HOME - Cronaca
 
 
04 Ottobre 2018

La Legionella: un rischio conosciuto da gestire e prevenire

A Bologna un convegno affronta il tema della prevenzione da rischio legionellosi


AIAS Confcommercio Imprese per l’Italia ha organizzato per il 17 ottobre un convegno dal titolo "La Legionella: un rischio conosciuto da gestire e prevenire", all’interno dell’edizione 2018 di Ambiente Lavoro (Bologna 17-19 ottobre 2018).

Organizzare un approfondimento sul tema del rischio da esposizione a Legionella negli ambienti di lavoro e di vita, spiegano gli organizzatori, non è dovuto alla coincidenza con i recenti e gravi casi in Lombardia, quanto piuttosto perché proprio questi casi confermano che la legionellosi continua ad essere una patologia poco conosciuta, soprattutto in ambito occupazionale. 

Ma chi sono i lavoratori e le lavoratrici che corrono i maggiori rischi di ammalarsi di legionella?

Tutti quelli che operano in ambienti in cui si può essere esposti ad aerosol infettanti: gli operatori sanitari, i dentisti, gli addetti alla pulizia degli impianti di trattamento aria, alla manutenzione degli impianti di distribuzione dell’acqua ad uso sanitario e impianti di depurazione, minatori, giardinieri, chi lavora nelle palestre e i lavoratori termali, tutti coloro che sono impiegati nei cicli produttivi dove è necessario abbassare la temperatura dell’acqua, come nelle centrali termo elettriche dove sono in funzione le torri di raffreddamento. In Italia, nel 2015, si sono verificati 1.569 casi di legionellosi, in lieve incremento rispetto all’anno precedente: 25,8 casi per milione di abitanti, il 78% dei casi si è registrato in Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Toscana, Lazio e Piemonte, il 22% nelle rimanenti 14 Regioni e Province Autonome. 

“Il contrasto alla diffusione di questo batterio, pericoloso solo se respirato e se presente in alte concentrazioni, passa obbligatoriamente dalla prevenzione. La cura e la sanificazione degli impianti deve avvenire non meno di due volte l’anno e fino a quattro volte in certi casi, così come stabilito dalle Linee guida del 2015”. 

A dirlo è Francesco Santi, relatore del convegno ad Ambiente Lavoro e consigliere AIAS che aggiunge: “Ai medici di base spetta il compito fondamentale di segnalare tutti i casi: in alcune zone del Paese i dati sono ingiustificatamente bassie questo non ci aiuta a comporre un quadro del tutto esaustivo e corretto del reale diffondersi della malattia. Anche il censimento merita una riflessione: mi chiedo perché ricevo costante aggiornamento dei casi americani ogni 7 giorni, mentre in Italia i dati escono una volta all’anno e riferiti all’anno precedente”.

 Per informazioni a questo link.

Articoli correlati

Con la dott.ssa Ricci abbiamo approfondito il tema cercando di capire le regole, chi controlla, perché devono essere applicate anche in un settore dove il rischio è basso


Replica dell’Istituto Superiore di Sanità alle critiche verso le Indicazioni per la prevenzione del rischio legionellosi nello studio odontoiatrico


Il commento del dott. Mele alle nuove regole in tema di prevenzione della Legionellosi nello studio odontoiatrico


Secondo i dati del 2018, nessun caso certo di contagio è avvenuto nello studio odontoiatrico. Lo 0,8% dei casi notificati si erano, anche, sottoposti a cure odontoiatriche nei 10 giorni precedenti 


L’obiettivo è contenere il rischio di infezione. Il documento è rivolto a tutti coloro che sono coinvolti nell’erogazione, in ambito pubblico e privato, di prestazioni odontostomatologiche 


Altri Articoli

Aperte le preiscrizioni al Master universitario di 1° livello organizzata dal COI con la collaborazione dell’Università degli Studi di Torino che si terrà a partire da...


Agorà del Lunedì     20 Settembre 2021

Game changer….

Per il prof. Gagliani è questa la scelta che deve fare l’odontoiatra: riorganizzarsi per dare risposte alle “nuove” esigenze dei pazienti oppure arroccarsi in un giardinetto costituito di...

di Massimo Gagliani


Lutto nell’odontoiatria piemontese e nel mondo ordinistico per l’improvvisa scomparsa del presidente CAO del Verbano Cusio Ossola Claudio Buffi (nella foto) deceduto sabato scorso per un...


La sospensione è dal lavoro non dall’Ordine. Per i Giudici l’Ordine deve esclusivamente comunicare l’atto ricevuto dall’ASL e non adottare una delibera del Consiglio


A darlo per possibile il quotidiano online Huffington Post. Proposta accolta con soddisfazione dal presidente FNOMCeO Filippo Anelli


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio