HOME - Cronaca
 
 
21 Febbraio 2019

Dal Perio & Cardio Workshop 2019 l’appello di dentisti e cardiologi verso una migliore igiene orale. Presto linee guida condivise

Nor. Mac.

Un'igiene orale corretta e visite regolari dal dentista possono sostenere la salute cardiovascolare. Questo, in estrema sintesi, è ciò che odontoiatri e cardiologi hanno concordato durante il Perio & Cardio Workshop 2019 tenutosi a Madrid lo scorso fine settimana. Rappresentanti della Federazione europea di parodontologia (EFP) e della World Heart Federation (WHF) hanno esaminato le correlazioni tra le malattie cardiovascolari e le malattie gengivali per elaborare raccomandazioni congiunte per operatori sanitari e pazienti

"Sia la parodontite che la malattia cardiovascolare colpiscono molte persone in tutto il mondo. Determinare l'importanza della prevenzione della malattia parodontale e della terapia come mezzo per ridurre il rischio cardiovascolare può avere significative implicazioni di salute pubblica ed economiche ", ha affermato durane l’evento il professor Mariano Sanz, presidente EFP. 

Il prof. Pablo Perel, consulente scientifico senior della WHF, ha dichiarato: "È necessaria maggiore consapevolezza del legame tra salute orale e malattie cardiovascolari. Il seminario Perio & Cardio ha fornito raccomandazioni basate sull'evidenza in relazione alla salute cardiovascolare e alla parodontologia. Poiché la malattia cardiovascolare è la prima causa di morte nel mondo, la riduzione dei fattori di rischio che contribuiscono alle malattie cardiache è della massima importanza". 

Le malattie cardiovascolari (CVD) sono la prima causa di morte a livello globale, mentre la grave parodontite è la sesta condizione cronica più comune. L'evidenza suggerisce che i pazienti con gravi malattie gengivali sono a maggior rischio d’infarto e ictus, in particolare se hanno avuto un precedente evento cardiovascolare. I batteri nella bocca possono spostarsi nel sistema circolatorio e promuovere l'infiammazione e l'indurimento delle arterie (aterosclerosi). Parodontite e malattie cardiache condividono anche fattori di rischio comuni tra cui fumo, consumo di alcol, età e diabete. 

I partecipanti al workshop hanno discusso quattro aree chiave:

  • Evidenza epidemiologica che collega la parodontite e le malattie cardiovascolari;
  • Meccanismi biologici per l'aumento del rischio di arteriosclerosi nei pazienti con parodontite;
  • L'effetto del trattamento parodontale sul rischio di arteriosclerosi;
  • I potenziali rischi cardiovascolari degli interventi orali. 

"I cardiologi dovrebbero essere consapevoli della connessione tra malattie gengivali e malattie cardiache e incoraggiare i loro pazienti a essere sottoposti a screening per la parodontite e perseguire una buona igiene orale perché migliorerà gli esiti cardiovascolari", ha spiegato il dott. Alvaro Marco Del Castillo, WHF Co Chair of Working Group 1 . 

Il prof. José Ramón González Juanatey, presidente del gruppo di lavoro 2 del WHF, che ha esaminato l'effetto del trattamento parodontale sul rischio di aterosclerosi, ha dichiarato: "Sono necessarie ulteriori ricerche sull'effetto del trattamento dentale nei pazienti con CVD, ma le prove attuali suggeriscono che la progressione della CVD può essere influenzata da una buona igiene orale e da un trattamento parodontale di successo". 

"I pazienti con parodontite dovrebbero essere avvisati che hanno un più alto rischio di malattie cardiache e dovrebbero gestire i loro fattori di rischio CVD. Per quanto riguarda i potenziali rischi cardiovascolari del trattamento parodontale, la ricerca disponibile indica che il trattamento parodontale è sicuro per i pazienti cardiaci", ha affermato il professor Soren Jepsen, presidente del gruppo di lavoro EFP Co. 2. 

Il prof. Sanz ha concluso: "Il seminario Perio & Cardio ha raggiunto i suoi obiettivi raggiungendo una posizione comune. Ha inoltre individuato le aree in cui sono necessarie ulteriori ricerche, come studi clinici che utilizzano esiti cardiovascolari e ulteriori studi per comprendere i meccanismi con cui i batteri orali possono causare danni ai tessuti cardiovascolari ". 

Per quanto riguarda i prossimi passi, il prof. Sanz ha spiegato: "Le raccomandazioni EFP e WHF saranno pubblicate sul Journal of Clinical Periodontology e un progetto sarà sviluppato per creare consapevolezza sul ruolo essenziale della salute orale nella riduzione del rischio di malattie cardiache". 

A cura di: Ufficio Stampa EFP

Articoli correlati

Un ricercatore italiano evidenzia come soffrire di parodontite potrebbe raddoppiare il rischio di pressione alta. Il lavoro è appena stato pubblicato sulla rivista Hypertension


La malattia parodontale è una malattia infiammatoria e se non trattata può portare alla perdita dei denti, compromettendo la funzione masticatoria ed estetica. La malattia...

di Lara Figini


Prof. Lior Shapira, presidente dell’European Federation of Periodontology: “La cura orale dovrebbe far parte delle raccomandazioni sanitarie per ridurre il rischio di gravi esiti legati al...


Classificazione, rapporto con i pazienti e come le nuove tecnologie possono aiutare la cura, sono tra gli argomenti affrontati nel video incontro con la dott.ssa Morena Petrini


Secondo l’ultima classificazione del 2018 circa le malattie parodontali, la parodontite cronica (CP) e la parodontite aggressiva (AgP) sono state raggruppate entrambe sotto...

di Lara Figini


Altri Articoli

“L’odontoiatria in salute per la salute” il filo conduttore di questa edizione. Disponibili online e gratuitamente tutte le video relazioni e i 602 poster


Il Centro Europeo per il Controllo delle Malattie ha pubblicato una guida per la prevenzione al contagio dei vaccinati


Quelli che hanno ottenuto la dose prima di marzo potrebbero non poterlo utilizzare per gli spostamenti durante le vacanze estive. I dubbi sulla “validità semestrale”


Per l’EMA i benefici superano i rischi. AIFa e Ministero della salute autorizza le inoculazioni anche in Italia, ma per gli over 60


Immagine di repertorio

Riguarderebbe solamente la scadenza legata alla possibilità di assumere ASO non qualificate. Intanto il Ministro avrebbe dato il via libera per avviare l’iter per la modifica del DPCM


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come spiegare gli interventi odontoiatrici al paziente