HOME - Cronaca
 
 
31 Ottobre 2019

ASO, le CAO siciliane scrivono alla Regione per il riconoscimento dei contratti di ‘’segreteria’’

Chiesta la modifica del decreto sugli ASO: “se per 5 anni i collaboratori hanno svolto mansioni odontoiatriche, nonostante un contratto diverso, la qualifica scatta in automatico”


Nel corso della riunione tenutasi a Catania venerdì 25 ottobre u.s. tra le CAO degli Ordini provinciali dei medici chirurghi e degli odontoiatri siciliani, nello svolgimento dei compiti connessi al ruolo di organi sussidiari, hanno approvato all'unanimità il documento che chiede alla Regione di Assessorato della Salute, dell’Assessorato dell’Istruzione e della Formazione Professionale di integrare il decreto con la quale la Regione ha regolamentato la figura dell’ASO.  

Nel documento, firmato dai presidenti provinciali CAO Giuseppe Renzo (Messina, sede del coordinamento siciliano), Gian Paolo Marcone (Catania), Mario Marrone(Palermo), Luigi Burruano (Agrigento), Dario Di Paola (Siracusa), Giuseppe Tumino (Ragusa), Carmelo Cassarà (Enna) e Giuseppe Costa (Caltanissetta), viene richiesto di intervenire per superare il problema dei lavoratori e lavoratrici che oggi lavorano con un contratto da segretaria pur facendo l’Assistente alla poltrona.  

“Dal punto di vista giuridico/contrattuale, spiegano nella nota i presidenti CAO siciliani- in questi ultimi anni la maggior parte degli studi odontoiatrici siciliani ha assunto collaboratori che svolgevano mansioni di aiuto alla poltrona e che oggi rischiano di non vedere riconosciuta la loro reale competenza ed esperienza in quanto inquadrate come ‘attività di segreteria’”.  

L’errore, spiegano i presidenti CAO siciliani, è dovuto al fatto che “l’assenza di un profilo professionale definito e legalmente riconosciuto come qualifica ASO ha prodotto notevoli distorsioni nell’inquadramento giuridico dei dipendenti che hanno svolto, nei fatti, le mansioni di Assistente alla poltrona”.  

“I dati in possesso delle istituzioni rappresentative della categoria professionale odontoiatrica -continua il documento- evidenziano come, in molti casi, coloro i quali hanno svolto mansioni di assistente alla poltrona sono stati assunti con contratti di “addetto di segreteria” ovvero di “collaboratore a vario titolo” e, comunque, con una denominazione in pratica diversa da quella prevista dal DPCM”. “Ma in studi di medie e piccole dimensioni -continuano- l’attività di segreteria ovvero di altra collaborazione e quella di assistente alla poltrona sostanzialmente convivevano”.   

La richiesta di modifica della norma agli Assessorati regionale alla Salute e a quello della Formazione da parte dei presidenti CAO siciliani, ha quindi l’obiettivo di “riconoscere a tutti i dipendenti che hanno lavorato in stretta collaborazione con l’odontoiatra, e che hanno maturato i 36 mesi di esperienza lavorativa, la qualifica di ASO”. Infine, per coloro che hanno lavorato solo da 1 a 35 mesi, è stata “richiesta la possibilità di accesso ai percorsi integrativi, parimenti a quanto già previsto nel decreto per le Assistenti alla poltrona”.   

Articoli correlati

Tra le notizie più cliccate della settimana, quella che informava della convocazione degli incontri tra Sindacati ed Associazioni degli Odontoiatri e delle ASO con il Ministero della Salute e le...

di Norberto Maccagno


On line le proposte che IDEA formulerà domani al Ministero per risolvere le criticità sull’applicazione del DPCM. Intanto nessuna indiscrezione dall’incontro tra Ministero, Regioni, CAO e...


La prossima settimana incontro (separato) con i sindacati degli odontoiatri e delle ASO per un confronto sulle problematiche emerse e le possibili soluzioni


La formazione per acquisire dignità professionale. Un testo ideale per i corsi di formazione ma anche per aggiornare chi non è obbligato a conseguire l’attestato di qualifica


Commentando l’articolo sull’apertura di un novo ambulatorio odontoiatrico a Firenze, Alexander Peirano (CAO Firenze) pone delle riflessioni sulle scelte del SSN


Altri Articoli

Una mozione chiede che possano esercitare sono le STP odontoiatriche con direttore sanitario, emendamenti puntano a introdurre sanzioni per la proprietà in tema di pubblicità 


Il finto dentista cinese operava in casa ed al posto del riunito utilizzava una sdraio da giardino 


“Ci tassano anche l’aria”. Novembre è da sempre il mese più adatto per questo detto, soprattutto per gli autonomi alle prese con le rate dei pagamenti delle tasse e tra qualche giorno con...

di Norberto Maccagno


Directa, azienda produttrice di materiali odontoiatrici con sede in Svezia, ha annunciato l’acquisizione della linea di strumenti di estrazione Physics Forceps® dal produttore...


Ampio e articolato il giudizio del prof. Giampietro Farronato, titolare della Cattedra di Ortognatodonzia all’Università di Milano, sull’andamento dell’incontro.  Partendo dal...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi