HOME - Cronaca
 
 
09 Luglio 2019

Fumo e patologie correlate: a Bari focus su nuove frontiere per preservare la salute della bocca


Oggi 9 luglio a Bari, si è svolto un simposio dedicato alla salute di denti e bocca, tumori del cavo orale fumo correlati, prevenzione e riduzione del danno da fumo dal titolo: LaRiduzione del danno nel tabagismo: il diritto di sapere, il diritto di scegliere”. Le nuove frontiere per preservare la salute della bocca. 

Organizzato dal COCI (Cenacolo odontostomatologico del Centro Italia) e dalla LILT (Lega italiana lotta al tumore) l’evento ha rappresentato anche una tappa della campagna COCI “Guardati in bocca”. Causa principale dei tumori maligni della bocca rimane la combustione del tabacco: i dati riportano come oltre l’80% circa di tutti i tumori maligni della bocca (labbra, guance, lingua, gola, gengive) è attribuibile al fumo di sigaretta. Il rischio aumenta con l’assunzione congiunta ditabacco e alcol.  

Secondo il Prof. Francesco Riva (nella foto), già direttore della chirurgia odontostomatologica del Policlinico Umberto I di Roma e presidente del COCI: “Chi fuma, anche pipa e sigari, rischia sette volte di più questi tumori rispetto a chi non fuma. Ma ancor più chi unisce fumo e alcol rischia addirittura 30 volte di più, soprattutto a causa del calore della combustione e i prodotti derivanti dalla degradazione del tabacco". 

Dello stesso avviso Luisa Limongelli, del Dipartimento di Medicina Interdisciplinare di Bari: “Complessivamente in Italia il fumo provoca circa 90.000 morti per anno. Il carcinoma del cavo orale rappresenta il 3% di tutti i tumori maligni. In molti paesi l'incidenza è in aumento soprattutto tra donne e giovani. È, in alcune sue varianti, particolarmente aggressivo soprattutto se diagnosticato in fasi avanzate”.  

Prosegue ancora il Professore Gianfranco Favia, direttore Odontostomatologia del Policlinico di Bari: “Per quanto concerne il cavo orale, il fumo è causa di svariate patologie che possono essere suddivise in due grandi capitoli: patologie non oncologiche; patologie oncologiche e potenzialmente maligne. Le prime risultano spesso nella prematura compromissione dei denti e del parodonto (tessuti di supporto del dente come le gengive) con tutto ciò che consegue la perdita precoce di elementi dentari nelle funzioni principali (masticazione, fonazione...). Le patologie potenzialmente maligne pongono il paziente a serio rischio di sviluppare cancro orale se non prontamente riconosciute e trattate”.  

Oggetto del Convegno anche le alternative al fumo tradizionale, e-cig e prodotti a tabacco riscaldato, per verificare il potenziale di questi prodotti di ridurre i rischi e i danni provocati dalle sigarette.

Un tema di forte attualità per la comunità scientifica e per le autorità sanitarie di tutto il mondo che negli ultimi anni stanno guardando con crescente interesse al potenziale dei prodotti alternativi alle sigarette come strumento utile al fine di consentire ai fumatori di abbandonare definitivamente le sigarette. Proprio lo scorso aprile, la Food and Drug Administration Statunitense (FDA), la rinomata agenzia americana del farmaco che ha il compito di valutare i prodotti del tabacco prima dell’immissione nel mercato, ha autorizzato la commercializzazione di IQOS nel mercato USA ritenendolo uno strumento idoneo alla protezione della salute pubblica. 

Anche secondo Riva, “Gli effetti positivi dell’uso di questi prodotti rispetto alla persistenza dell’uso delle sigarette sono subito verificabili. Per esempio, quando si elimina la combustione, torna una corretta salivazione che è protettiva per carie, infiammazioni e danni fumo correlati. Con i prodotti senza fumo poi, la salivazione torna normale. Guance, gengive e lingua non sono più secche come nei fumatori tradizionali. Poi si verifica un minore accumulo di nicotina e quindi meno danni allo smalto dei denti.” – ha concluso Riva.

L’incontro è aperto agli specialisti odontostomatologici, agli oncologi, ai medici della prevenzione e alla cittadinanza. Dopo i saluti e l’introduzione del Prof. Riva e del professore Francesco Schittulli, presidente nazionale LILT, i temi sul tavolo sono “Patologia orale fumo correlata” (professor Gianfranco Favia, direttore Odontostomatologia del Policlinico di Bari), “Tumori del cavo orale fumo correlati” (Luisa Limongelli, dipartimento di Medicina Interdisciplinare). 

A cura di: Mario Pappagallo

Articoli correlati

Avevano permesso ad un non laureato ed abilitato di curare i loro pazienti e per questo il giudice di Lucca ha condannato tre iscritti all’Albo per concorso in esercizio abusivo della...


A denunciare un diplomato odontotecnico di 55 anni di Palermo, con l’accusa di esercizio abusivo della professione sanitaria, sono stati i carabinieri del NAS. Secondo quanto riportato dalla...


“Il meccanismo delle detrazioni sanitarie - è più costoso, regressivo e diseguale territorialmente rispetto a quello degli oneri deducibili applicato alla Sanità Integrativa. Si tratta, inoltre,...


Per i dentisti, igienisti dentali e laboratori odontotecnici che emettono la fattura elettronica per le prestazioni esenti Ivascade lunedì 22 luglio il termine per pagare l'imposta di...


Giornata di incontri istituzionali quella di martedì 16 luglio tra FNOMCeO e Ministro della Salute On. Giulia Grillo ed il Ministro dell’Istruzione Università e Ricerca Marco...


Altri Articoli

Tra i temi di stretta attualità su cui il Governo (o parte di esso) dice di voler intervenire -comunque lo annuncia- c’è quello del salario minimo. Che è di fatto la copia...

di Norberto Maccagno


Quando non si ha la possibilità di utilizzare trapano, anestesia, materiali per otturazioni, tra le tecniche ed i prodotti a disposizione per trattare la carie dei denti da latte, e non solo, in...


“Apprendo con grande stupore a mezzo stampa di una presunta querela che sarebbe stata sporta nei miei confronti da parte dell’ANDI – dichiara Marco Vecchietti, Amministratore Delegato e...


La Regione Toscana, con la Legge regionale n° 50, ha modificato la L.R. 5 agosto 2009 n°51 "Norme in materia di qualità e sicurezza delle strutture sanitarie: procedure e requisiti autorizzativi...


Avevano permesso ad un non laureato ed abilitato di curare i loro pazienti e per questo il giudice di Lucca ha condannato tre iscritti all’Albo per concorso in esercizio abusivo della...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi