HOME - Cronaca
 
 
31 Ottobre 2019

ASO, le CAO siciliane scrivono alla Regione per il riconoscimento dei contratti di ‘’segreteria’’

Chiesta la modifica del decreto sugli ASO: “se per 5 anni i collaboratori hanno svolto mansioni odontoiatriche, nonostante un contratto diverso, la qualifica scatta in automatico”


Nel corso della riunione tenutasi a Catania venerdì 25 ottobre u.s. tra le CAO degli Ordini provinciali dei medici chirurghi e degli odontoiatri siciliani, nello svolgimento dei compiti connessi al ruolo di organi sussidiari, hanno approvato all'unanimità il documento che chiede alla Regione di Assessorato della Salute, dell’Assessorato dell’Istruzione e della Formazione Professionale di integrare il decreto con la quale la Regione ha regolamentato la figura dell’ASO.  

Nel documento, firmato dai presidenti provinciali CAO Giuseppe Renzo (Messina, sede del coordinamento siciliano), Gian Paolo Marcone (Catania), Mario Marrone(Palermo), Luigi Burruano (Agrigento), Dario Di Paola (Siracusa), Giuseppe Tumino (Ragusa), Carmelo Cassarà (Enna) e Giuseppe Costa (Caltanissetta), viene richiesto di intervenire per superare il problema dei lavoratori e lavoratrici che oggi lavorano con un contratto da segretaria pur facendo l’Assistente alla poltrona.  

“Dal punto di vista giuridico/contrattuale, spiegano nella nota i presidenti CAO siciliani- in questi ultimi anni la maggior parte degli studi odontoiatrici siciliani ha assunto collaboratori che svolgevano mansioni di aiuto alla poltrona e che oggi rischiano di non vedere riconosciuta la loro reale competenza ed esperienza in quanto inquadrate come ‘attività di segreteria’”.  

L’errore, spiegano i presidenti CAO siciliani, è dovuto al fatto che “l’assenza di un profilo professionale definito e legalmente riconosciuto come qualifica ASO ha prodotto notevoli distorsioni nell’inquadramento giuridico dei dipendenti che hanno svolto, nei fatti, le mansioni di Assistente alla poltrona”.  

“I dati in possesso delle istituzioni rappresentative della categoria professionale odontoiatrica -continua il documento- evidenziano come, in molti casi, coloro i quali hanno svolto mansioni di assistente alla poltrona sono stati assunti con contratti di “addetto di segreteria” ovvero di “collaboratore a vario titolo” e, comunque, con una denominazione in pratica diversa da quella prevista dal DPCM”. “Ma in studi di medie e piccole dimensioni -continuano- l’attività di segreteria ovvero di altra collaborazione e quella di assistente alla poltrona sostanzialmente convivevano”.   

La richiesta di modifica della norma agli Assessorati regionale alla Salute e a quello della Formazione da parte dei presidenti CAO siciliani, ha quindi l’obiettivo di “riconoscere a tutti i dipendenti che hanno lavorato in stretta collaborazione con l’odontoiatra, e che hanno maturato i 36 mesi di esperienza lavorativa, la qualifica di ASO”. Infine, per coloro che hanno lavorato solo da 1 a 35 mesi, è stata “richiesta la possibilità di accesso ai percorsi integrativi, parimenti a quanto già previsto nel decreto per le Assistenti alla poltrona”.   

Articoli correlati

Parere positivo dalla Conferenza Stato Regioni all’accordo di proroga di 12 mesi per assumerne ASO non qualificate


Domani potrebbe arrivare il primo via libera necessario per prorogare di un anno le scadenze previste dal nuovo profilo ASO su assunzioni


La settimana che ha preceduto questa, speriamo, penultima domenica del #iorestoacasaltrimentiilvicinochiamaivigli, è stata connotata da buone notizie (guardando con ottimismo) anche per il settore...

di Norberto Maccagno


Scaduto il termine per assumere ASO non qualificate, AIO si appella al Ministro chiedendo di approvare al più presto le modifiche al profilo già concordate nelle riunioni ministeriali


Abbondanza: l’emergenza pandemia ha di fatto “congelato” anche questa scadenza, “sollecitiamo il Ministero a dare risposte”


Altri Articoli

La disparità di trattamento, in tema di aiuti causa pandemia, tra attività gestite da un iscritto ad un Albo professionale e quella da un cittadino munito di partita iva è...

di Norberto Maccagno


Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


Quali gli strumenti da adottare, quali le indicazioni. Prof. Azzolini: attraverso gli occhi il virus può infettare gli operatori


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni