HOME - Cronaca
 
 
07 Maggio 2019

Controlli nella sede Implantomat a Firenze


Dopo i servizi di Striscia al Notizia ora nelle cliniche Implantomat di Firenze è arrivata la Guardia di Finanza per indagare sulle denunce fatte da pazienti che tra febbraio e settembre 2018 si sono rivolti alla catena di studi, stando a quanto ha pubblicato la stampa locale. Pazienti che denunciavano appuntamenti saltati, cure mai iniziate o interventi fatti male o lasciati a metà. lavori nelle loro bocche che però non sono mai iniziati. Oppure hanno subito danni per interventi fatti male e lasciati a metà. 

Secondo quanto ha riportato il quotidiano La Nazione i reati contestati sarebbero “pesantissimi: truffa ed esercizio abusivo della professione”. “Secondo gli inquirenti –scrive il quotidiano toscano- i dentisti che avrebbero curato le persone che si sono rivolte alla catena odontoiatrica, non avrebbero neppure i titoli per stare davanti alla poltrona. Con grave rischio per la salute ed il risultato finale di chi avrebbe deciso di sottoporsi alle cure di questa catena, che era riuscita ad accaparrarsi numerosi pazienti proprio in virtù dei prezzi vantaggiosissimi promessi”.  

Articoli correlati

La scoperta della Guardia di Finanza. Nonostante lo studio avesse cessato attività, le cure continuavano a farle due diplomati odontotecnici


Denunciati l’igienista dentale non iscritta all’Albo, l’odontotecnico ed il direttore sanitario. Abusivismo, truffa e lesioni i reati contestati


Avrebbe esercitato abusivamente la professione in quanto la laurea non era stata riconosciuta. A processo andrà anche il direttore sanitario


Stamegna: “controllate chi organizza i viaggi, attiviamo una collaborazione per intraprendere strategie comuni con l’obiettivo della tutela dei cittadini”


Ad Alessandria denunciato igienista dentale e dentista per esercizio abusivo della professione e reati ambientali. Ad Ancona è un odontotecnico a finire nei guai mentre a Napoli sono due i finti...


Altri Articoli

Il Decreto rilancio posticipa la scadenza prevista dal Cura Italia e consente ancora per qualche giorno di richiedere il bonus dei 600 euro per il mese di marzo


L’Azienda Zero informa di includere anche gli odontoiatri tra le categorie professionali sottoposte a tampone. La soddisfazione del presidente Nicolin


La Fondazione spiega il perché a chi non è rustico ad ottenere il bonus. Le scadenze per richiedere il saldo o l’intera somma


Il ruolo del collaboratore per sensibilizzare il paziente: le cose da dire e non dire e come dirle, anche per aumentare la sua collaborazione 


I ministeri competenti starebbero lavorando ad un Decreto per poter concedere anche ai professionisti il bonus da 600 euro ad aprile, che potrebbe essere esteso a mille a maggio


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni