HOME - Cronaca
 
 
20 Giugno 2019

ANDI starebbe lavorando alla mappatura dell’abusivismo e del prestanomismo in Italia


Essendo una pratica illegale e svolta non certo alla “luce del sole”, è difficile sapere con esattezza quanti sono i finti dentisti ed i prestanome che operano illegalmente sul territorio italiano. Negli anni Sindacati e CAO hanno avanzato delle ipotesi, delle stime indicandone 10 mila. Gli unici dati certi sono quelli che il Comando Generale del NAS fornisce annualmente, anche se le percentuali indicate non sono statisticamente rappresentative, come aveva spiegato il Maggiore Umberto Geri, Comandante del N.A.S. di Bologna, intervenuto al convegno organizzato dalla CAO nazionale in Expodental Meeting. Il Comandante Geri ricordava che spesso i controlli sono su segnalazione, quasi a colpo sicuro, “noi ci muoviamo sulla base di indagini, di segnalazioni, individuiamo l’obiettivo attraverso un’attività d’informazione preventiva”. 

A quella del NAS si deve aggiungere, poi, l’attività della Guardia di Finanza e a volte anche quella della Polizia di Stato. 

Ora, sembrerebbe che ANDI voglia effettuare una mappatura del fenomeno, probabilmente proprio per cercare di dare dei dati sulla base di evidenze più reali. 

Ad anticiparlo è stato il Coordinatore del Servizio Studio ANDI dott. Roberto Calandriello, postando sulla propria pagina Facebook un commento alle recenti attività condotte dal Nas di Parma. Questo il post: “Troppi abusivi ancora in giro, e i numeri li sappiamo. Tra poco anche la mappatura. Il cappio si sta stringendo”.  

Per saperne di più, conoscere come verrà realizzata la mappatura, quando sarà terminato il lavoro e quali iniziative saranno prese, Odontoiatria33 ha interpellato l’Ufficio Stampa ANDI che ci ha spiegato che sull’argomento “non sono autorizzati a diffondere dati”. 

Probabilmente, ma sono nostre supposizioni, vista la capillarità di ANDI sul territorio, una parte importante del lavoro potrà essere svolta dai dirigenti provinciali. Un lavoro importante e impegnativo, certamente non semplice da realizzare ma che potrà, finalmente, consentire di capire la reale portata di un fenomeno che stando alle cronache, sembra essere tutt’altro che in diminuzione, nonostante l’inasprimento delle pene introdotto dalla Legge Lorenzin.  


Articoli correlati

Lavorava in uno studio autorizzato al posto del vero dentista


Il NAS di Napoli denuncia dentista ed odontotecnico per esercizio abusivo della professione


A denunciare un diplomato odontotecnico di 55 anni di Palermo, con l’accusa di esercizio abusivo della professione sanitaria, sono stati i carabinieri del NAS. Secondo quanto riportato dalla...


I militari del Nas di Napoli, hanno segnalato alle competenti autorità un odontoiatra di 72 anni per aver detenuto farmaci scaduti nel proprio studio, ed un 61enne per aver esercitato abusivamente...


Il NAS di Bologna ha scoperto uno studio nella provincia di Forlì-Cesena in cui tre assistenti alla poltrona eseguivano trattamenti di cura di patologie del cavo orale con la totale complicità dei...


Altri Articoli

“E’ difficile immaginare che, 6 settimane fa, mi stavo preparando per l'operazione. Oggi la mia preparazione è per gli US Open di Tennis”. A scriverlo sulla propria pagina Facebook...

di Norberto Maccagno


Un concorso per stilare una graduatoria a disposizione delle ASL per l’assunzione di igienisti dentali. La domanda entro il 19 settembre 


Dalla nascita del maxi-Ordine delle professioni sanitarie alle commissioni d’Albo degli Igienisti Dentali, il punto di UNID


Nominati questa mattina dal Consiglio dei Ministri, affiancheranno il Ministro Speranza. Ecco i nuovi equilibri nelle Commissioni di Camera e Senato


Il CED e la FNOMCeO, con inziative distinte, interventono sull’argomento. Il CED stila delle raccomandazioni

di Davis Cussotto


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi