HOME - Cronaca
 
 
11 Ottobre 2019

Odontoiatri e Medici Convenzionati fondano il loro sindacato: nasce ANOMeC

Si chiama Associazione Nazionale Odontoiatri e Medici Convenzionati e si pone come portavoce di tutti coloro che credono nella Sanità Integrativa e vogliono renderla una opportunità per medici, dentisti e pazienti


La sanità integrativa nei prossimi anni si affermerà sempre di più e sarà un aiuto ai pazienti, per questo non deve essere combattuta ma governata per riaffermare i valori della professione medica ed odontoiatrica partendo dalla centralità del rapporto medico paziente. Sono queste basi su cui si fonda la neonata Associazione Nazionale Odontoiatri e Medici Convenzionati che vuole battersi per difendere la professionalità degli odontoiatri e dei medici che operano in regime di convenzione diretta con le Assicurazioni Sanitari.

Presidente è stata eletta la dott.ssa Vannetti Maria Rita, sul sito dell’Associazione gli altri referenti territoriali. 

ANOMeC, si legge sul proprio sito, “è favorevole alle convenzioni dirette, che aiutano i pazienti ad affrontare i costi delle cure, ma rivendica la necessità da parte degli odontoiatri e dei medici di poter applicare il proprio tariffario, configurando l’intervento delle Assicurazioni come un “contributo” di entità variabile a seconda della polizza stipulata dai fondi sanitari aziendali, che può arrivare, in molti casi, anche a coprire l’intero costo della prestazione”.

In una lettera di presentazione inviata a dentisti convenzionati, l’ANOMeC ritiene che “il futuro vedrà affermarsi sempre di più l'assistenza privata e con essa la presenza di molteplici modelli di convenzione tra professionisti e fondi”, ma rileva come “negli ultimi anni tuttavia abbiamo tutti noi constatato che le scelte ed i comportamenti di alcuni fondi assicurativi hanno alterato i rapporti medico/odontoiatra paziente e spesso hanno compromesso lo svolgimento dell'attività professionale in convenzione”. E spesso perché la contrattazione era tra Fondo e singolo professionista e non con i loro rappresentati.

L'Associazione ANOMeC è composta da medici ed odontoiatri e si prefigge proprio di rappresentare la categoria medica ed odontoiatrica nel difficile compito di:

  • Tutelare la categoria di fronte ai comportamenti non conformi dei fondi (consulenza nella gestione dei rapporti con il fondo, assistenza legale specifica, decreti ingiuntivi in caso di mancato pagamento etc etc).
  • Contrastare ed evidenziare presso le autorità competenti e a mezzo stampa le anomalie e storture da parte dei fondi che violino le regole della concorrenza.
  • Sviluppare e proporre modelli più idonei di collaborazione che tutelino tutti i protagonisti: i pazienti innanzitutto, gli stessi fondi assicurativi ed ovviamente la nostracategoria.   

Articoli correlati

In un cinema milanese uscita pubblica dell’Associazione Nazionale Odontoiatri e Medici Convenzionati per fare il punto su criticità ed avanzare proposte


Organizzato per giovedì 23 gennaio 2020 da ANOMEC a Milano, un evento dal titolo: “Costi di gestione dello studio e convenzioni sanitarie: due realtà incompatibili?”


ANOMC organizza il 23 gennaio a Milano un momento di approfondimento sul convenzionamento ed i costi di gestone dello studio


CAO Roma approfondisce il tema cercando di capire come le scelte che vengono fatte sul SSN, impattano anche sulla sanità privata e quella odontoiatrica in particolare


Intervista a Maria Rita Vannetti presidente della neonata Associazione Nazionale Odontoiatri e Medici Convenzionati


Altri Articoli

Dopo la richiesta di chiarimenti da parte delle farmacie, sulla percentuale minima di etanolo per i prodotti disinfettanti a base alcolica, arriva la risposta dell'Istituto superiore di sanità che...


La disparità di trattamento, in tema di aiuti causa pandemia, tra attività gestite da un iscritto ad un Albo professionale e quella da un cittadino munito di partita iva è...

di Norberto Maccagno


Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni