HOME - Cronaca
 
 
05 Dicembre 2018

Il dentista “sentinella epidemiologica” delle OSAS. Se ne è parlato in un Convegno a Torino 

di Lea Fanti


Il recente convegno “Patologie sonno correlate: il ruolo dell'odontoiatra in un approccio multidisciplinare alle OSAS” - organizzato da Odontostomatologia e Pneumologia dell’ospedale Mauriziano di Torino - ha permesso di tornare sui rischi che i pazienti affetti da tale patologia possono correre mentre sono alla guida e sull’importanza del ruolo che l’odontoiatra può avere sia per quanto riguarda la prevenzione che la cura. Infatti, sono dodici milioni gli italiani che soffrono di Sindrome delle Apnee Ostruttive nel Sonno (OSAS), ma solo il 20% ne è consapevole.

Secondo un recente studio, i colpi di sonno alla guida dovuti a questo disturbo sono responsabili del 7% dei circa 175.000 incidenti stradali registrati ogni anno nel nostro paese. I sinistri attribuibili a tale patologia sommersa causano pertanto, ogni anno, circa 250 morti e oltre 12.000 feriti.

Sapere di soffrire di apnee notturne significa potersi curare e quindi salvare la vita propria e quella altrui.

A tal proposito è sempre più importante il ruolo dell'odontoiatra nel diagnosticare tale patologia, poiché alcuni segni e sintomi sono già facilmente individuabili nel corso di una semplice visita di controllo. Non a caso il Ministero della Salute, nelle Linee guida dedicate alle OSAS, ha individuato proprio in tale figura il ruolo di "sentinella epidemiologica" verso tale sindrome.

L’evento del Mauriziano è stato l’occasione per presentato il modello multidisciplinare attualmente in essere presso l'ospedale, che consente di pianificare un percorso razionale e scientificamente validato nella diagnosi e cura di queste terapie.


Un manuale per gestire le OSAS
I casi più lievi di OSAS possono essere trattati dal dentista stesso con l'applicazione di particolari dispositivi di avanzamento mandibolare da portare durante il sonno, come ampiamente trattato anche nel manuale pratico “La gestione odontoiatrica del paziente con Sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno” che Francesca Milano, Antonio Gracco e Massimiliano Di Giosia hanno pubblicato per Edra Editore.

Il volume è strutturato in tre macroaree che rispecchiano un ideale percorso di formazione: nella prima parte - dedicata alla descrizione e alla diagnosi dei disturbi del sonno - neurologi, pneumologi e otorinolaringoiatri descrivono l’ideale percorso di identificazione della patologia, istruendo l’odontoiatra nell’identificazione dei segni e dei sintomi clinici oltre che nell’interpretazione di esami diagnostici quali la polisonnografia o la sleep endoscopy; nella seconda parte vengono invece discusse le differenti opzioni terapeutiche per concludere quindi, nella terza parte, con la presentazione di una serie di casi clinici.

Articoli correlati

Nella prima riunione raccolto il sostegno di PD, FI e Fratelli d’Italia. L’iter ora prevede audizioni di esperti e delle associazioni di pazienti


Antonella Polimeni

La prof.ssa Antonella Polimeni presenta la seconda edizione di un testo didattico in cui vengono esaminati tutti gli aspetti relativi al trattamento dei pazienti in età evolutiva


I disturbi respiratori del sonno (SDB, Sleep Disordered Breathing) sono un gruppo eterogeneo di condizioni croniche in cui si verificano ripetuti episodi di ipopnea e/o apnea durante il riposo...


Per CERGAS SDA Bocconi sono 31 miliardi di euro l’anno i costi diretti, sanitari e non, e indiretti: su 12 milioni di casi medio-gravi stimati, solo il 4% viene accertato


Diversi studi di letteratura riportano che anche nei bambini il russare e l’apnea ostruttiva notturna (OSA) sono relativamente frequenti, con una prevalenza del 27% e del 5,7%...

di Lara Figini


Altri Articoli

Una ricerca su JADA è lo spunto per le considerazioni del prof. Gagliani nella sua Agorà del Lunedì. L’argomento è la comunicazione della prevenzione, ma anche il valore delle revisioni...

di Massimo Gagliani


L'EFP lancia una nuova campagna internazionale per spiegare la relazione tra malattie cardiovascolari e salute delle gengive sulla base delle più recenti prove scientifiche e del contributo...


Troppo incerta la situazione, UNIDI decide di annullare l’appuntamento di novembre e rimandare a maggio 2021


Confermata l’esclusione per gli studi associati che, ora, dovranno restituire quanto ricevuto, ma senza subire sanzioni


Le paure verso una nuova pandemia porta a ripensare gli approcci comunicativi e le azioni organizzative. Queste le frasi da non dire e quelle da dire per trasmettere “sicurezza” al paziente

di Davis Cussotto


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I u201ctrucchiu201d per convivere con il rischio Covid in studio