HOME - Cronaca
 
 
24 Aprile 2019

Migranti e salute, nessuna minaccia dall'immigrazione. Serve etica e deontologia


I dati reali, in particolare quelli sanitari, sui migranti sono molto diversi da certe rappresentazioni narrative molto diffuse ma spesso costituite da una serie di luoghi comuni; numeri e informazione di prima mano sono stati invece diffusi in un'importante iniziativa che si è svolta nei giorni scorsi a Palermo, il convegno "Migranti e salute: tra prevenzione, cura e fake news".

Organizzato nella sede dell'Ordine dei medici di Palermo e accreditato Ecm, l'evento ha riscosso una grande e qualificata partecipazione; come spiega il responsabile scientifico Piernicola Garofalo, endocrinologo presso l'Azienda Ospedali riuniti Villa Sofia-Cervello di Palermo, "poteva presentarsi scivoloso nei termini ma è stato molto solido nei contenuti e ha fornito i numeri che riteniamo inchiodino molti luoghi comuni, mostrando che la supposta minaccia alla salute dei migranti non trova riscontro nei fatti".

Si è così evidenziato che l'incremento negli ultimi anni degli immigrati residenti in Italia è stato solo dello 0,3%, che solo uno su cinque proviene dall'Africa, che sono prevalentemente cristiani e che non sottraggono risorse economiche al nostro paese: i dati Istat dicono che il saldo globale è positivo per l'Italia.

Dal punto di vista sanitario, non è vero che gli immigrati portino nuove malattie, come Tbc, Hiv o epatiti; generalmente non si ammalano per cause pregresse ma solo durante il soggiorno in Italia, per le condizioni di vita e il mancato accesso alle cure.

In questo scenario, cosa possono fare i medici?

Garofalo si richiama al giuramento di Ippocrate e rivendica il ruolo autonomo competente e responsabile dei medici nei confronti della salute: "Non dobbiamo aspettare il decreto amministrativo di un assessore o di un ministro, abbiamo già un mandato specifico di curare tutti quelli che ne hanno bisogno; l'invito ai colleghi è di andare oltre alle tentazioni strumentali che possono venire dall'appartenenza a una parte politica piuttosto che a un'altra... anche a noi può capitare di perdere l'identità etica e deontologica, fatta quindi di valori e di obblighi professionali".

Ma può succedere che gli immigranti non abbiano la padronanza della lingua italiana e non conoscano le possibilità di assistenza e cura garantite loro dal Sistema sanitario nazionale.

"Il medico e tutti gli operatori sanitari - sostiene Garofalo - devono trovare il tempo e il modo di essere il più possibili accoglienti e disponibili per abbassare un po' le barriere che spesso trovano anche i pazienti italiani e devono anche imparare a essere buoni informatori, per chiarire a tutti i pazienti, e in particolare a quelli in difficoltà, quali sono i loro diritti e quali sono le possibilità di cura".

Articoli correlati

Avevano permesso ad un non laureato ed abilitato di curare i loro pazienti e per questo il giudice di Lucca ha condannato tre iscritti all’Albo per concorso in esercizio abusivo della...


A denunciare un diplomato odontotecnico di 55 anni di Palermo, con l’accusa di esercizio abusivo della professione sanitaria, sono stati i carabinieri del NAS. Secondo quanto riportato dalla...


“Il meccanismo delle detrazioni sanitarie - è più costoso, regressivo e diseguale territorialmente rispetto a quello degli oneri deducibili applicato alla Sanità Integrativa. Si tratta, inoltre,...


Per i dentisti, igienisti dentali e laboratori odontotecnici che emettono la fattura elettronica per le prestazioni esenti Ivascade lunedì 22 luglio il termine per pagare l'imposta di...


Giornata di incontri istituzionali quella di martedì 16 luglio tra FNOMCeO e Ministro della Salute On. Giulia Grillo ed il Ministro dell’Istruzione Università e Ricerca Marco...


Altri Articoli

Quando non si ha la possibilità di utilizzare trapano, anestesia, materiali per otturazioni, tra le tecniche ed i prodotti a disposizione per trattare la carie dei denti da latte, e non solo, in...


Riceviamo e volentieri pubblichiamo.“Apprendo con grande stupore a mezzo stampa di una presunta querela che sarebbe stata sporta nei miei confronti da parte dell’ANDI – dichiara Marco...


La Regione Toscana, con la Legge regionale n° 50, ha modificato la L.R. 5 agosto 2009 n°51 "Norme in materia di qualità e sicurezza delle strutture sanitarie: procedure e requisiti autorizzativi...


Avevano permesso ad un non laureato ed abilitato di curare i loro pazienti e per questo il giudice di Lucca ha condannato tre iscritti all’Albo per concorso in esercizio abusivo della...


In vista del termine del triennio formativo e dell’obbligo per medici ed odontoiatri iscritti all’Albo di ottemperare al debito formativo previsto l’OMCeO Milano, sul proprio sito,...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi