HOME - Cronaca
 
 
19 Settembre 2019

La salute orale entra nella Dichiarazione delle Nazioni Unite sulla copertura sanitaria universale

Seeberger (FDI): decisione storica, ora la si deve mettere in pratica in ogni singola Nazione per ridurre le disuguaglianze in tema di salute


L’FDI World Dental Federation accoglie con favore l'impegno di voler rafforzare la salute orale inserendola nella Dichiarazione delle Nazioni Unite sulla copertura sanitaria universale (Universal Health Coverage UHC). La dichiarazione sarà ufficialmente adottata dai leader mondiali durante la riunione delle Nazioni Unite sulla UHC il 23 settembre prossimo a New York.

"La salute orale è una delle aree più trascurate della salute globale, non possiamo che plaudire i leader mondiali per la decisione di inserirla nella Dichiarazione UHC”, ha detto il neo presidente FDI Gerhard Seeberger. “E’ ora indispensabile che la Dichiarazione diventi un atto concreto con azioni sostenibili a livello nazionale”.

La salute orale è essenziale per la salute generale e il benessere in ogni fase della vita ma nonostante questo, ricorda FDI, la scarsa attenzione verso la salute orale è una “epidemia silenziosa” che affligge circa 3.580 milioni di persone, più della metà della popolazione mondiale. 

“Malattie orali come la carie, problemi gengivali e il cancro orale –dice FDI- sono le forme più comuni di malattie non trasmissibili prevenibili che colpiscono le persone per tutta la vita, causando dolore, disagio, disfunzioni e persino la morte.I principali fattori di rischio sono l'uso del tabacco, l'uso dannoso di alcol e il consumo di zucchero”.

Anche se la maggior parte delle malattie orali sono prevenibili, FDI informa che “è stato stimato che il numero di persone affette da malattie orali non trattate è aumentato del 38% dal 1990 e le malattie orali sono la quarta patologia per costo out-of-pocket per il loro trattamento.

"UHC offre un'opportunità unica per migliorare l'accesso ai servizi essenziali odontoiatrici e affrontare le spese out-of-pocket associate alla salute orale in molti paesi”, ha detto il dottor Benoit Varenne , Dental Officer del NCD Department dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. “L’inserimento della salute orale tra le tutele essenziali nel Documento UHC contribuirà a migliorare i risultati di salute e ridurre le disuguaglianze in materia di accesso alle cure”.

Articoli correlati

Presso FICO di Bologna un nuovo appuntamento con “La Piazza della Salute”, aperto a tutti e all’insegna dell’informazione e prevenzione partendo dalla salute dei propri denti fino a uno...


Il prof. Habib Benzian interviene sulla questione: la salute della bocca non è qualcosa di separato dal resto, serve una riforma delle cure in 5 punti


Indirizzare i politici per fare in modo che la prevenzione diventi, all’interno delle politiche sanitarie europee e nazionali, un cardine della salute orale, così come, oggi, lo è di quella...


È oggi la XV Giornata mondiale contro l'ipertensione arteriosa e, in questa occasione, per il secondo anno, la Società Italiana dell'Ipertensione Arteriosa (SIIA) ha promosso in 400 farmacie,...


Altri Articoli

Stamegna: “controllate chi organizza i viaggi, attiviamo una collaborazione per intraprendere strategie comuni con l’obiettivo della tutela dei cittadini”


Entro il 31 ottobre si deve confermare la volontà. Un video tutorial spiega come fare per utilizzare il servizio


Maria Costanza Meazzini guiderà ECPCA fino al 2023, durante il suo mandato l’organizzazione del Congresso internazionale a Milano. Le congratulazioni del Governatore Fontana


Il Garante della Privacy dà il via libera al MEF per inserire tra le professioni che devono inviare i dati, anche quelle iscritte ai nuovi Albi delle professioni sanitarie che fatturano al paziente


Interessante decisione della CCEPS chiamata a giudicare la sanzione ad un direttore sanitario per mancata vigilanza in tema di abusivismo e quando decorre la prescrizione del reato 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi