HOME - Cronaca
 
 
04 Febbraio 2020

ASO: appello del SIASO alla Politica: serve un emendamento al Milleproroghe

Prorogare la prima scadenza del decreto di un anno è la richiesta del sindacato delle ASO. Intanto, domani, la riunione tecnica Stato Regioni e Ministero sarà senza sindacati ed associazioni


In vista della prima scadenza imposta dal DPCM che vede l’impossibilità dal 21 aprile 2020 di assumente una ASO senza attestato di qualifica o riconoscimento dell’attività svolta, il SIASO abbandona le polemiche e si appella alla politica chiedendo di inserire un emendamento al Milleproroghe che posticipi almeno di un anno la prima scadenza

“Dal 21 aprile per molti studi odontoiatrici e strutture sanitarie che prevedono l’assistenza odontoiatrica, sarà complesso trovare un ASO in regola, anche solo per sostituire le maternitàAssistenti già formati e preparati potrebbero non poter più lavorare”, dice attraverso un comunicato il SIASO sottoscritto da tutto il direttivo: Fulvia Magenga, Alessandra Terzo, Marzia Biano, Mary Priod e Adriana Pirola.

“Ci sono migliaia di posti di lavoro a rischio e altrettanti studi odontoiatrici che avranno problemi nel ricercare un Assistente qualificato per assisterli nella cura dei propri pazienti”, continuano. La preoccupazione del SIASO è causata dal silenzio del Ministero “nel mettere mano ad una norma che nei principi fondamentali, quelli di regolamentare una importante figura all’interno del Team odontoiatrico, è corretta ed è stata auspicata da tempo ma è stata scritta senza tenere conto di alcuni concetti basilari che toccano molto da vicino i lavoratori, non prevedendo la loro tutela”. 

Il SIASO punta il dito sulla prima scadenza prevista dal DPCM “che non consentirà più dal 21 aprile 2020, agli studi odontoiatrici di assumere un Assistente di Studio senza l’attestato di qualifica o il riconoscimento dell’attività pregressa, ovvero dimostrare di essere stati assunti dal 21/04/2013 al 21/04/2018 almeno 36 mesi come Assistente alla poltrona” ricorda il SIASO che aggiunge. 

“Molti dei tantissimi ASO attualmente assunti negli studi odontoiatrici italiani (si stima oltre 20 mila su 90 mila in attività) sono stati inquadrati con qualifiche differenti da quella indicata dal Decreto (assistenti sanitari, igienisti dentali, persino aiuto alla regia o, genericamente, impiegata) e questo preclude a lavoratrici e lavoratori in attività da decenni di poter vedersi esentati dal conseguimento dell’attestato di qualifica”. 

“Per molti di loro non sarà neppure possibile accedere ai corsi in quanto appartengono ad una generazione per la quale l’obbligo scolastico terminava con la terza media inferiore”, continua il SIASO. Il Decreto, che “abilita” l’ASO, prevede “l'adempimento al diritto dovere all'istruzione e formazione professionale ai sensi della normativa vigente” (come è giusto che sia) ricorda il SIASO, aggiungendo: “Inoltre alcune Regioni non hanno ancora recepito il Decreto e quelle che lo hanno fatto hanno definito criteri di riconoscimento delle attività pregresse diverse tra loro, creando disparità di trattamento”. 

Ricordando come “dopo molte sollecitazioni” nell’ottobre scorso il Ministero ha convocato, in tavoli separati, i sindacati degli odontoiatri e quelli degli ASO per fare il punto sulla situazione, il SIASO, in merito dell’incontro di domani tra Stato Regioni e Ministero a cui i sindacati odontoiatrici e quelli di riferimento delle ASO non sono stati invitati, ritiene che per eventuali modifiche che possano scongiurare i problemi al settore in vista della prima scadenza “Il tempo è scaduto e non ci sembra ci siano gli spazi per produrre un nuovo Decreto, che modifichi il precedente Decreto, il quale deve essere presentato dal Ministero della Salute, approvato dalle Regioni e poi approvato dal Governo e pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Tutto questo iter dovrebbe svolgersi in 76 giorni. Dal momento che nulla è stato fatto per due anni, come si riuscirà a farlo in così breve tempo?”  

Il SIASO si appella quindi alla Politica al fine che predisponga ed inserisca nel Milleproroghe in discussione dal Parlamento “un emendamento che posticipi di un anno la prima scadenza prevista”.  



Articoli correlati

Parere positivo dalla Conferenza Stato Regioni all’accordo di proroga di 12 mesi per assumerne ASO non qualificate


Domani potrebbe arrivare il primo via libera necessario per prorogare di un anno le scadenze previste dal nuovo profilo ASO su assunzioni


La settimana che ha preceduto questa, speriamo, penultima domenica del #iorestoacasaltrimentiilvicinochiamaivigli, è stata connotata da buone notizie (guardando con ottimismo) anche per il settore...

di Norberto Maccagno


Scaduto il termine per assumere ASO non qualificate, AIO si appella al Ministro chiedendo di approvare al più presto le modifiche al profilo già concordate nelle riunioni ministeriali


Abbondanza: l’emergenza pandemia ha di fatto “congelato” anche questa scadenza, “sollecitiamo il Ministero a dare risposte”


Altri Articoli

Secondo i dati del 2018, nessun caso certo di contagio è avvenuto nello studio odontoiatrico. Lo 0,8% dei casi notificati si erano, anche, sottoposti a cure odontoiatriche nei 10 giorni precedenti 


Il dott. Rubino ripercorre e commenta il periodo dell'emergenza sanitaria e rivolgendosi ai cittadini dice: è fisiologico voler voltare pagina per poter ricominciare, ma è disumano dimenticare o...


Manifestazione virtuale di 23 Ordini professionali (senza medici e dentisti) per dire basta alle discriminazioni nei loro confronti e ribadire al Governo il ruolo economico, sociale e sussidiario


Cosa sono e quali gli esami diagnostici che possono indicare la positività di un paziente al Covid-19 e quali le responsabilità ed i doveri del dentista?


In un articolo sul Corriere della Sera il presidente ANDI sottolinea le forti difficoltà del settore confermate dal fatto che “le catene internazionali stiano scappando dall’Italia”


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni