HOME - Cronaca
 
 
04 Aprile 2019

Antitrust critica su legge pubblicità sanitaria: la replica di ANDI


Con una nota in questi giorni l’Antitrust evidenzia come “l’art. 1, commi 525 e 536 della legge di Bilancio 2019 sottrae l’intero comparto delle professioni sanitarie alla possibilità di ricorrere alla leva pubblicitaria, limitando la concorrenza tra professionisti sanitari in misura non proporzionata all’interesse generale di tutelare la sicurezza dei consumatori; viola le disposizioni che attribuiscono all’Autorità la competenza a vigilare sulla correttezza e trasparenza delle comunicazioni informative sanitarie; introduce ingiustificati vincoli all’esercizio della figura del direttore sanitario”.

Attraverso il suo presidente Carlo Ghirlanda, ANDI sottolinea come “grazie all’impegno e alla collaborazione con CAO e AIO si sia sollecitata e appoggiata con forza l’azione del Governo volta a perfezionare la legge Bersani relativamente al tema della pubblicità sanitaria e come la recente normativa abbia finalmente posto un freno alla deriva suggestionale e a volte palesemente ingannevole della pubblicità sanitaria in ambito odontoiatrico. Il rimettere in discussione il necessario confine tra un prodotto o un servizio e la salute dei cittadini ricondurrebbe questi ultimi in una posizione di maggiore debolezza e di rischio per la propria salute. Liberalizzazioni e deregulation commerciali non possono essere estese alle terapie mediche e odontoiatriche in nome del libero mercato. Parimenti -prosegue Ghirlanda – i supposti limiti che tale normativa imporrebbe all’attività dei Direttori Sanitari, circoscrivendola alla provincia di iscrizione, garantiscono e favoriscono l’azione di vigilanza di competenza degli Ordini, fornendo un’ulteriore concreta tutela al paziente. Ribadiamo con forza la nostra gratitudine a questo governo per la scelta coraggiosa compiuta nel sottolineare che la garanzia della salute di ogni singolo cittadino prevale sulla miope interpretazione di coloro che, basandosi su un errato concetto della concorrenza, equiparano la salute ad un bene commerciale”. 

A cura di: ANDI

Articoli correlati

“Purtroppo dobbiamo prendere atto ancora una volta della forte divergenza di visione tra la Professione Medica-Odontoiatrica e l’Antitrust nel valutare l’impatto della pubblicità...


Secondo l’Associazione Nazionale dei Centri Odontoiatrici sarebbero a rischio 17mila posti di lavoro. Confermate le iniziative verso AGCM e CE 


In una nota viene ribadita la natura di proposta del documento approvato dalla CAO nazionale in tema di pubblicità sanitaria, annunciandone uno condiviso anche con i medici


La FNOMCeO prende atto della delibera dell’AGCM sulle quote societarie delle StP ma ritiene che l’interpretazione letterale della norma di cui all'art. 10, comma 4, lett. b), legge n....


Lo spirito dei DiDomenica è quello di portare un parere diverso sui temi che settimana dopo settimana vengono toccati. Un punto di vista volutamente differente da come la potrebbe pensare un...

di Norberto Maccagno


Altri Articoli

Non sono certo i dati del Censis a dover confermare che la povertà, nel nostro paese, non sarebbe stata sconfitta nonostante gli annunci Pentastellati dai balconi. Basta fare un giro...

di Norberto Maccagno


Dopo l’Europa il Gruppo Editoriale EDRA sbarca negli Stati Uniti e lo fa puntando su due settori strategici come la veterinaria e l’odontoiatria


Al 38° Congresso AIOP si è approfondito il tema “dell’umanizzazione” della protesi e dei pazienti fragili. Guarda la Tavola rotonda organizzata sul tema


Dopo la presentazione del Manuale di Odontoiatria Speciale, dal suo 20° Congresso la SIOH punta alla formazione e sensibilizzazione dell’odontoiatra verso un’odontoiatria a misura dei pazienti...


Dagli USA un’analisi di come e quali applicazioni digitali interesseranno il settore odontoiatrico nel futuro, e non solo per realizzare protesi o curare denti

di Davis Cussotto


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi