HOME - Cronaca
 
 
15 Gennaio 2019

Tribunale chiude Centro odontoiatrico nel cosentino. Condannato abusivo e direttore sanitario che dovrà anche risarcire l’Ordine


I Carabinieri del NAS mettono i sigilli ad un Centro odontoiatrico sulla costa tirrenica risultante di proprietà della moglie di un falso dentista della zona già noto alle forze dell’Ordine. Coinvolta nella vicenda anche il direttore sanitario, una giovane dottoressa iscritta all’Albo.
Il Tribunale di Paola ha condannato, a seguito di patteggiamento, sia il falso dentista che la giovane dottoressa che prestava il suo nome concorrendo di fatto all’azione criminosa dell’abusivo.  

La direttrice sanitaria è stata condannata anche a risarcire l’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della Provincia di Cosenza delle spese sostenute. L’Ordine che si era costituito parte civile.

Ringraziando gli uomini del NAS per la “costante collaborazione con l’istituzione ordinista, il presidente CAO di Cosenza Giuseppe Guarnieri (nella foto) dichiara: “Noi abbiamo l’obbligo etico e deontologico di dare queste informazioni sul fenomeno dell’abusivismo odontoiatrico, tipico italiano che non ha eguali nel mondo e che mina costantemente la salute dei cittadini. Esercitare abusivamente una professione protetta come quella odontoiatrica è un reato penale. I dati sul territorio nazionale sono preoccupanti; si stimano in Italia circa quindicimila falsi dentisti e la provincia di Cosenza non è esente dal fenomeno; numerosi i casi di abusivismo odontoiatrico scoperti a seguito di segnalazioni che pervengono al nostro Ordine non solo da parte di colleghi corretti, ma anche di semplici cittadini che, ignari, ma a volte anche consapevoli, si rivolgono a falsi dentisti subendo gravi danni iatrogeni spesso irreparabili a seguito di  prestazioni odontoiatriche effettuate  malissimo. Odontotecnici spregiudicati che estraggono e/o curano denti, che eseguono interventi di chirurgia implantare, che posizionano in bocca manufatti protesici incongrui, spesso, ahimè non vogliamo nasconderci, come nel caso succitato, con la complicità del vero dentista che, una volta scoperto dagli Organismi di controllo a prestare il proprio nome, subisce non soltanto un procedimento penale, ma anche una grave sanzione disciplinare consistente nella sospensione dall’attività. Questi comportamenti illegali screditano la nostra categoria, ecco perché l’Ordine ha deliberato di costituirsi sempre parte civile in tutti i procedimenti penali”. 

Articoli correlati

Indagini a seguito della denuncia di un paziente per lesioni. Nei guai finto dentista e direttore sanitario di un Centro odontoiatrico, sequestrato l’intero immobile


E’ stato ritenuto colpevole di lesioni colpose dovrà anche versare 100 mila euro di danni alla paziente e subire anche un processo civile


Prima applicazione della nuova norma sull’abusivismo sanitario. D’Agostino (CAO): Legge Lorenzin si dimostra strumento efficacie


Sotto la lente del NAS l’attività svolta in una Srl odontoiatrica. Attrezzatura sequestrata e attività sospesa 


Altri Articoli

L’iniziativa dell’FDI World Dental Federation riunisce partner del settore dentale eco-consapevoli attorno a un obiettivo comune


L’invito ai pazienti: non trascurate le cure e rivolgetevi a Specialisti in Ortodonzia qualificati per essere certi di non correre rischi


Accesso ritenuto legittimo anche in ragione della protezione della concorrenza. Per i Giudici l’Ordine è deputato a perseguire gli interessi dell'intera categoria, ma nel rispetto di imparzialità


Servono dati certi prima di avanzare ipotesi ed indicare una scadenza della copertura vaccinale. I pareri del Sottosegretario alla Salute On. Sileri e dei virologi Pregliasco, Bassetti e Galli


Le prime valutazioni sulla base dei primi dati sia per quanto riguarda l’uso delle mascherine che la durata dell’immunizzazione data dal vaccino


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Sileri rilancia il Tavolo Tecnico: è il luogo per discutere e concordare le risposte alle problematiche