HOME - Cronaca
 
 
12 Dicembre 2019

Professioni sanitarie ed obbligo invio dati al StS: presentato reclamo al Garante privacy

L’obbligo violerebbe la privacy dei pazienti che hanno già effettuato i pagamenti. Uno studio di consulenza fiscale evidenza la criticità e presenta un reclamo

Nor. Mac.

Entro il 31 gennaio 2020 i professionisti appratenti ai nuovi Albi delle professioni sanitarie, tra cui gli igienisti dentali, dovranno inviare al Sistema Tessera Sanitaria i dati delle fatture emesse direttamente ai pazienti nell’anno 2019.

Oltre alla corsa contro il tempo e la necessità di inserire in meno di due mesi i dati delle fatture emesse nell’anno in corso, come era successo anche per medici e dentisti il primo anno di obbligo, potrebbe anche venire sollevata una questione di violazione della privacy del paziente.

A sostenerlo è lo Studio Franco di Fossano (CN), studio di consulenza tributaria e societaria, che nei giorni scorsi ha inviato un reclamo al Garante della privacy chiedendo  che venga disposto il divieto di trattamento dei dati da parte dell’Agenzia delle Entrate- Sistema Tessera Sanitaria per le prestazioni effettuate dai “nuovi soggetti” nel periodo intercorrente tra il 1° gennaio 2019 ed il 3 dicembre 2019, ovvero quello precedente all’entrata in vigore della decreto che istituisce l’obbligo.Come noto i pazienti possono opporsi all’invio dei dati al Fisco per il proprio 730 pre-compilato comunicandolo al professionista. 

Ma se dell’obbligo si è venuto a conoscenza solo con la pubblicazione in G.U. del Decreto del Mef il 4 dicembre 2019, come è possibile sapere se i pazienti a cui il professionista ha già emesso la fattura acconsentono o meno all’invio, fa notare al Garante il consulente fiscale.

Anche quando nel entrò in vigore l’obbligo per dentisti e medici, era l’autunno 2015, tra le criticità venne sollevata anche questa. Al tempo, però venne sostenuto che il contribuente poteva decidere di “cancellare” le prestazioni di cui non vuole comunicare la spesa alle Entrate quando riceve la bozza del proprio 730 precompilato.

Vedremo se il Garante darà una risposta al consulente piemontese e prenderà una posizione diversa. 

Articoli correlati

Il contratto avrà la durata di 12 mesi per un progetto di prevenzione e gestione delle malattie paradontali, domande entro il 7 gennaio 2020


O33cronaca     11 Dicembre 2019

Ulss veneta cerca un igienista dentale

Contratto a tempo indeterminato presso l’Ulss numero 6 Euganea, domande entro il 9 gennaio 2020


Pubblicato in GU il Decreto con la norma che obbliga anche gli igienisti dentali all’invio dei dati al Sistema Tessera Sanitaria delle fatture emesse nei confronti dei pazienti. Ecco le modalità


Il passaggio di consegne durante il XVIII Congresso Nazionale dell’U.N.I.D. Rinnovato anche il Direttivo Nazionale dell’Unione Nazionale Igienisti Dentali


Una delibera della Commissione Nazionale ECM detta le regole per gli iscritti ai nuovi Ordini. Per gli Igienisti nasce il caso del “pregresso”


Altri Articoli

L’On. Nevi presenta un emendamento alla Legge Milleproroghe che punta ad abrogare l’obbligo del pagamento con mezzi tracciati per le prestazioni sanitarie rese dai privati, ecco il testo  


Fiorile, una norma che crea disagi ad anziani e famiglie e va nella direzione opposta chiesta da AIO


Per la presidente siciliana è il quarto andato consecutivo. “Lavoreremo all’insega della continuità consolidando la nostra identità volta a promuovere l’aggiornamento su tutto il territorio...


Una presidenza all’insegna della continuità promuovendo la formazione per gli odontoiatri ma anche l’informazione verso ai pazienti. Il neo presidente svela i progetti 


Un passo importante nella forte espansione dell'attività in segmenti strategici del mercato odontoiatrico


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni