HOME - Cronaca
 
 
18 Luglio 2019

La CAO incontra i ministri Grillo e Bussetti. Sul tavolo scuole di specialità, doppia laurea ed un progetto di prevenzione su tutto il territorio italiano

Nor.Mac.

Giornata di incontri istituzionali quella di martedì 16 luglio tra FNOMCeO e Ministro della Salute On. Giulia Grillo ed il Ministro dell’Istruzione Università e Ricerca Marco Bussetti. Presenti per la FNOMCeO il presidente Filippo Anelli, il Vicepresidente Giovanni Leoni e il presidente della Commissione Albo Odontoiatri Raffaele Iandolo, il Capo di Gabinetto del Ministro Grillo Guido Carpani e quello del MIUR Giuseppe Chinè. Molti gli argomenti sul tavolo, e vista la presenza del presidente nazionale CAO anche quelli odontoiatrici sono stati affrontati a cominciare da quello sulle specialità e l’accesso al SSN da parte dei laureati in odontoiatria, ma anche il numero programmato ed il test di accesso. 

“Un incontro proficuo che ci ha permesso un confronto con i Ministri competenti su alcune questioni che stanno coinvolgendo la professione odontoiatrica verificando e suggerendo possibili interventi da predisporre”, dice ad Odontoiatria33 il presidente nazionale CAO Raffaele Iandolo

Tra i temi comuni che hanno interessato i due ministeri certamente quello della doppia laurea per i laureati in medicina e quelli in odontoiatria.

“In molti Paesi europei per esercitare alcune specialità mediche è richiesta la doppia laurea (medicina ed odontoiatria)”, dice il presidente Iandolo portando come esempio i chirurghi maxillo facciali.L’intenzione, spiega il presidente CAO, è quella di creare un percorso formativo post laurea (si ipotizza di 2-3 anni) che permetta al laureato in medicina di acquisire anche la laurea in odontoiatria e viceversa. “Prima, però, si deve risolvere la questione della doppia iscrizione all’Albo dei medici ed a quello degli odontoiatri”, dice Iandolo. Sul tema, sempre stando alle parole del presidente Iandolo, il Ministro Grillo si è detto disponibile e disposto a trovare una soluzione.

“Il Ministro si è riservata di coinvolgere ulteriormente gli uffici legali per approfondire i limiti normativi e le eventuali modifiche legislative necessarie”, dice Iandolo aggiungendo che anche CAO e FNOMCeO stanno lavorando in questo senso.  

Altro tema che ha coinvolto i due Ministeri quello dell’obbligo di specializzazione per i laureati in odontoiatria che vogliono partecipare ai concorsi per dirigente medico all’interno del SSN. Iandolo ha ribadito la necessità che la laurea in odontoiatria sia considerata una laurea specialistica.  

“Ho spiegato ai Ministri non solo del rischio che tra qualche anno il SSN si troverà a non riuscire a sostituire il personale che andrà in pensione, ma come le attuali scuole di specialità odontoiatriche non sono equiparate a quelle mediche”.
Di conseguenza, dice Iandolo, “non possiamo chiedere agli odontoiatri sollo gli oneri escludendoli dai benefici previsti per quelle mediche”, ed il riferimento all’esclusione dalle borse di studio per gli odontoiatri iscritti alle scuole di specialità è evidente. Poi, continua Iandolo, “servirebbero corsi di specialità in tutte le branche dell’odontoiatria, come capita per medicina, e non solo per le tre ad oggi in essere”. 

Sui temi d’interesse di entrambi i Ministeri, il presidente CAO anticipa la richiesta del Ministro Grillo di attivare con le Commissioni Albo Odontoiatriche un progetto di prevenzione odontoiatrica da attivare nelle scuole su tutto il territorio nazionale. 

Con il Ministro Bussetti, il presidente CAO ha poi toccato anche il tema dei test di accesso al corso di laurea in odontoiatria. “Ho evidenziato come oggi la programmazione non corrisponda al reale fabbisogno di odontoiatri in quanto non considera il numero di lauree conseguite all’estero e riconosciute in Italia”, dice Iandolo indicando in almeno 200 il numero di posti all’anno in più di quanti servirebbero. 

Sulla riforma del test il presidente CAO ha dato la disponibilità al Ministro di collaborare per migliorare la qualità dei quesiti, dicendosi contrario, però, a soluzioni che prevedano un ingresso massiccio di studenti puntando poi a sbarramenti durante il percorso formativo.
“Sbarramenti che non garantirebbero una programmazione e possono illudere gli studenti costringendoli, poi, dopo aver cominciato un precorso di studi, a doverlo abbandonare”.

Photo Credit: pagina Facebook FNOMCeO

Articoli correlati

Già pienamente operativa la sanzione automatica se non si ha comunicato l’indirizzo PEC all'Ordine. FNOMCeO scrive a Conte e chiede di modificare la norma


Al centro del dialogo, anche la violenza contro i medici, l’imbuto formativo, il diritto alla maternità per le professioniste e a condizioni di lavoro eque e sicure   


Nel ricordo dei presidenti CAO scomparsi la prima Assemblea CAO dopo il lockdown. Uno sguardo a cosa è successo e le questioni in agenza, partendo da StP e ''Avvio della professione'' 


Nisio: serve una programmazione su almeno 5 anni che tenga conto anche delle lauree estere e si deve rivedere il numero degli atenei italiani


Iandolo: numeri che non tengono conto della reale situazione e rischiano di creare nei prossimi anni un numero importante di disoccupati


Altri Articoli

DiDomenica     02 Agosto 2020

Quando vi serve, noi ci siamo

Attraverso il DiDomenica prima della chiusura estiva e quello di fine anno, solitamente cerchiamo di fare dei bilanci sul periodo che si conclude. Ovviamente questa volta non mi...

di Norberto Maccagno


Dal COI corso FAD da 50 crediti per Odontoiatri, Igienisti, Medici di medicina generale, Pediatri, Geriatri, Psicologi, Neurologi, Otorinolaringoiatri, Infermieri


L’Agenzia delle Entrate indica come comportarsi se il paziente utilizza App che sostituiscono nel pagamento il Pos o la carta di credito


La proroga dell’emergenza penalizza il mondo della formazione, le preoccupazioni di Federcongressi e ECM Quality Network


Savini: “evitano il peggio. Grazie al lavoro di AIO ed ANDI state cassate norme che altrimenti avrebbero imposto adempimenti gravosi agli Odontoiatri”


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


28 Luglio 2020
Vendo attrezzatura completa per studio odontoiatrico

Vendo attrezzatura completa per ambulatorio odontoiatrico a Santarcangelo di Romagna (Rimini): riunito OMS in ottimo stato, separatore amalgama, compressore e pompa aspirazione, 2 mobili componibili, 2 servomobili, radiologico NOVAXA con testata DE GOTZEN, autoclave TECNO-GAZ classe B con stampante, sigillatrice MELAG, lampada fotopolimerizzante, 4 plafoniere con neon, strumenti per chirurgia orale, conservativa ecc in ottime condizioni. Tutto a norma CE. E 3000,00 COMPRESO SMONTAGGIO E IMBALLAGGIO. Foto inviabili. Per informazioni telefonare a Ricardo 347/4120042 (email: ricardo.ricci@email.it).

 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Paziente o cliente, il punto di vista del dentista e del u201cconsumatoreu201d