HOME - Cronaca
 
 
20 Giugno 2019

ANDI starebbe lavorando alla mappatura dell’abusivismo e del prestanomismo in Italia


Essendo una pratica illegale e svolta non certo alla “luce del sole”, è difficile sapere con esattezza quanti sono i finti dentisti ed i prestanome che operano illegalmente sul territorio italiano. Negli anni Sindacati e CAO hanno avanzato delle ipotesi, delle stime indicandone 10 mila. Gli unici dati certi sono quelli che il Comando Generale del NAS fornisce annualmente, anche se le percentuali indicate non sono statisticamente rappresentative, come aveva spiegato il Maggiore Umberto Geri, Comandante del N.A.S. di Bologna, intervenuto al convegno organizzato dalla CAO nazionale in Expodental Meeting. Il Comandante Geri ricordava che spesso i controlli sono su segnalazione, quasi a colpo sicuro, “noi ci muoviamo sulla base di indagini, di segnalazioni, individuiamo l’obiettivo attraverso un’attività d’informazione preventiva”. 

A quella del NAS si deve aggiungere, poi, l’attività della Guardia di Finanza e a volte anche quella della Polizia di Stato. 

Ora, sembrerebbe che ANDI voglia effettuare una mappatura del fenomeno, probabilmente proprio per cercare di dare dei dati sulla base di evidenze più reali. 

Ad anticiparlo è stato il Coordinatore del Servizio Studio ANDI dott. Roberto Calandriello, postando sulla propria pagina Facebook un commento alle recenti attività condotte dal Nas di Parma. Questo il post: “Troppi abusivi ancora in giro, e i numeri li sappiamo. Tra poco anche la mappatura. Il cappio si sta stringendo”.  

Per saperne di più, conoscere come verrà realizzata la mappatura, quando sarà terminato il lavoro e quali iniziative saranno prese, Odontoiatria33 ha interpellato l’Ufficio Stampa ANDI che ci ha spiegato che sull’argomento “non sono autorizzati a diffondere dati”. 

Probabilmente, ma sono nostre supposizioni, vista la capillarità di ANDI sul territorio, una parte importante del lavoro potrà essere svolta dai dirigenti provinciali. Un lavoro importante e impegnativo, certamente non semplice da realizzare ma che potrà, finalmente, consentire di capire la reale portata di un fenomeno che stando alle cronache, sembra essere tutt’altro che in diminuzione, nonostante l’inasprimento delle pene introdotto dalla Legge Lorenzin.  


Articoli correlati

Si spacciavano per dentisti in uno studio a Morciano di Romagna. Dopo aver danneggiato un paziente si erano resi irreperibili  


Nel primo caso l’odontoiatra faceva lavorare non abilitato, nel secondo rilevate carenze igieniche in una clinica dentale


A Varese il NAS scopre e denuncia finto dentista che lavorava abusivamente in casa. Rinvenuti farmaci e fiale di anestetico


Lavorava senza laurea in uno studio sconosciuto all’Autorità sanitaria e senza autorizzazione. Denunciato


Denunciato a Civitavecchia per esercizio abusivo della professione di odontoiatra, falso e sostituzione di persona


Altri Articoli

Sinergia Associazione Italiana Odontoiatri-Tokuyama: i soci riceveranno un "Welcome kit" fino al 30 aprile


Il prof. Gagliani pone l'attenzione su di una ricerca che evidenza come la scienza dei materiali e l’intelligenza artificiale possa contribuire a rendere l’ambiente poco ospitale per i virus

di Massimo Gagliani


L’Ordinanza del Generale Figliulo con le nuove priorità di vaccinazione potrebbe coinvolgere anche tutte le figure presenti in studio. Per l’ANTLO, anche gli odontotecnici  


Il mercato chiederà meno vendita diretta e più assistenza e consulenza, ipotizza Maurizio Quaranta (ADDE) evidenziando la difficoltà per i depositi di trovare un ricambio generazionale qualificato


Definiti tutti i presidenti delle Commissioni Albo Odontoiatri provinciali: 24 quelli che hanno cambiato la guida, 6 le donne


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come spiegare gli interventi odontoiatrici al paziente