HOME - Cronaca
 
 
12 Ottobre 2018

I trend della Medicina Estetica fotografati dall’Osservatorio Nazionale Agorà

I filler sono i trattamenti estetici più utilizzati


La Medicina Estetica non sembra conoscere crisi conosce crisi almeno secondo dell’Osservatorio Nazionale di Medicina Estetica redatto nel 2018 dalla Società Scientifica Agorà ed anticipati in occasione del 20°Congresso Internazionale di Medicina ad indirizzo Estetico Agorà in programma dal 18-20 ottobre 2018 a Milano. 

Un settore in continua crescita e sempre più rivolto ad un target variegato che si affida al Medico Estetico per ritrovare la propria forma di bellezza intesa come una migliore qualità di vita. Il primo dato evidenziato dall’Osservatorio riguarda il legame medico-paziente: solo nell’ultimo anno, il 65% dei nuovi pazienti ha consolidato un trattamento o un piano terapeutico e, sempre nel medesimo arco temporale, ne ha rafforzato gli incontri (da 5 a 7 volte) a conferma della piena fiducia creatasi con il proprio Medico Estetico.  

Nella classifica dei trattamenti maggiormente richiesti svettano i rivitalizzanti dove si confermano i trattamenti viso per il 92% seguiti immediatamente da una nuova crescita di domanda per collo (82%), decollété (79%) e mani (77%) nella fascia d’età, tutta femminile, 30-60 anni. I filler regnano incontrastati, secondo la classifica elaborata da Agorà tra i trattamenti estetici più praticati risultano primi, seguiti dagli interventi con tossina botulinica e quelli di rivitalizzazione cutanea, per citare solo i primi 3. Oltre il 60% dei Medici intervistati conferma l’utilizzo di device complementari, come aghi canula, nella propria pratica clinica unitamente ai trattamenti comunemente più richiesti: quelli nasogeniani nella fascia d’età 40-60 anni e quelli di ridefinizione labiale per l’armonizzazione delle linee nelle più giovani (18-40).  

Con la tossina botulinica, che da sempre si conferma tra i più richiesti antiaging nel panorama della Medicina Estetica, assistiamo invece ad un aumento significativo di domanda per il miglioramento dell’area perioculare di oltre il 73,53%, seguita dal trattamento per la cura dell’iperidrosi (plantare del 29%, palmare e ascellare del 26%). Rilevante il dato di incremento del microbotulino che, grazie ad una differente modalità d’impiego del farmaco, consente di levigare i segni del tempo, ritrovando un aspetto più giovane e rilassato, senza stravolgere i lineamenti del volto mantenendo quindi l’armonia dei lineamenti.  

“I dati emersi dal nostro Osservatorio rivelano come la Medicina Estetica segua, costantemente, un trend positivo: non si tratta di vanità o per rispondere ad una società sempre più “selfie oriented” ma di un desiderio comune di affrontare lo scorrere del tempo nel miglior modo possibile. Al riguardo, un recente articolo scientifico pubblicato su un’importante rivista internazionale conferma come le procedure minimamente invasive riducano la negativa percezione del sé per un beneficio psicosociale e generale di qualità di vita: scopo intrinseco della Medicina Estetica”, spiega il prof. Alberto Massirone– Presidente della Società Italiana di Medicina ad indirizzo Estetico Agorà.  

In una società sempre più incentrata sull’immagine e alla qualità di vita, prendersi cura del proprio aspetto è un desiderio legittimo e naturale, fanno notare da Agorà.   

Articoli correlati

Nel marzo e nel giugno del 2017 ho scritto ho avuto modo di commentare su Odontoiatria33 la allora recente pubblicazione delle Determine AIFA circa la possibilità della somministrazione, da...


Video ricchi di informazioni, eventi formativi e attualità in primo piano: è online il nuovo sito scuolamedicinaestetica.com della Scuola ICAMP, aperta a Medici e OdontoiatriIl sito...


Riceviamo e pubblichiamoGentile direttore, la lettura del documento ripreso ieri dal vostro giornale, che riguarda la posizione delle tre Società scientifiche che insieme costituiscono il...


Ritornano le polemiche sulle competenze degli odontoiatri in tema di medicina estetica ed in particolare quali interventi, e per quali finalità, i dentisti possono eseguirli.A riportare la...


Altri Articoli

E’ lunedì 15 ottobre, a Palazzo Chigi si riunisce il Consiglio dei Ministri numero 23 per visionare, eventualmente discutere e poi approvare, tutti gli articoli contenuti nel Decreto fiscale,...


Focus sulle giornate romane di odontoiatria protesica Sweden & Martina


Il Ministro della salute spagnolo promette interventi legislativi, mentre nasce il problema “finanziamenti”


L’analisi e lo scenario (pratico) secondo l’ex segretario AIO Raffaele Sodano


 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


15 Ottobre 2018
Cerco odontoiatri esperti in conservativa e protesi a San Benedetto del Tronto (AP)

Primario centro odontoiatrico, in forte sviluppo sul territorio nazionale, è alla continua ricerca di personale motivato, qualificato e pronto a far parte del proprio progetto.
Nello specifico ricerca:
ODONTOIATRI principalmente per le seguenti discipline:
CONSERVATIVA ED ODONTOIATRIA
PROTESI
Requisiti richiesti:
-Laurea attinente all'esercizio dell'attività di Medico Odontoiatra.
-Comprovata esperienza nel ruolo.
-Attinenza e disponibilità al lavoro in TEAM.
E' richiesta una disponibilità di almeno 1/2 giorni a settimana.
Zona di riferimento: San Benedetto del Tronto ( AP )
CONTATTI: lifecoach@teletu.it (inviare il curriculum con relativo recapito telefonico per esser contattati dalla direzione )

 
 

Speciale in Evidenza


28 Giugno 2018
Nuove acquisizioni in tema di placca batterica: come modificarla per renderla meno aggressiva

Il microbiota orale: i mezzi per diminuirne la patogenicità al fine di salvaguardare tessuti dentali e parodontali

 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi