestiva per gli utilizzatori clinici – gli odontoiatri – e per i cittadini, per non arrivare impreparati a maggio 2020. “AIO ha intenzione di realizzare corsi formativi per i soci”, dice Cardamone. “Auspichiamo inoltre che le Istituzioni promuovano pubblicità informativa al pubblico sui rischi derivanti dall'uso improprio di Dispositivi Medici autoprescritti senza un'adeguata diagnosi e sulla possibilità che vengano commercializzati Dispositivi Medici di provenienza extra UE senza le debite certificazioni. Non dimentichiamo che il Regolamento nasce dall'esigenza di tutelare la salute dei cittadini, alla luce dei progressivi mutamenti storici e sociali”. 

Sul tema della pubblicità da registrare anche l’appello del presidente CAO Raffele Iandolo al rappresentante del Ministero della Salute che “ci dia una mano” affinché la pubblicità commerciale non possa essere assimilata ad una prestazione sanitaria, così come avviene per la pubblicità dei farmaci e degli stessi dispositivi medici. 

Sull’argomento, nel pomeriggio di sabato, si è riunito il Tavolo di confronto sui dispositivi Medici voluto dalla CAO nazionale sui dispositivi medici con l’obiettivo di trovare una “sintesi unitaria” tra odontoiatri, industria ed odontotecnici, sulle questioni aperte. 

Sotto il video integrale della diretta Facebook della Tavola Rotonda trasmessa attraverso la pagina di ANTLO Nazionale.  

Articoli correlati

In attesa dei Decreti attuativi vengono richiamate le norme ancora in vigore. Per il settore particolare attenzione su registrazione dei fabbricanti dei dispositivi su misura e comunicazione...


Distinzione tra quelli che sanificano l’aria e quelli destinati alla pulizia, alla disinfezione e alla sterilizzazione dei dispositivi medici


Tra le criticità del sistema, quello dell’aggravio degli adempimenti burocratici che per le imprese produttrici di dispositivi medici si traducono in più costi. Il parere di UNIDI e...


Il Ministero pubblica il report “Rapporto sulle attività di vigilanza sui dispositivi medici” del 2019 e ricorda l’importanza della vigilanza ed il ruolo degli operatori sanitari in questo


Campagna informativa di Confartigianato odontotecnici e SNO-CNA per informare il cittadino sul nuovo Regolamento sui dispositivi medici e sensibilizzarlo sulla protesi di qualità 


Altri Articoli

Stimata ed apprezzata, fino all’ultimo ha lavorato per il bene della professione con tenacia, impegno ed entusiasmo. Molti i messaggi di ricordo delle sue colleghe e dei dirigenti delle...


Scoperti a Torino ed in provincia di Piacenza. L’Ordine di Brescia invia gli elenchi dei sospesi al NAS per effettuare verifiche


Circolare della FNOMCeO agli Ordini provinciali con le prime indicazioni sui passaggi per ottemperare a quanto disposto con il nuovo Decreto su estensione dell’obbligo vaccinale 


Agorà del Lunedì     06 Dicembre 2021

Le basi della patologia

Quali sono le cause delle affezioni della polpa dentale e quali le contromisure da adottare? Di questo parla il prof. Massimo Gagliani nel suo Agorà del Lunedì

di Massimo Gagliani


Il dott. Di Fabio ci ricorda che l’esonero è temporaneo fino a quando non si riunirà la Stato-Regioni stabilendo le modalità di registrazione


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
chiudi