HOME - Cronaca
 
 
26 Novembre 2018

Igienista dentale e suo marito patteggiano la pena per esercizio abusivo della professione. Le precisazioni della coppia


Lei igienista dentale lui amministratore del centro "Alba Dental White" (un centro di igiene dentale ed estetica, si legge sulla pagina Facebook) hanno patteggiato la pena di 2 mesi e 20 giorni e un risarcimento di seimila euro per esercizio abusivo della professione. La vicenda giudiziaria, secondo quanto pubblica il quotidiano La Stampa, nasce a seguito della denuncia della mamma di una bimba di 4 anni raccontata nei giorni scorsi al TGR Piemonte: “La dottoressa ha curato la carie di mia figlia per finta. L’ha coperta senza in realtà curarla. Il dente si è rovinato completamente. Mia figlia ha perso fiducia nei dentisti e solo ora, dopo tre anni, siamo riusciti a convincerla a farsi curare”.Sempre secondo quanto riporta il quotidiano, “nel corso delle indagini sono stati ascoltati i clienti dello studio e individuati quelli che avevano ricevuto prestazioni odontoiatriche”. Nessuno dei danneggiati si sarebbe costituita parte civile. 

“I miei assistiti –spiega a La Stampa l’avvocato difensore degli imputati- hanno scelto il patteggiamento non tanto per un’ammissione di colpa, ma per poter chiudere prima possibile la vicenda, senza dover sostenere le spese e le lungaggini di un processo e poter tornare a esercitare con serenità il loro lavoro”.

Con il patteggiamento lo studio è stato dissequestrato ed è tornato in attività. 

Sempre il quotidiano pubblica una lettera dei coniugi in cui portano la loro versione. 

“Siamo stati accusati di aver fatto i dentisti. Accusa falsa in quanto ci siamo sempre avvalsi della presenza e dell’operato di vari odontoiatri, chi specializzato in protesi chi in implantologia, chi in ortodonzia e pedodonzia. Inoltre mia moglie è laureata in igiene dentale da marzo 2008 abilitata all’ esercizio e alla titolarità nel possedere uno studio monoprofessionale, come è evidente dalle targhe e dalla laurea appesa in sala d’attesa. È inoltre iscritta ad un Albo nato da poco tempo (come per tutte le altre professioni tecnico sanitarie).   Ci siamo, ribadisco, sempre avvalsi degli odontoiatri nel nostro studio per le cure dentali che non competono a mia moglie. Io ho sempre svolto lavori di segreteria facendo fatture e dando appuntamenti.   Mia moglie, essendo igienista dentale laureata ha sempre rivolto le attenzioni ai pazienti più piccoli svolgendo anche attività di prevenzione gratuita anche tramite i social in quanto la prevenzione ha senso se viene applicata fin da giovanissimi. Dal momento che le cure creano reddito al dentista convenzionale è dal momento in cui se viene fatta prevenzione, questo reddito non si crea, c’è tutto l’interesse di metterci i bastoni tra le ruote. Un esempio su tutti sono le sigillature, che impediscono al dente di cariarsi.   La bambina in questione, venne nel nostro studio a seguito di attività di prevenzione gratuita, venne da subito appurato che c’era necessità di cure odontoiatriche. Nell’ attesa la Dott.ssa XX mise della pasta provvisoria (cavit) non utilizzando nessuna pratica o strumento al di fuori delle sue competenze. Ovviamente la pasta provvisoria saltò nell’arco di poco tempo, la mamma andò in uno studio odontoiatrico nelle vicinanze dove l’odontoiatra appurò che il dente non era stato né danneggiato, né trattato attraverso pratiche e strumenti non consentiti ad un igienista dentale.   Abbiamo scelto di patteggiare non tanto per ammissione di colpa, ma per chiudere il prima possibile la questione e per poterci concentrare sul nostro lavoro, e su quelle persone, che ci seguono da 10 anni tra cui la maggior parte dei pazienti coinvolti tra i dodici citati negli articoli di stampa e corriere. In tutti questi anni non abbiamo Mai ricevuto querele a parte la mamma della bambina in questione”.    


Articoli correlati

A Milano e Roma, con il professor Antonio Pelliccia


La partita iva era quella per la “coltivazione di cereali”, il diploma quello di odontotecnico ma lo hanno sorpreso mentre faceva il dentista in un locale adibito a studio odontoiatrico privo di...


Il nome dell’operazione, “Golden Tooth”, ricorda i film di 007 ma in questo caso nessun intrigo internazionale ma la scoperta dell’ennesimo abusivo.  A condurre l’indagine la Guardia di...


VOCO supporta la campagna UNICEF “Donazioni invece che regali di Natale”


“Abbiamo accolto molto favorevolmente le parole del Ministro della Salute On. Giulia Grillo, sulla proposta di garantire per le farmacie almeno il 51 per cento del capitale sociale e dei diritti di...


Altri Articoli

A Milano e Roma, con il professor Antonio Pelliccia


Nel pomeriggio di ieri 13 dicembre, la Camera ha convertito in legge il decreto Fiscale. Il testo approvato definitivamente - lo stesso votato in Senato- conferma all'articolo 10 bis l'esonero...


La partita iva era quella per la “coltivazione di cereali”, il diploma quello di odontotecnico ma lo hanno sorpreso mentre faceva il dentista in un locale adibito a studio odontoiatrico privo di...


Il nome dell’operazione, “Golden Tooth”, ricorda i film di 007 ma in questo caso nessun intrigo internazionale ma la scoperta dell’ennesimo abusivo.  A condurre l’indagine la Guardia di...


Nelle superfici in cui si producono rifiuti speciali non è dovuta la TARI ma incombe sul contribuente l’onere della prova.È questa la sintesi delle indicazioni del Ministero della Finanze rese...


 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


28 Giugno 2018
Nuove acquisizioni in tema di placca batterica: come modificarla per renderla meno aggressiva

Il microbiota orale: i mezzi per diminuirne la patogenicità al fine di salvaguardare tessuti dentali e parodontali

 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi