HOME - Cronaca
 
 
17 Ottobre 2019

Continua lo scontro Previmedical e ANDI

Previmedical contesta le affermazioni di ANDI e diffida: “non ci usi per accreditarsi nei confronti dei dentisti e per contrastare lo sviluppo della sanità integrativa”

Nor. Mac.

Nei mesi scorsi ANDI aveva messo a disposizione dei soci convenzionati con Previmedical, che lamentavano problemi ad ottenere il pagamento delle prestazioni effettuate secondo i termini contrattuali, la possibilità di rivolgersi ai legali dell’associazione.
Attraverso una nota pubblicata nei giorni scorsi sul proprio sito, ANDI informava che “il Tribunale competente ha accolto tutti i ricorsi azionati dai numerosi Soci ANDI e ha concesso, a fronte di una specifica richiesta, la provvisoria esecutorietà”. 

“Il ricorso per decreto ingiuntivo –continua ANDI- era stato corredato da fatture regolarmente emesse dalla Struttura sanitaria e tempestivamente inoltrate a Previmedical Spa, la quale tuttavia, non adempiendo all’obbligo di pagamento nei termini previsti dalla convenzione, non aveva neppure giustificato il mancato pagamento”.

Attraverso un comunicato stampa, Previmedical S.p.A., “nel prendere fermamente le distanze da quanto riportato da ANDI nel proprio comunicato stampa”, “ritiene assolutamente strumentale, oltre che diffamatorio, l’utilizzo distorto di comunicazioni circa problematiche amministrative in via di risoluzione o addirittura già risolte tra l’azienda e i dentisti convenzionati”. 

In particolare Previmedical contesta la frase in cui ANDI indica che “è ben nota la circostanza che Previmedical S.p.A., ormai da tempo, sia inadempiente agli obblighi di pagamento per i quali si è impegnata nelle convenzioni siglate con gli Associati ANDI”.

Affermazione che per Previmedical “non solo suonano palesemente offensive, ma espongono, con il crisma della certezza, fatti che, invece, non corrispondono in alcun modo alla realtà”.
Previmedical che afferma che “sono infatti da ritenersi totalmente prive di fondamento le informazioni strumentalmente diffuse dai vertici ANDI circa la presunta rilevanza dell’importo totale dovuto ai dentisti.

Previmedical, infatti, comunica che dall’inizio dell’anno sono stati gestiti e risolti 25 decreti ingiuntivi per un totale di 120.000 euro (integralmente già pagati) la maggior parte dei quali, peraltro, hanno trovato naturale risoluzione prima della loro stessa notifica”. 

“Nel contempo –continua la nota- ancora una volta, l’Associazione omette capziosamente di comunicare ai propri soci e ai media che nel 2018 l’adesione al Network Previmedical ha garantito ai dentisti convenzionati 98 milioni di euro di fatturato aggiuntivo (integralmente pagati), che nel 2019 sta ulteriormente crescendo avendo già raggiunto l'importo di 80 milioni di euro al 30 settembre 2019”. 

Previmedical, “nel riservarsi di adire le vie giudiziarie competenti, ivi incluse quelle penali, per la tutela del proprio decoro professionale diffida formalmente ANDI dal diffondere informazioni imprecise e mediaticamente orientate a destabilizzare il proprio assetto aziendale, creare motivi di attrito con i dentisti convenzionati e screditare l’importante funzione sociale svolta dalla Sanità Integrativa nei confronti di tutti i cittadini”. 

Articoli correlati

Per un certo periodo, quello dell’equo compenso per i liberi professionisti è stato un tema in agenda anche dai Sindacati odontoiatrici ed Ordine.L’obiettivo era quello di poter...

di Norberto Maccagno


AIO e ANOMeC sostengono progetto del senatore Ichino per modificare le norme sull’equo compenso, per garantire agli assicurati le cure del professionista di loro scelta


Da clinico e da docente universitario il prof. Gagliani porta il suo punto di vista sulla questione nata dopo il servizio della Gabanelli sui Fondi integrativi

di Massimo Gagliani


Il dott. Usoni si è fatto i calcoli di quanto costa trattare un paziente proveniente da un fondo. Calcoli alla mano lui, sembra, non starci dentro. Questo il suo racconto 


Sotto di tutti i limiti di un sistema che va profondamente riformato e che non ha trovato l’attenzione della Politica. I perché del dott. Damilano


Altri Articoli

Il fondo sanitario del settore metalmeccanico punta alla gestione diretta delle prestazioni sanitarie rese ai propri iscritti lasciando Rbm


Leonardi: trasformare il distanziamento sociale in socializzazione a distanza, oggi è possibile. Questi alcuni consigli


Possibile iscriversi ai testi entro il 12 aprile, i test a fine aprile a Milano, Roma, Napoli, Bari, Catania, Palermo e Cagliari


Possono utilizzarlo non solo le aziende ma anche i singoli professionisti, esclusi gli investimenti su radio e televisione


Partendo da una ricerca italiana il prof. Gagliani pone alcune riflessioni sul ruolo centrale dell’odontoiatra nel “monitoraggio della salute del cittadino e quello della...

di Massimo Gagliani


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La professoressa Antonella Polimeni si racconta