HOME - Cronaca
 
 
22 Maggio 2019

Torna la polemica sulle ‘’punturine’’ intorno agli occhi fatte dai dentisti, ANDI replica a Repubblica. Atteso il parere del CSS

Nor. Mac.

“I dentisti non mirano a eseguire ‘punturine intorno agli occhi’ ma riaffermano, e con forza, le proprie prerogative e competenze professionali, per le quali sono stati formati e per le cui affinità sono esclusivisti per legge.”
A dirlo è il presidente ANDI Carlo Ghirlanda, attraverso una nota stampa, rispondendo, indirettamente, a Michele Bocci che nel suo “Riservato” su Salute di Repubblica di ieri 21 maggio accusava “un certo numero di dentisti” di voler fare le “punturine” anti rughe per compensare il calo di pazienti nei loro studi. Secondo Bocci il CSS avrebbe respinto una presunta richiesta avanzata dall’odontoiatri di vedersi ampliato il campo di azione in tema di “ritocchi estetici”. 

In realtà, come Odontoiatria33 aveva riportato, la richiesta è stata avanzata dal Gruppo Tecnico dell’Odontoiatria ma chiedeva al CSS di meglio specificare, dopo il pronunciamento del 2014quali fossero i tessuti di competenza odontoiatrica.  

Parere che stando a quanto Odontoiatria33 è riuscita a sapere, dovrebbe venire reso pubblico a breve e sarebbe in linea con quanto già indicato nel 2014, consentendo al laureato in odontoiatria di intervenire con terapie estetiche nel terzo medio inferiore del viso e sulle labbra a patto che gli interventi siano necessari e finalizzati alla cura odontoiatrica intrapresa. 

Tornando all’articolo di Repubblica Salute, il presidente Ghirlanda “reagisce con fermezza a quanto riportato” individuando nell’articolo “un’assoluta mancanza di rispetto per una categoria che non cerca ulteriori spazi di attività nella medicina estetica, ma semplicemente è determinata a riaffermare, anche in questo contesto, la piena legittimità dei propri ambiti di intervento”. 

Ghirlanda che nella nota stampa ricorda l’Articolo 2 della Legge istitutiva 409/85 che recita: “Formano oggetto della professione di odontoiatra le attività inerenti alla diagnosi ed alla terapia delle malattie ed anomalie congenite ed acquisite dei denti, della bocca, delle mascelle e dei relativi tessuti…”. “Una legge –continua Ghirlanda- che comprende, tra le attività di elezione di un Odontoiatra, anche l’intervento sui tessuti circostanti e non solo la cura dei denti, in un’ottica più ampia e completa”. 

Nota stampa che si chiude ricordando, “a testimonianza dell’importante ruolo svolto dai dentisti italiani, anche in ambiti più trasversali, si registrano le recenti attività di contrasto ai tumori del cavo orale, che ha il suo apice nell’Oral Cancer Day, nell’individuazione dei disturbi del sonno (Progetto OSAS) e nella prevenzione della violenza di genere, oltre alle innumerevoli ulteriori attività a tutela della salute del cittadino”.

Articoli correlati

Oggi un numero crescente di pazienti richiede trattamenti altamente estetici e l’odontoiatria estetica sta diventando sempre più una preoccupazione per le persone che...

di Lorenzo Breschi


Nelle giornate di venerdì 15 e sabato 16 febbraio 2019 a Roma ha avuto luogo il 23° Congresso Nazionale della Società Italiana di Odontoiatria Conservatrice che ha visto la...


I risvolti psicologici della medicina estetica anche in odontoiatria, questi i consigli per un migliore approccio


Altri Articoli

Obiettivo: offrire un servizio gratuito di formazione avanzata, con una visione globale sulla salute, consulenza e supporto per una miglior assistenza ai propri pazienti


Partendo dalla fotografia della salute orale degli anziani, il prof. Gagliani nel suo Agorà del Lunedì si chiede se non sia ora di pensare ad una assistenza odontoiatria domiciliare


l nuovo DCPM introduce nuove misure più restrittive a fronte di una crescita del numero di casi, l'obiettivo, ha detto il premier Conte è di contenere la curva. Ecco le nuove misure


Tra i temi toccati nella video intervista la possibilità che venga nuovamente chiesto agli studi di limitare l’attività, la questione della compresenza con l’igienista dentale, fondi...


Il TAR del Lazio sconfessa il Ministero che aveva richiesto ad un laureato in igiene dentale in Spagna misure compensative per il riconoscimento del titolo in Italia 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


14 Ottobre 2020
Vedo moderno ed avviato studio a Milano

Moderno e avviato studio dentistico, regolarmente autorizzato, mq 80, predisposto per due unità operative, stanza sterilizzazione, radiografico opt e dotato di strumentazione per esercitare le principali branche odontoiatriche, spogliatoio e bagno per il personale, bagno per pazienti. Possibilità di subentro graduale con varie soluzioni. Milano, zona Bicocca-Niguarda. Trattativa riservata. 345 9776587. mail: aumas001@gmail.com

 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Emergenza Covid ed odontoiatria: il punto con il presidente Iandolo