HOME - Cronaca
 
 
29 Ottobre 2019

Direttore sanitario iscritto in un’altra provincia, sospesa l’attività di due studi

In Friuli il NAS sospende l’attività di due Società odontoiatriche il cui direttore sanitario non era iscritto all’Albo degli odontoiatri della provincia dove sono attive le strutture

Nor. Mac.

Ad applicare, crediamo per la prima volta in Italia, la norma Boldi sui direttori sanitari sono stati i militari del NAS del FVG sospendendo l’attività di due società odontoiatriche (una di Gorizia l’altra di Udine) in quanto il direttore sanitario non era iscritto all’Albo della provincia dove la struttura esercita

Come noto, con l’approvazione della legge di Stabilità nel gennaio 2019, “le strutture sanitarie private di cura sono tenute a dotarsi di un direttore sanitario iscritto all’albo dell’ordine territoriale competente per il luogo nel quale hanno la loro sede operativa entro centoventi giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge”. 

L’intervento del NAS è da inquadrare nell’abito di una campagna nazionale del Ministero della Salute dedicata al controllo del rispetto delle normative di settore e non per una segnalazione da parte dell’Ordine. 

“Come presidenti CAO della Regione Friuli Venezia Giulia, nelle settimane successive all’approvazione della norma sui direttori sanitari, abbiamo attivato una serie di incontri con le Forze dell’Ordine e con i Dipartimenti di Prevenzione, organismi predisposti ai controlli in ambito sanitario, per sensibilizzarli. Ringrazio pubblicamente il capitano Gentilini, comandante dei NAS della Regione FVG, per la sua disponibilità e collaborazione con l’Istituzione Ordinistica”, dice ad Odontoiatria33 il presidente CAO di Udine Giovanni Braga (nella foto). 

“Credo –continua- che questi possano non essere casi isolati, nella nostra provincia sono state relativamente poche (12) sia le domande di trasferimento che quelle di richiesta di iscrizione da colleghi provenienti da altri Ordini. Fino al completo recepimento della legge Boldi, per noi presidenti CAO è stato difficile promuovere controlli perchè, pur essendo obbligatorio anche per il Codice Deontologico (art 69) comunicare all’Ordine il nominativo dei direttori sanitari delle strutture sanitarie, sono state molte le strutture che non hanno rispettato questo obbligo. Oltre a ciò, anche la normale vigilanza è stata resa difficile dalla non coincidenza della competenza territoriale con quella disciplinare”.  

“Sono peraltro convinto-conclude il presidente CAO di Udine- che, nonostante le informative che come CAO abbiamo inviato agli iscritti e pubblicato sui siti istituzionali, siano ancora molti i direttori sanitari che non hanno compreso gli obblighi previsti dalla legge; è anche probabile che gli stessi proprietari di alcune strutture non abbiano pienamente inteso il rischio di affidare l’incarico ad un Direttore sanitario iscritto in un’altra provincia.” 

Rischio di essere sanzionati, come avvenuto per le strutture di Gorizia ed Udine, con la sospensione delle attività odontoiatriche fino alla regolarizzazione della posizione del direttore sanitario. 

E come aveva spiegato il consulente dell’OMCeO di Roma Andrea Tuzio, i tempi (ora che la norma è pienamente attiva) non sono rapidissimi. 


Sull'argomento leggi anche:

14 Febbraio 2019: Direttore sanitario e trasferimento dell’iscrizione all’Ordine: ecco come fare. Attenzione ai tempi non “velocissimi”

Articoli correlati

Immagine d'archivio

L’attività illecita sarebbe stata condotta dal 2013, negli studi trovati anche farmaci e materiale ad uso esclusivo odontoiatrico


Sono stati in militari del NAS di Bologna, secondo la stampa locale su segnalazione di un paziente, a scoprire a Riccione lo studio di un finto dentista, un diplomato odontotecnico di 69 anni.Secondo...


Scoperto a Como, oltre ad essere abusivo lo studio, anche chi effettuava le cure era privo di laurea e abilitazione 


Si chiude una vicenda che ha scritto importanti passaggi giurisprudenziali in tema di ruolo di verifica e di autonomia della CAO


Attraverso una video intervista al dott. Andrea Tuzio, consulente OMCeO Roma, cerchiamo di fare il punto sulle norme che regolamentano la figura del direttore sanitario e quelle sulle autorizzazioni


Altri Articoli

Storica sentenza di un tribunale australiano nei confronti di un anonimo paziente che invitava a stare alla larga da uno studio dentistico. Google dovrà fornire le generalità


Deferiti dai NAS di Milano all’Autorità Giudiziaria per trattamenti con la tecnica PRP senza autorizzazioni dei centri trasfusionali pubblici


E’ corsa contro il tempo, ma vi sarebbero le condizioni per arrivare a modificare il Decreto prima della scadenza del 21 aprile 2020


I due sindacati odontoiatrici non parlano delle possibili modifiche ma si dicono fiduciosi e plaudono le Istituzioni per aver attivato un confronto per risolvere le criticità


Sostenuto anche dalle Regioni Ordini professionali e società scientifiche per informare i cittadini. L’invito è quello di diffonderlo per migliorare l’informazione


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni