HOME - Cronaca
 
 
17 Ottobre 2019

All’Università di Milano il premio Marshall Postdoctoral Award dell’ADM

Il premio al dott. Andrei Ionescu per una ricerca sulla Proprietà antimicrobiche della resina PMMA contenente grafene

di Simona Chirico


Da sinistra: Bill Marshall, Sally Marshall, Andrei Ionescu, Jeff StansburryDa sinistra: Bill Marshall, Sally Marshall, Andrei Ionescu, Jeff Stansburry

Istituito dall’Academy of Dental Materials (ADM) come riconoscimento dell'eccellenza nella ricerca sui biomateriali dentali, lo scopo del Marshall Postdoctoral Award è quello di incoraggiare e riconoscere le ricerche innovative svolte dai professionisti nella fase di post-dottorato. Questo premio è stato creato dall’ADM in onore di Grayson e Sally Marshall, che si sono distinti in ruoli di tutoraggio e hanno dato grandi contributi all'ADM durante la loro carriera. Entrambi sono stati membri dell'ADM dal 1983 e sono attualmente membri dell'Emeritus.  

Quest'anno, il premio è stato conferito al dott. Andrei C. Ionescu, dell’Università degli Studi di Milano, durante l’annuale Congresso dell’ADM per la ricerca dal titolo: "Proprietà antimicrobiche della resina PMMA contenente grafene". Autori: AC Ionescu, S. Sauro, PM Pires, A. Lòpez-Castellano , AM Alambiaga-Caravaca, E. Brambilla. (Antimicrobial properties of PMMA resin containing graphene. Authors: AC Ionescu, S. Sauro, PM Pires, A. Lòpez-Castellano , AM Alambiaga-Caravaca, E. Brambilla)". 

Qui di seguito l’abstract del lavoro:  


Scopo / obiettivo 

L'odontoiatria protesica moderna si concentra sempre più sulle procedure digitali, comprese le tecnologie CAD/CAM. In questo contesto, il PMMA viene ampiamente utilizzato come materiale per dispositivi protesici. La carie secondaria è ancora il motivo principale del fallimento dei restauri a base di resina dentale. Pertanto, un'attività antimicrobica espressa da questi materiali è considerata benefica per la loro longevità. Questo studio mirava a testare il comportamento fisico, chimico e microbiologico di una resina PMMA per applicazioni CAD / CAM contenenti grafene. 


Materiali e metodi 

I campioni (n = 48) sono stati ottenuti da dischi PMMA contenenti <50 ppm di grafene e da dischi PMMA convenzionali per applicazioni CAD/CAM. I campioni sono stati rifiniti con carta abrasiva fino a 4000 grana e una metà è stata immersa in etanolo assoluto per 24 ore. Questo protocollo è stato introdotto per valutare il comportamento microbiologico dei campioni testati dopo l'ammorbidimento della superficie, accelerando così l'invecchiamento delle superfici delle resine da restauro. Le caratteristiche del materiale sono state valutate in termini di rugosità superficiale, microdurezza, resistenza alla trazione, solubilità e assorbimento d'acqua. L'eluizione del metilmetacrilato dopo il trattamento del campione è stata determinata mediante HPLC.  

Dopo 24 ore di pre-incubazione con saliva umana sterile, il comportamento microbiologico dei materiali è stato valutato utilizzando due modelli: Streptococcus mutans formazione di biofilm in un bioreattore a flusso continuo che simula le forze di taglio (30 ml / h) per 24 ore e basato su microcosmo orale artificiale su inoculo a placca mista sviluppato utilizzando la stessa impostazione per 24 ore. La biomassa vitale che aderisce alle superfici dei campioni è stata misurata utilizzando un test a base di colorante tetrazolio.

L'analisi statistica includeva la verifica della normalità della distribuzione e dell'omoscedasticità, quindi ANOVA a più vie e il test t di Student (α = .05). 


Risultati

Il protocollo di finitura non ha prodotto differenze significative nella rugosità superficiale tra i materiali testati. Il trattamento con etanolo ha ridotto significativamente la microdurezza superficiale in entrambi i materiali, ma in misura minore sul PMMA contenente grafene. Nessuna differenza nella resistenza alla trazione finale è stata trovata tra i materiali. Il PMMA contenente grafene ha mostrato un assorbimento e una solubilità dell'acqua significativamente inferiori rispetto al PMMA convenzionale. Dopo il trattamento con etanolo, è stata identificata una quantità significativamente più bassa di leachat per il PMMA contenente grafene. L'aggiunta di grafene ha ridotto significativamente la formazione di biofilm rispetto al controllo in entrambi i modelli microbiologici.  

È interessante notare che il trattamento dei campioni ha prodotto l'opposto (modello S. mutans) o nessun effetto (microcosmo orale artificiale) sulla formazione di biofilm. 


Conclusioni

Il PMMA con aggiunta di grafene è un materiale promettente dal punto di vista sia meccanico che microbiologico. Il trattamento con etanolo ha influenzato le caratteristiche superficiali dei materiali, lasciando sul PMMA con aggiunta di grafene una superficie più incline alla colonizzazione batterica. 

Articoli correlati

Positivo il giudizio del presidente Anelli sulla manovra in tema di sanità in particolare verso quelli che tendono a modificare stili di vita dannosi alla salute 


Riconoscimento al presidente FNOMCeO durante il XXIX Congresso Nazionale dell’Associazione Igienisti Dentali Italiani in corso a Bologna


Rimborsi e sussidi da parte di ENPAM per medici e dentisti danneggiati. Anche AIO ed ANDI vicine ai dentisti colpiti


Il primo è un dentista titolare di un ambulatorio odontoiatrico ma senza autorizzazione, ai tre denunciati a Paestum mancava invece la laurea


Sabato a Torino il Convegno da titolo ''Il  modello Torino di Odontoiatria Sociale : il diritto alla salute orale  in un percorso per il Welfare di comunità’’


Altri Articoli

“Ci tassano anche l’aria”. Novembre è da sempre il mese più adatto per questo detto, soprattutto per gli autonomi alle prese con le rate dei pagamenti delle tasse e tra qualche giorno con...

di Norberto Maccagno


Directa, azienda produttrice di materiali odontoiatrici con sede in Svezia, ha annunciato l’acquisizione della linea di strumenti di estrazione Physics Forceps® dal produttore...


Ampio e articolato il giudizio del prof. Giampietro Farronato, titolare della Cattedra di Ortognatodonzia all’Università di Milano, sull’andamento dell’incontro.  Partendo dal...


Dopo aver deplorato la persistente circolazione in ambito delle cd. catene di numerose e radicate “fake news” Michel Cohen, Amministratore Delegato di DentalPro, “catena” di...


Secondo la Presidente COI AIOG, Maria Grazia Cannarozzo dall’incontro uscirebbe  un quadro preciso della professione, seppur attraversato da varie visioni. Anche se obiettivi in sé, i...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi