HOME - Cronaca
 
 
08 Gennaio 2020

Cure all’estero, l’OMCeO di Latina mette in guardia i cittadini

Dalla CAO informazioni verso i rischi e uno sportello di consulenza a disposizione dei cittadini per ottenere informazioni e consulenza anche su eventuali azioni legali da intraprendere 


Anche se fa meno notizia di un tempo, il turismo odontoiatrico è ancora praticato dagli Italiani e non solo nelle zone di confine. A ricordare come i “viaggi della speranza” per sottoporsi a cure odontoiatriche oltre confine possano nascondere insidie è la CAO di Latina che ha predisposto un documento, approvato dall’Assemblea dell’OMCeO, in cui vengono ricordate le criticità ed i rischi. In particolare quelli legati all’utilizzo di materiali che non rispettano la normativa e i tempi clinici necessari per alcune terapie, per esempio quelle implantoprotesiche.“In Italia i professionisti sono assoggettati a protocolli terapeutici e linee guida e tempistiche di guarigione per la realizzazione di interventi e riabilitazioni protesiche con certificazione di conformità che i professionisti sono obbligati a mettere a disposizione dei pazienti”, dicono dalla CAO aggiungendo.

“Queste norme CE in paesi esteri non appartenenti alla Comunità Europea non valgono: cioè i professionisti possono fare quello che meglio credono con i materiali che preferiscono, senza che ci siano degli obblighi da parte loro di osservanza di standard qualitativi come qui da noi in Italia”.Commissione Albo Odontoiatri di Latina che sottolinea come “l’odontoiatra in Italia è stato da sempre, come il medico di famiglia, colui che ha sempre accompagnato in un percorso di salute il paziente, conoscendone tutte le abitudini, i suoi fattori di rischio e le necessità nel tempo di controllo. Tutto ciò ha sempre consentito all’odontoiatra di consigliare il paziente al meglio per le terapie e le riabilitazioni più adatte al suo caso”. 

Alcune delle indicazioni date dalla CAO.

Diffidate di tempi troppo veloci nelle riabilitazioni: Quando sono necessarie terapie e riabilitazioni, si ha la necessità di tempi adeguati di osservazione, per valutare come l'organismo del paziente reagisca alle procedure odontoiatriche in modo da poterle adattare alle sue specifiche esigenze. Comprimendo invece una serie di interventi chirurgici nel cavo orale di un paziente in un arco ristretto di tempo (pochi giorni invece che settimane o mesi ), molte volte spinti dalla volontà di ridurre spese e costi a dismisura, non si ha la possibilità di osservare le razioni tessutali e di modulare le procedure chirurgiche e le terapie mediche necessarie per il singolo caso.

Difficoltà di trovare un dentista in Italia disposto a rivedere le cure eseguite all’estero: Tutti gli odontoiatri devono essere consapevoli e consci delle responsabilità medico-legali alle quali vanno in contro quando decidono di intervenire su terapie cominciate da terzi e non condivise con loro, cercando di mantenere nel tempo dei risultati difficilmente predicibili. Qualora ci fossero delle controversie in merito ai danni subiti il procedimento giudiziario nella sua fase iniziale, inquirente vedrebbe obbligatoriamente coinvolti non solo il primo operatore sanitario intervenuto all'estero sul paziente ma anche l'ultimo, intervenuto in Italia, sullo stesso paziente e potrebbe essere chiamato a rispondere di colpe non sue.

Una Commissione tecnica a disposizione per chi avesse problemi: Qualunque paziente si sia recato presso strutture in paesi al di fuori dell’Italia per effettuare delle terapie odontoiatriche, rilevato delle problematiche di qualunque natura, si può rivolgere all'Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della Provincia di Latina in modo che possa essere consigliato in eventuali azioni nei confronti dei responsabili dei fatti rilevati. A questo fine l'Ordine mette a disposizione dei richiedenti una commissione tecnica di Odontoiatri che può fornire gratuitamente (e mantenendo l'anonimato che eventualmente richieda il paziente) un parere tecnico sulla qualità e l'esito dei lavoro eseguito all'Estero in modo che il paziente possa poi farsi una sua propria idea su basi maggiormente fondate.  

Articoli correlati

Contestati dalla Guardia di Finanza reati fiscali ad un imprenditore romagnolo che organizzava da oltre 15 anni, viaggi in Croazia


Pollifrone evidenza a Il Messaggero i rischi ed informa di un caso di decesso sospetto


Una ricerca neozelandese ha cercato di individuare le principali cause d’insuccesso


Tra i punti interessanti della ricerca di Altroconsumo sul turismo odontoiatrico c'è quello, forse scontato, che permette di conoscere i motivi che spingono a varcare l'italica frontiere e...


Dopo l'indagine condotta nel 2009, l'associazione consumatori Altroconsumo è ritornata ad indagare il fenomeno del turismo odontoiatrico raccogliendo le storie di chi si è recato...


Altri Articoli

L’On. Alberto Volponi è "il papà" di una delle leggi la cui applicazione, o la non applicazione, è da sempre alla base dello “scontro” giudiziario tra Catene, Sindacati ed anche Ordine: la...

di Norberto Maccagno


La Consulta Nazionale dei CAF chiede un intervento del Ministero delle finanze per evitare criticità per contribuenti e prestatori di servizi


Ammessi solo quelli che riguardavano proroghe. L’On leghista prova anche la carta del ricorso ma senza successo. Tenterà altre strade


Poco più di 62 mila il numero totale, meno di 800 il saldo attivo dei nuovi iscritti nel 2019. Tra questi molte le donne


Avviso di richiamo per una serie di lotti di Abutment di guarigione Certain® BellaTek® Encode® 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni