HOME - Cronaca
 
 
26 Febbraio 2019

Inaugurato l’anno accademico al San Raffaele di Milano. La prima volta del prof Gherlone da Magnifico Rettore


Prima inaugurazione, sabato 23 febbraio, dell’anno accademico del San Raffaele da Magnifico Rettore per il prof. Enrico Gherlone (nella foto). Alla presenza del Ministro dell’Università Marco Bussetti e di molti personaggi della politica e delle istituzioni lombarde e nazionali, il prof. Gherlone ha fotografato il momento positivo e la continua crescita dell’Ateneo milanese con oltre tremila studenti e 176 docenti.

“La nostra offerta formativa a medicina ed odontoiatria è di alto livello e garantita dalla sinergia tra ospedale ed università”, ha ricordato evidenziando come l’ateneo potrebbe permettere “la pratica a 1000 studenti anno grazie alla sua rete formativa di 19 ospedali lombardi che ne fa il primo Gruppo in Italia”.

Prof. Gherone che ha sottolineato come i neo laureati medici al San Raffaele abbiano riportato il punteggio più alto ai test di ammissione e come il 92% trova lavoro ad un anno dal diploma. Rettore che tocca anche il tema del numero chiuso sottolineando la necessità di aumentare i posti in facoltà ma anche nei corsi di specializzazione già dal prossimo anno. Prof. Gherlone che chiede 40 posti in più per il corso di medicina e 40 per quello in lingua inglese.  

Necessità di aumentare posti nelle università italiane ed anche le borse di studio per i medici specializzandi ribadita dal Ministro Bossetti che assicura sulla volontà di colmare il gap che c’è tra laureati e specializzandi.

 E poi c’è la facoltà di odontoiatria ed il sondaggio di Almalaurea che indica come il 100% degli odontoiatri appena laureati al San Raffaele si riscriverebbe ad odontoiatria. Prof. Gherlone sottolinea che quest’anno le domande di ammissione sono raddoppiate e che sono stati firmati accordi per andare a formare futuri odontoiatri a Mumbai, in India, e con la Gulf University degli Emirati Arabi Uniti oltre agli interscambi formativi a disposizione degli studenti italiani.

Articoli correlati

La proposta: modello alla francese e primi due anni in comune con medicina e poi la scelta. Le criticità di FNOMCeO


Il presidente CAO di Cuneo commenta i dati illustrati durante il convengo EDRA e sostiene che battersi per una modalità di esercizio omogenea serve per tutelare la salute dei cittadini da chi punta...


Dopo aver letto le norme inserite nella legge di Bilancio che toccano anche lo studio odontoiatrico, i dati rilevati da EDRA e da Key-Stone che indicano la percentuale di odontoiatri e di futuri...

di Norberto Maccagno


La prevalenza delle lesioni a carico dei tessuti duri del dente è un fenomeno rilevante e attuale. I dati indicano che circa il 30% della popolazione europea compresa tra i 18 e...


Dai dati di un sondaggio commissionato dal Collegio dei Docenti, la fotografia di chi sarà chiamato a esercitare l’odontoiatria del futuro. Tra le certezze: sarà una professione in mano alle...


Altri Articoli

Il docu-film del fotoreporter Andrea Tomasetto e del giornalista Luca Rolandi racconta la vita in un campo profughi in Libano attraverso il progetto odontoiatrico del COI 


Tre episodi alla base delle considerazioni del dott. Mele sull’obbligo verso l’Educazione Continua in Medicina in vista del termine del triennio formativo 


Per il Sindacato ci sarebbe il rischio di una “invasione di campo” del CSO rispetto ai compiti delle ASO che potrebbe portare ad incorrere nel reato di esercizio abusivo della professione


Presentato uno Position Paper in cui si chiedono 5 interventi indispensabile per intervenire sulla preoccupante situazione della salute odontoiatrica dei più piccoli


Non sono certo i dati del Censis a dover confermare che la povertà, nel nostro paese, non sarebbe stata sconfitta nonostante gli annunci Pentastellati dai balconi. Basta fare un giro...

di Norberto Maccagno


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi