HOME - Cronaca
 
 
10 Luglio 2019

Patto per la salute, le istanze di Confartigianato odontotecnici. Titolarità della fabbricazione della protesi e più informazione ai pazienti


Dopo gli interventi di ANDI, UNID e SNO/CNA, alla giornata di apertura della Maratona del Patto sulla Salute, ieri martedì 9 luglio, è stata la volta degli odontotecnici di Confartigianato attraverso il suo presidente Gennaro Mordenti (nella foto).  

Confartigianato Odontotecnici ha colto l'occasione per ribadire l'importanza del ruolo dell'odontotecnico nella filiera del dentale e sollecitare controlli a salvaguardia della titolarità della protesi. Tra le richieste, anche l’organizzazione di campagne informative di livello nazionale/regionale rivolte all’utenza circa l’importanza di conoscere materiali e processi di produzione della protesi, anche eventualmente da organizzare in collaborazione con Organizzazioni di rappresentanza del settore odontotecnico. 

Mordenti ha ricordato come, pur essendo legati ad un profilo del 1928, gli odontotecnici hanno un ruolo di primo piano nella filiera odontoiatrica, quali fabbricanti di dispositivi medici su misura, ai quali il Regolamento UE 745/2017 ascrive la responsabilità che il dispositivo su misura venga realizzato tenendo conto di tutte le peculiarità dell’utilizzatore finale, in modo da non compromettere la sicurezza e la salute del paziente. Ridonando cosa prevede la normativa e quali sono le garanzie che i laboratori odontotecnici registrati come fabbricanti presso ilMinistero della Salute offrono ai pazienti a garanzia della sicurezza delle protesi fabbricate, il presidente Mordenti richiama l’attenzione sulla necessità “che l’odontotecnico conservi l’esclusiva titolarità della protesi”. 

“Dobbiamo purtroppo segnalare, invece, la progressiva degenerazione della situazione di mercato relativa alla fabbricazione dei DMM e la crescente disinvolta interpretazione delle norme a livello nazionale rispetto agli obblighi previsti per i fabbricanti, ed alla relativa iscrizione degli stessi presso l’apposito Registro istituito presso il Ministero della Salute”, denuncia Mordenti aggiungendo. “L’avvento delle nuove tecnologie informatiche consente infatti la realizzazione dei dispositivi medici su misura da parte di soggetti non tenuti a tale iscrizione, che potrebbero dunque ignorare gli obblighi a cui sono invece sottoposti i laboratori odontotecnici”.  

Confartigianato chiede che “nell’ambito del Patto per la Salute sia implementato un severo sistema di vigilanza affinchè venga puntualmente rispettato quanto previsto dalla normativa europea in materia di dispositivi medici relativamente a ruolo e responsabilità dei fabbricanti di dispositivi medici su misura, con particolare riferimento al sistema di sorveglianza post- commercializzazione ed alla tracciabilità del dispositivo”.

Ma non solo per gli odontotecnici, nonostante il regolamento non ne sancisca l’obbligo, “sarebbe opportuno sollecitare il paziente odontoiatrico a richiedere il rilascio della documentazione di conformità del dispositivo prevista all’allegato XIII che, secondo la norma, deve essere “messa a disposizione di un determinato paziente o utilizzatore, identificato mediante il nome, un acronimo o un codice numerico”. 

Sarebbe utile – a tal fine - l’organizzazione di campagne informative di livello nazionale/ regionale rivolte all’utenza circa l’importanza di conoscere materiali e processi di produzione della protesi, anche eventualmente da organizzare in collaborazione con Organizzazioni di rappresentanza del settore odontotecnico”.   

Articoli correlati

Per il Prefetto lo studio odontoiatrico sarebbe equiparato alle attività professionali e negli 11 Comuni “focolaio”, gli studi dovranno rimanere chiusi salvo per le emergenze


E’ corsa contro il tempo, ma vi sarebbero le condizioni per arrivare a modificare il Decreto prima della scadenza del 21 aprile 2020


L’On. Raffaele Nevi chiede al Governo di adoperarsi per posticipare la prima scadenza del DPCM dell’ASO per dare al Governo il tempo per approvare le modifiche


I lavoratori già in costanza di lavoro sono esonerati dal conseguire l’attestato di qualifica professionale per essere assunti come ASO. Andrea Tuzio ci spiega chi ne ha diritto e come...


I problemi potrebbero nascere per coloro che sono esentate in Italia dal conseguire l’attestato di qualifica. Il Ministero intanto ha definito le modalità di riconoscimento per i titoli conseguiti...


Altri Articoli

ANDI in collaborazione con AIO, CAO, Fondazione ANDI, diffonde una guida pratica per odontoiatri e personale di studio condivise con il Ministero della Salute


Dopo circa vent’anni sembra impossibile riuscire, ancora, a scoprire sull’ECM situazioni decisamente “difficili da capire”. Ed invece sembra chi si possa riuscire, e senza neppure impegnarsi...

di Norberto Maccagno


Per il Prefetto lo studio odontoiatrico sarebbe equiparato alle attività professionali e negli 11 Comuni “focolaio”, gli studi dovranno rimanere chiusi salvo per le emergenze


Tra le tante opportunità di aggiornamento professionale per i soci della Società Italiana di Parodontologia, anche quella offerta dal canale SIdP Edu 


Immagine di repertorio

A scoprirlo e denunciarlo il NAS di Catania ed i carabinieri di Pietraperzia, sequestrato anche lo studio. Cassarà (CAO Enna), ci costituiremo parte civile.


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni