HOME - Cronaca
 
 
15 Novembre 2018

Gli odontoiatri incontrano la dott.ssa Marletta per discutere del futuro della professione, alla luce del nuovo regolamento europeo


La CAO, l’ANDI e l’AIO hanno incontrato, ieri 14 novembre al Ministero della Salute, la dott.ssa Marcella Marletta, Direttore generale della direzione per i dispositivi medici, per un incontro programmato all’interno di un Tavolo di lavoro nato con l’intento di far luce sulle implicazioni per il settore del nuovo regolamento Europeo che entrerà in vigore nel 2020. 

Lo spunto dei diversi incontri che si sono susseguiti negli ultimi mesi, partecipi anche UNIDI e ANTLO, era stato un chiarimento sulla figura del fabbricante di dispositivi medici, figura ancora una volta oggetto di interpretazioni diverse anche all’interno della stessa Unione Europea. La dott.ssa Marletta ha ricordato come il nuovo regolamento coinvolga non solo il comparto dentale, ma in modo decisamente più ampio tutte le categorie mediche e tutte le organizzazioni ed entità sanitarie che eroghino prestazioni mediche avvalendosi di dispositivi medici.  

Il regolamento nasce per aumentare la tutela nei confronti dei pazienti in un momento storico nel quale globalizzazione e progressi tecnologici stanno cambiando profondamente e velocemente i termini di realizzazione e fornitura sia di materiali che di prodotti destinati all’uso medico. Basandosi proprio su quelli che sono gli intenti originari del regolamento, la tutela dei pazienti e della qualità delle cure, ci si è chiesti se il regolamento stesso possa, con la ridefinizione sia della figura del fabbricante che dell’iter produttivo che dopo il percorso di cura porterà all’applicazione del dispositivo medico, migliorare la sicurezza dei pazienti nei confronti delle diverse realtà finanziarie che in modo non sempre trasparente ed ispirato all’etica professionale offrono terapie come se fossero prodotti commerciali. 

In un clima di cordiale collaborazione sotto l’egida della CAO e del Ministero della Salute, istituzionalmente a guardia dell’interesse dei pazienti, sono state presentate alla dott.ssa Marletta alcune bozze interpretative che verranno messe allo studio con l’obiettivo di elaborare un progetto che possa inserire il nuovo Regolamento sui Medical Devices in un contesto più ampio di tutela del cittadino e delle professioni odontoiatrica ed odontotecnica. 

Nota unitaria AIO, ANDI, CAO     

Articoli correlati

Distinzione tra quelli che sanificano l’aria e quelli destinati alla pulizia, alla disinfezione e alla sterilizzazione dei dispositivi medici


Tra le criticità del sistema, quello dell’aggravio degli adempimenti burocratici che per le imprese produttrici di dispositivi medici si traducono in più costi. Il parere di UNIDI e...


Il Ministero pubblica il report “Rapporto sulle attività di vigilanza sui dispositivi medici” del 2019 e ricorda l’importanza della vigilanza ed il ruolo degli operatori sanitari in questo


Campagna informativa di Confartigianato odontotecnici e SNO-CNA per informare il cittadino sul nuovo Regolamento sui dispositivi medici e sensibilizzarlo sulla protesi di qualità 


Video intervista all’avvocato Stefanelli sulle implicazioni odontoiatriche per i dispositivi medici su misura, adattabili e personalizzabili: chi può fare cosa e quali le documentazioni necessarie


Altri Articoli

A darne informazione UILFPL Specialisti Ambulatoriali. Gli studi dovranno essere autorizzati dalla Regione compilando un apposito modulo, dopo essersi formati online e presso strutture abilitate


Nasce il problema sostituzioni dipendenti di studi e laboratori. Green pass obbligatorio anche per sanitari, titolari compresi, ed ASO non vaccinati destinati ad altre mansioni 


La Commissione politiche dell’Unione Europea giudica respinge l’emendamento che avrebbe consentito l’esercizio dell’attività odontoiatrica in forma societaria solo alle StP. I commenti di...


Rispondendo ad un quesito di una STP odontoiatrica le Entrate indica che il reddito delle STP deve essere considerato a tutti gli effetti come reddito di impresa, a dispetto della forma giuridica...


Lo rileva una indagine condotta da una associazione UK, intanto in Spagna l’Ordine denuncia una azienda per la vendita di sbiancanti con concentrazione di perossido superiore al consentito


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio