HOME - Cronaca
 
 
17 Dicembre 2018

Società di capitale e limite delle quote di capitale. Presentato emendamento sull’odontoiatria


Farmacisti ma anche odontoiatri tentano nuovamente la carta dell’emendamento per cercare di limitare il “potere” del capitale nelle società proprietarie di farmacie o studi odontoiatrici. 

Tra gli emendamenti presentati al Ddl Bilancio in Commissione al Senato è stato ripresentato quanto già proposto, e cassato, alla Camera che pone il limite del 49% alle quote societarie in mano ai non iscritti all’Albo dei farmacisti. Limitazione per la quale si era espressa favorevolmente anche il Ministro Giulia Grillo. 

Anche gli odontoiatri, attraverso l’emendando del Sentare Giovanni Endrizzi (Movimento 5 Stelle) hanno presentato un emendamento (1.1713) che consentirebbe l’esercizio dell’attività odontoiatrica alle sole StP

Questo il testo presentato: 

«284-bis. L'esercizio dell'attività odontoiatrica in forma societaria è consentito esclusivamente ai modelli societari che assumono la veste e forma di società tra professionisti iscritte al relativo Albo professionale ai sensi dell'articolo 10, legge 12 novembre 2011 n. 183.284-ter. Ogni disposizione contraria alla disciplina di cui al precedente comma è abrogata.». 

Nella seduta domenicale della Commissione Bilancio l’emendamento sui soci farmacisti è stato nuovamente giudicato “inammissibile per materia”, mentre di quello odontoiatrico se ne sono perse le tracce nei resoconti parlamentari.

Se ne parlerà probabilmente domani quando la Commissione tornerà riunirsi per discutere il testo. 

Intanto su tutta la legge Bilancio, e quindi anche sulla norma sulla pubblicità, pesa la decisione del Governo di introdurre un maxi emendamento per modificare il testo approvato dalla Camera in modo di evitare la procedura d'infrazione europea. Testo che dovrebbe giungere in Commissione mercoledì o giovedì ed approdare in Aula venerdì 21 dicembre.  

Articoli correlati

Anche i Gruppi associati ad ANCOD sono alle prese con la riorganizzazione per attivare le nuove procedure, ecco come la stanno gestendo. Cohen: nessun rischio di chiusura per i Gruppi...


Le vicende di alcune Catene spagnole, ed italiane, confermano che il vero problema per pazienti e non solo si chiama "finanza creativa" e non cure. Qualche settimane fa ricevo una mail da parte di un...

di Norberto Maccagno


Malagnino: "un giusto principio che va a compensare, in parte, quanto sottratto alla professione. Ora lavoreremo per sollecitare i controlli verso chi non ha versato"  


Quella della presentazione dell’emendamento del Senatore Giovanni Endrizzi che, se approvato, consentirà l’esercizio della professione odontoiatrica in forma societaria solo alle StP, è di...

di Norberto Maccagno


Secondo l’Associazione Nazionale dei Centri Odontoiatrici sarebbero a rischio 17mila posti di lavoro. Confermate le iniziative verso AGCM e CE 


Altri Articoli

Dopo la richiesta di chiarimenti da parte delle farmacie, sulla percentuale minima di etanolo per i prodotti disinfettanti a base alcolica, arriva la risposta dell'Istituto superiore di sanità che...


La disparità di trattamento, in tema di aiuti causa pandemia, tra attività gestite da un iscritto ad un Albo professionale e quella da un cittadino munito di partita iva è...

di Norberto Maccagno


Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni