HOME - Cronaca
 
 
07 Giugno 2019

Due ricercatori italiani si aggiudicano le bose di ricerca finanziate da Align Technology


Align Technology, Inc. titolare del marchio Invisalign, finanzierà, per il decimo anno consecutivo, programmi di ricerca universitari scegliendoli tra le proposte arrivate da tutto il mondo.
Due delle borse di ricerca finanziate sono state assegnate a progetti italiani: uno dell’Università di Torino - dottoressa Serena Ravera; l’atro del dott. Luca Levrini de University of Insubria (Varese). 

Gli studi di ricerca finanziati coprono una vasta gamma di argomenti e hanno come obiettivo quello di analizzare i risultati del trattamento in ortodonzia effettuato con la tecnica degli allineatori trasparenti anche in rapporto con altre tecniche. 

Nello specifico il progetto di ricerca del proposto dal prof. Levrini (nella foto) che ha ottenuto il riconoscimento, intende analizzare la quantità di smalto rimossa dall’ortodontista (IPR inter proximal reduction) affinché si possa determinare spazio utile per l’allineamento dentario, in particolare, per definire se quanto calcolato dal sistema di visualizzazione venga poi effettivamente attuato dal clinico. Per lo studio si utilizzerà lo strumento del Bolton, già funzione di calcolo del sistema, confrontando il valore prima del trattamento con quello precedente ad eventuali allineatori aggiuntivi.  

“Sono molto contento di intraprendere uno studio sullo strippig, da sempre ritenuto fattore determinate la buona riuscita del trattamento con allineatori”, commenta ad Odontoiatria33 il prof. Levrini. “In alcuni casi ho avuto l’impressione che venisse mostrata scarsa precisione a questa procedura, con fallimenti di cura non imputabili al sistema ma piuttosto al clinico. Qualunque sarà il risultato della ricerca focalizzare l’attenzione su questo cruciale momento clinico, definendone le modalità, i tempi e soprattutto il rispetto dello smalto ritengo possa essere un valido motivo di minuzioso svolgimento della ricerca”. 

Articoli correlati

In Australia sotto accusa le pretazioni che non sarebbero necessarie e gli accordi tra aziende e dentisti, mentre in USA sono le aziende produttrici a citare l’Ordine


Sconti per i soci ma anche l’impegno a non operare in forma diretta verso i pazienti


Se ne parla domani ad UnoMattina su Rai Uno


La tecnica Invisalign® è presente sul mercato fin dal 1997, utilizzata in tutto il mondo da più di 16 anni. (1) Questa tecnica sicuramente è rivoluzionaria nel settore...


Obiettivi. Descrivere il sistema Invisalign che consente il trattamento ortodontico, in pazienti adulti, di malocclusioni in cui sia richiesto il puro movimento dentale per mezzo di allineatori...


Altri Articoli

Antonio De Falco

De Falco (CIMO): i medici nelle ore che dovrebbero dedicare alla formazione, devono svolgere le funzioni aziendali per sopperire alle carenze di personale


Landi (CAO Lodi): inconcepibile escludere i dentisti dalla distribuzione degli strumenti di protezione, si mette a rischio la loro salute e quella dei pazienti


Lo racconta via Skype Matteo Groppi, odontoiatra titolare di studio a Codogno. Queste le criticità sociali e professionali, ma c'è anche qualche aspetto positivo


Il SIASO rassicura i colleghi: sicure le normali procedure adottate dagli studi per la sicurezza sul lavoro. Ecco i casi in cui ci si può assentare dal lavoro e quelli non consentiti


Ai medici e dentisti sussidio sostitutivo e sospensioni dei contributi previdenziali. Intanto anche il Governo proroga i versamenti per i tributi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Ecco come vive un dentista nella Zona Rossa del Coronavirus