HOME - Cronaca
 
 
17 Gennaio 2020

Criticità e vantaggi dei fondi sanitari integrativi, a Milano un convegno

Organizzato per giovedì 23 gennaio 2020 da ANOMEC a Milano, un evento dal titolo: “Costi di gestione dello studio e convenzioni sanitarie: due realtà incompatibili?”


Fin dall’introduzione della normativa sui Fondi integrativi l’odontoiatria si è divisa tra chi li vede come una necessità, chi li contrasta e chi non li gradisce ma si deve adeguare per non rinunciare ad una fetta di clientela. L’Associazione Nazionale Odontoiatri e Medici Convenzionati (ANOMeC) ha organizzato per giovedì 23 gennaio (ore 20,15 Cinema Oscar via Lattanzio, 58/a – Milano) un convegno dal titolo “Costi di gestione dello studio e convenzioni sanitarie: due realtà incompatibili?”. 

Per approfondire le tematiche sono stati chiamati a portare il proprio contributo

Il prof. Antonio Pelliccia (docente di economia e marketing) approfondirà la sostenibilità economica e il risk management, gli indici di performance quantitativi nell’esercizio della libera professione per l’odontoiatra in particolare all’interno delle convenzioni sanitarie.

L’Avvocato Paolo Marinello (Altroconsumo) approfondirà la tematica dal punto di vista del paziente, riportando apprezzamenti verso la sanità integrativa ma anche le criticità riscontrate dagli utenti. 

Il prof. Paolo Monistiroli (docente del San Raffaele di Milano) toccherà gli aspetti medico legali in tema di responsabilità professionale del medico e dell’odontoiatra convenzionato, ma anche di eventuali abusi da parte dei provider assicurativi. 

L’avvocato Annalisa Premuroso (legale di ANOMeC) approfondirà i temi della tutela dei medici ed odontoiatri nei confronti dei provider assicurativi, con particolari riferimenti alle questioni nate in questi mesi in tema di rimborsi delle fatture e modifiche dei contratti. 

Una tavola rotonda finale cercherà di rispondere alle domande degli intervenuti.L’apertura sarà a cura del presidente della CAO di Milano Andrea Senna, che ricorderà il ruolo istituzionale dell’Ordine nell’ambito dei rapporti tra medico - paziente - terzo pagante, mentre l’introduzione sarà affidata al referente ANOMeC per la Lombardia Alberto Di Feo. Al direttore di Odontoaitria33 Norberto Maccagno il compito di portare qualche dato su fondi sanitari integrativi ed odontoiatria. 

A questo link il programma dell’evento.  

Articoli correlati

In un cinema milanese uscita pubblica dell’Associazione Nazionale Odontoiatri e Medici Convenzionati per fare il punto su criticità ed avanzare proposte


ANOMC organizza il 23 gennaio a Milano un momento di approfondimento sul convenzionamento ed i costi di gestone dello studio


CAO Roma approfondisce il tema cercando di capire come le scelte che vengono fatte sul SSN, impattano anche sulla sanità privata e quella odontoiatrica in particolare


Intervista a Maria Rita Vannetti presidente della neonata Associazione Nazionale Odontoiatri e Medici Convenzionati


Previmedical contesta le affermazioni di ANDI e diffida: “non ci usi per accreditarsi nei confronti dei dentisti e per contrastare lo sviluppo della sanità integrativa”


Altri Articoli

La settimana che ha preceduto questa terza domenica di #iorestoacasa, è iniziata con la decisione governativa di distinguere l’Italia tra chi fa lavori essenziali e gli altri. E per una...

di Norberto Maccagno


Il presidente Fiorile scrive a Conte ed ai ministeri vigilanti: “congiuntura grave impedisce voto sereno” 


Corso online in diretta con il prof. Marco Esposito suddiviso in tre giornate. Si parte il 30 marzo, ancora disponibili dei posti


Sarà possibile richiedere fino al 15% della pensione annua. Come per il contributo dei mille euro, si dovrà attendere il via libera dei Ministeri vigilanti


Statement delle organizzazioni europee delle professioni sanitarie in cui si chiede all’Europa di tutelare chi è è in prima linea contro Covid-19


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come deve essere organizzato lo studio al tempo di emergenza da coronavirus, i consigli del presidente SIdP