HOME - Cronaca
 
 
17 Ottobre 2019

Niente proroga del pagamento delle tasse ma riduzione dell'anticipo

Il Governo cambia idea sulla proroga delle rate delle imposte, ma introduce una riduzione sull’acconto di fine novembre


L’annuncio della proroga del versamento della rata delle imposte per i soggetti soggetti ad ISA a marzo 2020 era arrivato direttamente dal Ministero dell’Economica, ma probabilmente nel Consiglio dei ministri che ha approvato la manovra finanziaria 2020 c’è stato un cambio di programma. 

Nel decreto fiscale approvato “salvo intese”, ovvero altre modifiche saranno possibili,  non è stata quindi inserita l’annunciata proroga  della rata di novembre delle imposte dovute da imprese e professionisti soggetti agli Indici di Affidabilità Fiscale (Isa) o in regime forfettario.  

Invece della proroga, ipotizzata per permettere un escamotage contabile nei conti dello Stato, è stata decisa una riduzione del 10% sull’acconto sulle tasse del 2020, in scadenza a fine novembre
Il 2 dicembre (il 30 novembre cade di sabato e il primo è festa) si dovrà quindi versare l’acconto del 90% sul reddito presunto al 31 dicembre 2020 e non più il 100%.  

Articoli correlati

Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


Il Decreto rilancio posticipa la scadenza prevista dal Cura Italia e consente ancora per qualche giorno di richiedere il bonus dei 600 euro per il mese di marzo


I ministeri competenti starebbero lavorando ad un Decreto per poter concedere anche ai professionisti il bonus da 600 euro ad aprile, che potrebbe essere esteso a mille a maggio


Si allarga e semplifica il sistema per richiedere i finanziamenti garantiti dalla Stato. Introdotte più garanzie al datore di lavoro in caso di contagio da Covid-19


Queste le raccomandazioni dell’ISS e quanto contenuto nelle Indicazioni operative per l’attività odontoiatrica durante la Fase 2 


Altri Articoli

Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


Il Decreto rilancio posticipa la scadenza prevista dal Cura Italia e consente ancora per qualche giorno di richiedere il bonus dei 600 euro per il mese di marzo


L’Azienda Zero informa di includere anche gli odontoiatri tra le categorie professionali sottoposte a tampone. La soddisfazione del presidente Nicolin


La Fondazione spiega il perché a chi non è riuscito ad ottenere il bonus. Le scadenze per richiedere il saldo o l’intera somma


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni